Nasce il comitato per la realizzazione della Roma-Latina

23/06/2012 di
claudio moscardelli

Nasce il comitato per la realizzazione della Roma-Latina. La mobilitazione trova forte adesione nei consigli comunali dell’intero territorio provinciale ed in particolar modo tra gli amministratori e i residenti dei comuni interessati dal tracciato autostradale.

“L’iniziativa – si legge in una nota – intrapresa dal consigliere regionale Moscardelli per la realizzazione della Roma – Latina e della bretella Campoverde – Cisterna – Valmontone oltre al suo valore strategico in termini di opere infrastrutturali per la nostra Provincia è da considerarsi estremamente rilevante sul piano dell’azione politica.

Per troppi anni, la nostra Provincia, ha pagato l’inadeguatezza della rete viaria che ha di fatto caratterizzato in negativo la possibilità di utilizzare e sfruttare a pieno le enormi risorse naturali. Alla fine della scorsa consiliatura regionale, sembrava ormai ad un passo l’iter che portava all’indizione del bando di gara e la susseguente aggiudicazione e l’inizio lavori. Poi inspiegabilmente si è registrata una battuta di arresto che nuovamente ha determinato una sfiducia nell’operato della Giunta Regionale alla quale non sembra corrispondere una risposta che detti i tempi certi nei quali portare a compimento l’iter burocratico. Con l’azione intrapresa dal Comitato finalmente la parola passa direttamente ai cittadini. Per questo motivo anche in qualità di consiglieri comunali ci attiveremo a partire dal nostro Comune per favorire l’adesione al comitato di tutte quelle istanze attive della comunità in cui viviamo. In tal senso a partire dai prossimi giorni avvieremo insieme a tutti coloro che condividono la proposta, una campagna di ascolto e confronto con i cittadini, utile a favorire una significativa adesione al Comitato. L’auspicio è che grazie a questa iniziativa nessuno potrà più, a questo punto, negare la realizzazione di un’opera cosi strategica e fondamentale per la crescita e lo sviluppo della nostra Provincia”.

Aderiscono i consiglieri Comunali di Latina: Giorgio De Marchis, Maurizio Mansutti, Fabrizio Mattioli, Omar Sarubbo, Alessandro Cozzolino, Fabrizio Porcari, Aristide Carnevale, Nicoletta Zuliani.

  1. si sono d’accordo, realizzatela con i soldi pubblici e poi datela in gestione a privati che faranno pagare il pedaggio, 5 € per andare a Roma e 5 per tornare.

  2. Cinico, non sarà facile farlo comprendere ai nostri concittadini, si continuano a realizare opere che non servono, che costeranno in manutenzione ordinaria e straordinaria a spese dei cittadini ma poi chi ci guadagnerà sarà una società privata, più o meno come succede con acqualatina.
    Mi meraviglia moscardelli che è stato un oppositore a molte opere infrastrutturali devastanti per il territorio come ad esempio la turbogas di pontinia, e poi diventa favorevole ad un autostrada che per dimensioni fisiche è più devastante ed inquinante di una turbogas?
    Mi piacerebbe sapere quali sono le reali motivazioni che spingono moscardelli ad approvare un tale scempio lungo 70 Km in mezzo alla campagna Pontina e Romana.

  3. ci fate sapere quali sono le professioni degli aderiti al comitato?
    Così vediamo cosa svolgono nella vita e con chi sono imparentati, solo per capire di più, visto che la sinistra era contro il Corridoio Tirrenico ed ora sono favorevoli ad un progetto simile.
    Grazie!

  4. ma se la crisi economica andrà avanti per almeno un decennio così dicono gli esperti, l’industria dell’auto è in recessione drastica, quindi dovremmo rivedere il nostro modello di sviluppo consumistico, alla Regione pensano di fare una autostrada o superstrada per farci correre che cosa?
    Non mi piace questa idea già puzza di bruciato.

  5. ehiii pasquino non te lo diranno fino all’ultimo momento per non scatenare i proprietari ai quali esproprieranno i terreni, aziende agricole ecc….
    Non sono un ambientalista, e vado a roma spesso, ma questa nuova opera è proprio una stron… galattica.
    Quando mi dicevano che i politici sono tutti uguali non ci credevo, ma adesso devo ricredermi, davanti ai soldi non esistono ideologie religioni principi e valori.

  6. io invece sono ambientalista,
    Moscardelli, a latina serve altro, di strade ne abbiamo troppe e tenute malissimo tanto che la gente s’ammazza per gli incidenti stradali.
    A latina serve che l’acqua ritorni pubblica, che l’immondizia venga raccolta con un differenziata seria, che la discarica di montello venisse messa in sicurezza, a latina ci servono case per i meno abbienti, a latina la polizia i vigili urbani carabinieri ritornino per strada a far rispettare le leggi dello stato, a latina abbiamo bisogno di tantissime cose tranne che di opere pubbliche assurde ed inutili, capisci Moscardelli?

