Morphe Arreda

Usura ed estorsioni, dopo 16 anni concluso il processo ai Ciarelli

27/06/2013 di
tribunale-latina-24ore-6872600027

Un processo lungo 16 concluso con assoluzioni, prescrizioni e una sola condanna. Il caso riguarda presunti prestiti usurari ed estorsioni legati alla famiglia Ciarelli. Sotto accusa Carmine, Antonio e Ferdinando Ciarelli, Luigi Bianchi e Concetta De Silvio.

Il pubblico ministero Eleonora Tortora aveva chiesto condanne fino a 15 anni, la pena più alta per Carmine Ciarelli, l’unico condannato dai giudici ma a una pena ben inferiore: sette anni. Per Antonio Ciarelli il reato contestato è ormai prescritto, mentre Ferdinando e Carmine sono stati assolti dall’accusa di estorsione «perché il fatto non sussiste». Assolta anche la moglie di Carmine, Concetta De Silvio, «perché il fatto non costituisce reato».

Secondo l’accusa Antonio Ciarelli, nel lontano 1997, avrebbe prestato 25 milioni di vecchie lire a un artigiano chiedendogli successivamente 13 milioni come interessi, un tasso che configura il reato di usura. L’artigiano sarebbe poi entrato in un vortice senza uscita, con il prestito di altri 100 milioni di lire. Alla fine la somma da restituire arrivò fino a 400 milioni. In un altro caso, sempre Carmine Ciarelli, avrebbe prestato altri 12 milioni applicando interessi per tre milioni e mezzo.
Su un altro prestito di 130 milioni, concesso a due fratelli commercianti di auto, gli interessi sarebbero arrivati a 40 milioni. In questo caso le vittime sarebbero state anche costrette a cedere due Mercedes e una moto Yamaha per saldare in parte il debito.

  1. Che bell’ameno territorio che è latina, certo ne è passato di tempo da quando questa gente stava su via romagnoli in baracche cadenti e vivendo di elemosina e di mediazione di equini e bovini….

  2. Il reato di usura è uno tra i più schifosi ma, mi chiedo : come può questa famiglia, ove risultano perlopiù disoccupati, AVERE TALE DISPONIBILITA’ DI DANARO?????? questo fatto non stimola una seria indagine fiscale, patrimoniale ecc…???

  3. Perché le istituzioni locali non si sono mai costituite parte civile, soprattutto nei processi dove c’è l’accusa di associazione a delinquere, contro questi ed altri soggetti?

    Perchè?