Adoc: preoccupante la crescita della microcriminalità

24/11/2012 di

Carlo Pezzoli,  presidente di ADOC, Associazione per la Difesa ed Orientamento dei Consumatori di Latina, denuncia l”escalation di gesti criminali che si stanno verificando in particolare nei borghi del capoluogo pontino e nelle abitazioni situate in campagna”.

“I cittadini di Latina e provincia – afferma Pezzoli –  si dichiarano preoccupati per tutte le serie di furti, rapine e attentati che stanno avvenendo nel nostro territorio. Lamentano che all’aumento esponenziale di questi reati, negli ultimi anni è mancato un aumento nelle forze dell’ordine di un numero adeguato del personale. Lamentano l’importazione della delinquenza intracomunitaria ed extracomunitaria, la quale molto spesso risulta a fianco della delinquenza “nostrana”. Lamentano i danni che ammontano a decine di migliaia di euro tra arnesi per la campagna, il giardino e quanto trovano in casa”.

“Qualche anno fa – continua Pezzoli – in una riunione per la sicurezza tenutasi in Prefettura, veniva espressa la preoccupazione per la crescita della microcriminalità nel nostro territorio. Il consiglio che ne scaturì era di non creare allarmismi. Con il senno di poi, forse era meglio almeno mettere in guardia invece che trovarsi nella situazione che viene vissuta oggi, causando inoltre degli incentivi a farsi giustizia da se. L’auspicio – conclude Pezzoli – è che qualcuno si accorga che il “pozzo” è pieno e prima che anneghi la nostra comunità, si proceda con mezzi adeguati al ripristino della legalità”.

  1. le uniche “guardie” che vedo sono intente soltanto a fermare macchine e a fare multe. Ci fosse qualche vera ronda in grado di farci sentire più sicuri! Pura utopia!!!