Faceva prostituire la figlia con il compagno, due condanne

23/05/2011 di
tribunale-latina

Faceva prostituire la figlia con il compagno, in auto.  Condnannato Elio D.U., 61 anni, originario di Roma ma residente ad Aprilia, accusato di stupro nei confronti di una ragazza di 19 anni, figlia della compagna. L’uomo, assistito dall’avvocato Luciano Riccardelli, oltre che del reato di violenza della 16enne, doveva rispondere anche di favoreggiamento della prostituzione nei confronti della stessa amante e di abusi rivolti alla gemella della vittima.

Una pattuglia sorprese in una zona di campagna l’uomo, che intento a rivestirsi, abbandonò la macchina, si diede alla fuga ma venne rintracciato subito dopo. Quello che lasciò sconvolti gli stessi militari era stato scoprire una ragazzina di 16 anni nuda sul sedile anteriore ribaltato e il fatto che la donna, seduta dietro ad assistere alla violenza, era proprio la madre, che finì in manette con l’accusa di concorso in violenza sessuale: per Teresa G., 45 anni, difesa da Marco Cinquegrana, il giudice ha deciso per una pena di cinque anni e quattro mesi, a fronte dei cinque richiesti dal pm.

  1. beh! chi legge non può ricordare fatti accaduti tre anni addietro.
    Comunque grazie per la precisazione.

  2. Non ho parole.. che Schifo.
    La madre che assisteva alla scena dietro la macchina.. ma che razza di gente è? Che assurdità!