Cusani sospeso, il M5S chiede lo scioglimento del Consiglio provinciale

21/02/2014 di
iannuzzi-m5s-latina24ore-001

Il MoVimento 5 Stelle ha deciso di presentare una nuova interrogazione al Ministro dell’Interno (prima firma di Cristian Iannuzzi) in cui chiede lo scioglimento del Consiglio provinciale. “Le note vicende giudiziarie – spiega Iannuzzi – che coinvolgono il Presidente della Provincia di Latina, condannato dal Tribunale di Latina alla pena di due anni di reclusione e due anni di interdizione dai pubblici uffici per il reato di abuso di ufficio ed abuso edilizio, oltre a una ulteriore condanna in primo grado a un anno e mezzo di reclusione per il reato di abuso d’ufficio, sono costate a Cusani un provvedimento di sospensione di 18 mesi dalla carica di Presidente della Provincia di Latina (in conformità con la Legge Severino).

L’approvazione della mozione in Consiglio provinciale di Latina, del 12 febbraio 2014, con cui viene censurato l’operato del Prefetto D’Acunto e rigettato il provvedimento di sospensione a carico di Cusani, ha l’unico scopo di vanificare gli effetti di una corretta applicazione della legge, da parte di una Istituzione dello Stato”.

LA PRECEDENTE INTERROGAZIONE. Il 28 ottobre 2013 il MoVimento 5 Stelle presentava una interrogazione parlamentare in cui chiedeva per quale motivo il Prefetto di Latina non avesse ancora applicato la Legge Severino al condannato in primo grado Cusani, presidente in carica della provincia di Latina. Tre giorni dopo, 2 novembre 2013, il Prefetto D’Acunto emetteva il provvedimento di sospensione a carico del condannato Cusani in accordo con la Legge Severino e con l’autorevole giurisprudenza del Consiglio di Stato.

Una mozione della maggioranza di centrodestra, in Consiglio Provinciale, ha recentemente attaccato il Prefetto di Latina per aver ottemperato al proprio dovere applicando una Legge della Repubblica Italiana nei confronti di un condannato per abuso d’ufficio.

Il Movimento 5 Stelle “desidera esprimere solidarietà al Prefetto D’Acunto, che si è dimostrato uomo delle istituzioni e che oggi viene sconfessato dalla politica, per aver disturbato il manovratore, ovvero i “poteri forti” che imperano nel feudo di Latina. Insieme a tutti i cittadini onesti di questa provincia, invitiamo il Prefetto a non farsi intimorire ed a proseguire sempre nel rispetto delle regole e dell’etica istituzionale”.

IL TESTO DELL’INTERROGAZIONE

 

  1. e sarebbe anche ora che Cusani venisse condannato all’interdizione perpetua dai pubblici uffici, come parte della giunta comunale di pontinia già condannata per danno erariale, ma adesso ci pensa Renzi a sistemare tutto.

  2. La cosa che mi preoccupa è che sono stati solo i 5S a tentare di far rispettare una legge, e nemmeno quei venduti del PD.