  7. Amber pensa che bello paghi 5 euro dai gas e come un razzo a 150 all’ora in 15 minuti sei a roma! che figata!

  8. Sono completamente d’accordo con tutti i comitati, gruppi ecc ecc che lavorano per accelerare l’iter di realizzazione di questa strada. La percorro giornalmente da + di 15 anni e non ne posso più’!!!! Solo una domanda ai Sig. Moscardelli e company: perche’ il quartiere EUR di Roma e’ tappezzato di manifesti a firma PD, CONTRO la Roma Latina???? Certo che anche voi , come la giunta regionale, avete le idee chiare e’???? Qual’e’ il vs fine? Grazie

  9. Potenziare i mezzi pubblici no? Una ferrovia Roma – Pomezia – Aprilia – Cisterna – Latina centro sul modello della RER Francese? Bisogna potenziare il trasporto pubblico non mettere a pedaggio strade già esistenti…

  10. Stanno aiutando Impregilo & soci ad intascarsi qualche miliardo di euro. Guarda caso sono sempre gli istituzionali centrosinistri e centrodestri com.li e reg.li a sponzorizzare questa inutile e devastante autostrada a pedaggio.

  11. Egr. On. Moscardelli spieghi l’importanza dell’opera ai comitati romani NO RM-LT che si stanno organizzando per opporsi al tratto di collegamento con l’autostrada Roma Civitavecchia.(vedasi sul corriere.it Roma) Se non ci riesce dovremmo assistere ad un lotta tra PD romano e Pontino ?

  12. Personalmente sono d’accordo con l’autostrada.
    L’ho scritto e lo ripeto qui: una strada come la Pontina è una vergogna nazionale, pericolosa per chi è costretto a farla tutti i giorni per lavoro e completamente inutile per qualsiasi forma di sviluppo del territorio (facciamocene una ragione le infrastrutture sono condizione necessaria per lo svuluppo: a Frosinone c’hanno il doppio delle fabbriche anche perché c’è l’A1).

    Detto questo, concordo con chi parla di trasparenza, giusto capire che lavoro fanno i membri di questo Comitato (ma perché non pretendere di sapere tutto PRIMA che si candidano al Comune. Esattamente come ha fatto Monti con i conti correnti dei ministri? Anche se dubito che i latinensi non sappiano chi siano Moscardelli o Picca o Di Matteo o De Marchis …).
    Sono anche d’accordo con chi propone alternative, tipo la ferrovia (anche se queste alternative cicciano sempre in funzione di opposizione e mai come qualcosa che anticipa…mai. E non escludo che susciterebbero incazzature di tipo ambientalistiche simili). Anzi io le farei insieme all’autostrada (anche se dubito che un biglietto possa costare 4 €. In Germania, stessa tratta, ho pagato il doppio).

    Comunque per chi vuole tenersi aggiornato, suggerisco il sito:
    http://cantieri.mit.gov.it/
    la nuova autostrada se tutto va bene non sarà pronta prima del 2018 …

  13. Facciamo chiarezza. Noi del movimento no corridoio da 22 anni chiediamo l’adeguamento in sicurezza di tutta la Pontina, l’eliminazione delle file risiede nella riduzione dei flussi e per questo abbiamo presentato il progetto M3 d’intermodalità della metropolitana leggera, chiesto il ripristino delle 20 corse tolte dalla ferroviaria LT-Rm per l’entrata in funzione della TAV e il raddoppio del binario Nettuno-RM. Tutto con minori :costi, inquinamento, tempo di percorrenza e maggiore efficienza/trasparenza.

  14. devasteranno la nostra campagna….fra qualche anno importeremo tutto,,,ma usando l’autostrada…….OLE’

  15. Gualtiero, io penso che tu abbia ragione su un punto: in questo paese ci si è totalmente dimenticati della ferrovia, a favore dell’autostrada e se vogliamo dell’industria nazionale.
    Ora con l’alta velocità, per gli spostamenti di pendolari, le cose sono anche peggiorate.

    Però sinceramente, al di là della questione costi, non capisco perché non si possa parallelamente raddoppiare la Nettuno-Rm, potenziare Lt-Rm, fare una metro da Pomezia-Ardea a Rm e realizzare un’autostrada da Lt a Rm.

    Visti i tempi, se facessero la metà di quello che promettono dovremmo ballare ubriachi dalla gioia.

  16. io diventerò socio prima dell’impresa che costruirà l’autostrada comprando azioni della società, poi farò altrettanto con la società che gestirà l’infrastruttura con il pedaggio autostradale 5 € a corsa, così standomene seduto a casa mia guadagnerò soldi 2 volte a spese dei cittadini.
    Secondo un calcolo per difetto 180 mila corse al mese x 5 € = 900 mila euro x 12 mesi = € 10.800.000 l’anno, acquistando lo 0.5% delle azioni della società guadagnerò senza fare nulla oltre 50mila € l’anno, alla faccia degli italioti.

  17. Purtroppo la terza corsia è già piena di macchine (vedi studio trasportistico ufficiale), inoltre con l’innesto sull’A12 ai nostri pendolari faranno compagnia 15.500 veicoli leggeri e pesanti. Anche per questo bisogna togliere auto, riducendo i flussi e questo si può fare solo con l’intermodalità ferroviaria. Tra l’altro noi siamo da sempre propositivi, difatti alla regione giace il nostro progetto M3 un sistema di treno-tram che risponde alle esigenze di tutto il pontino e non solo. Visto inoltre che lor signori, non fanno nulla per evitare gli incidenti mortali, solo negli ultimi 20anni sono state 523 le vittime, mi sembra responsabile e dovuto chiedere l’adeguamento in sicurezza di tutta la Pontina.