TABACCAIO UCCISE GIOVANE LADRO, A GIUDIZIO PER OMICIDIO VOLONTARIO

30/09/2009 di

Omicidio volontario. Con questa accusa è stato rinviato a giudizio questa mattina dal giudice per l’udienza preliminare Nicola Iansiti, Davide Mariani, il tabaccaio di Aprilia che il 19 agosto 2008 reagì ad una rapina nel suo negozio uccidendo Daniel Margineanu, 21enne romeno componente della banda. L’uomo sarà giudicato dalla corte d’assise con processo fissato per il 17 dicembre. Un caso che suscitò scalpore: per i residenti di via Fossignano, dove
accadde il fatto e per quelli di tutta Aprilia, il tabaccaio agì solo per legittima difesa e cittadini e commercianti organizzarono una manifestazione per dimostrargli solidarietà.

Quella notte Davide Mariani si accorse del trambusto nel tabacchi sottostante alla sua abitazione, si affacciò e vide i banditi, dal gruppo lo minacciarono di non uscire di casa: a quel punto il negoziante imbracciò il fucile e sparò un colpo nel buio della notte ferendo mortalmente al fianco il 21enne che aveva ancora con sé il sacco pieno di stecche di sigarette rubate poco prima nel negozio. Nel corso dell’udienza la difesa ha chiesto la derubricazione del reato mentre il pm Vincenzo Saveriano ha chiesto il rinvio a giudizio per omicidio volontario anche alla luce della perizia balistica che accertò come il ragazzo fosse stato colpito alle spalle.

  1. Ma come si fa a sparare a un ragazzo che fugge di spalle con poche sigarette. non poteva semplicemente chiamare la polizia? Mica lo stavano minacciando con un’arma.

  2. caro jim, hai ragione e infatti prendi voti negativi, questo sta a significare che siamo ancora all’et

  3. sono diverse le situazioni…i “malintenZionati! come dici tu possono capitare e la tua reazione sarebbe puramente “emotiva” e stimolata da una cascata ormonale “fisiologica” allo spavento e alla paura..