Morphe Arreda

Fuga dalla crisi, 10 negozi di Latina aprono in Albania

19/02/2015 di
centro-commerciale-ring-tirana-albania

centro-commerciale-ring-tirana-albaniaAlmeno una decina di imprenditori pontini pronti ad aprire negozi e attività in Albania, in un centro commerciale di lusso a Tirana. Lo scrive il quotidiano Il Messaggero raccontando l’avventura promossa dall’avvocato Amleto Coronella che assisterà gli imprenditori pontini aprendo un nuovo studio legale con avvocati albanesi.

«Almeno una decina di imprenditori – racconta Coronella – hanno deciso di investire, ma credo che aumenteranno rapidamente. Ci sarà l’abbigliamento con Mancinelli, l’Occhialeria, un negozio di “99 Cent” e anche mia moglie gestirà un negozio di abbigliamento. Tutti nel centro commerciale Ring, un piano sarà quasi interamente pontino. Anche il mio studio sarà nell’area degli uffici nel centro commerciale». 

amleto-coronella-latina-avvocato-3765422Coinvolto anche l’imprenditore del Park Hotel, Lepori, che gestirà l’hotel nel centro commerciale, ma anche Bollanti che vuole aprire un ufficio di rappresentanza per i mezzi di soccorso.

Sono molti gli imprenditori italiani che investono in Albania dove viene applicata una tassazione fissa del 10% e i dipendenti assunti regolarmente non costano più di 200 euro al mese.

  1. Bravi bravi. Approfittano del sistema economico europeo scellerato. Tanti paesi, alcuni con la stessa moneta ma con regole fiscali diverse che si fanno concorrenza a suon di tassazioni differenti e senza alcun meccanismo di solidarietà. Andiamo avanti così.

  2. Ottima cosa… non sapevo di questo.. mi informo e vedo di trasferirmici anche io con il mio negozio “storico” qui non si puo piu vivere

  3. in questa Italia non conviene investire considerato che la pressione fiscale diretta e indiretta è arrivata al 70%.

  4. x vetriolo, sarà anche vero ciò che asserisci ma non fa la differenza, perchè mai un tizio onesto o disonesto dovrebbe investire denaro e proprie energie dove il prelievo fiscale è asfissiante?

    Quando un ministro della repubblica italiana propone e firma una legge che il parlamento approva, con la quale le sue azioni quotate si moltiplicano del 62% emesse da una banca dove il padre e vicepresidente si ha la prova provata che tra ciò che tu asserisci e ciò che in parlamento approvano non ci sia differenza.

  5. L’Italia con la tassazione al 70% è un paese evoluto. Abbiamo le tasse più alte di un paese scandinavo con i servizi di un paese del Corno d’Africa. Preferisco un paese del terzo mondo come l’Albania o come la Romania, dove se fatturi meno di 15.000 euro paghi il 3% (tre) di tasse. In Italia non meno del 50%.

  6. Spero che i 200 € del costo dei dipendenti si riferisca a tasse e contributi,
    altrimenti non è altro che un nuovo sfruttamento della schiavitù umana!

  7. Ma se i dipendenti costano 200 € al mese, vuol dire che guadagneranno qualcosa meno, per via di un minimo di tasse. Tolto il necessario, bollette e viveri, quanto rimane da spendere al centro commerciale? Oppure i prezzi scederanno a livello “albanese”?
    Forse i negozi sono fatti per i nuovi ricchi? Non credo ci sia una vasta platea.
    Oppure hanno deciso di fare un ponte aereo tra Latina Scalo e Tirana per far fare la spesa ai Pontini?

  8. chi parla male di quelli che hano fatto questa scelta appartiene sicuramente a quella categoria , per la maggior parte nel settore pubblico ,che per anni ha beneficiato dipermessi sindacali buoni pasto esenzioni ticket cassa integrazione legge 104, baby pensioni ecc ecc.Tutti questi privilegi sono stati pagati dalla marea di partite iva, che affrontano ogni giorni i problemi del lavoro autonomo.
    Possiamo liberamente decidere dove cazzo investire si ono?
    Dobbiamo chiedere alla camusso il permesso di comprare il bilglietto aereo per tirana?

  9. Date retta, l’unico che farà affari sarà l’avvocato promotore di questa iniziativa. Gli altri torneranno in Italia con le ossa rotte e carichi di debiti.