CHIUSO IL BAR DOVE FU FERITO CARMINE CIARELLI

08/09/2010 di

È stata sospesa, su provvedimento amministrativo del questore di Latina, la licenza comunale del bar Sicuranza, in via del Pantanaccio a Latina. L’ordine è stato necessario a causa delle gravi turbative all’ordine pubblico, alla sicurezza e alla moralità pubblica.


L’esercizio commerciale era infatti abitualmente frequentato da esponenti della malavita locale e fu teatro, il 25 gennaio scorso, di un agguato armato a Carmine Ciarelli, appartenente a una nota famiglia rom del capoluogo. Durante i mesi successivi all’agguato armato è stata infatti registrata la ricorrente presenza di persone condannate anche per delitti associativi, fra cui diversi esponenti della famiglia rom Ciarelli. È stato quindi accertato che il proprietario del locale non ha posto in essere alcuna iniziativa di vigilanza diretta ad evitare le frequentazioni pericolose. Il provvedimento di sospensione comporta quindi la chiusura dell’esercizio per 30 giorni a partire da oggi.

  1. allora per tutti i camorristi fatti arrivare a Latina negli ultimi 20 anni bisognerebbe arrestare gli ex sindaci, prefetti e questori?!

  2. Punto primo,non capisco il provvedimento otto mesi dopo l’agguato che comunque non si

  3. …chiudiamolo pure….ma i vari J.Sebastian Bach, i Gufi, l’Enologico, passerelle di Latina per figli di pap

  4. Tutti completamente hanno ragione, ma se non si incomincia da una parte, non si incomincia mai !!!

  5. io al Bach ci sono andato un po’ di volte e non sono di sicuro un figlio di pap