Turismo, crollano le presenze nelle località pontine

13/05/2013 di
gaeta-panoramica-citta-56872622

Sarà la quarta estate di flessione: arrivi e presenze sono mediamente in calo, in tutta Italia, di oltre 7 punti percentuali.

L’analisi arriva da Trademark Italia, secondo la quale il dato allarma le mete tradizionali del Lazio che perde mediamente il 7,9% e flette quasi il doppio del Veneto, del Friuli e dell’Emilia Romagna e il triplo di Marche e Maremma. A soffrire soprattutto le località pontine.

I DATI DEL CROLLO:

ANZIO-NETTUNO -6,8%

FREGENE -4,8%

SAN FELICE CIRCEO -6,4%

SABAUDIA -4,1%

TERRACINA -8,2%

SPERLONGA -6,9%

GAETA -9,2%

FORMIA -7,1%

ARCIPELAGO PONTINO -7,7%

  1. Notare come Latina non figuri nella lista, semplicmente perché NON E’ UNA LOCALITA’ TURISTICA.

    Questo giusto per ricordare le balle sulla fantomatica “Marina di Latina” delle giunte Finestra-Zaccheo-Di Giorgi, tra terme, porti e palle spaziali.

    PS: Silenzio assoluto nella maggioranza e nell’opposizione sul Progetto PLUS (quasi 14 milioni di euro della Regione) per riqualificare il lungomare.

  2. Ma i commercianti davvero pensano che la gente viene qua in vacanza per rilassarsi?
    Cos’ha da offrire la nostra città ad un turista?

    Incominciassero a fare dei SERI progetti per la riqualifica del litorale(manutenzione spiaggia con allungamento e barriere frangiflutti in mare per mantenerla), a fare delle convenzioni tra Hotel e bellezze locali come i giardini di Ninfa, Piana delle Orme, scampagnate organizzate nel parco del Circeo e sulla montagna di San Felice, ecc..

    Di idee ce ne sono a bizzeffe, basta saperle organizzare e invogliare la gente a venire, ma con la voglia dei commercianti a Latina, che quando entri a momenti ti maledicono che li hai disturbati, dove vogliamo andare…