Morphe Arreda

Il video, Antonio Pennacchi intervista Ajmone Finestra

28/04/2012 di
antonio-pennacchi-intervista-ajmone-finestra-video

In un’intervista realizzata da Antonio Pennacchi nel 2010, Ajmone Finestra si racconta.

Il video:

  1. Il saluto romano: se lo fai allo stadio ti danno il Daspo. Se lo fai a un funerale tutto a posto.
    Facciamo pace col cervello.

    Questi gesti rappresentano una ferita per la democrazia.

  2. Una notizia degna di un’intervista. Il cranio stava là da millenni e Bevilacqua (l’elettricista di Roccagorga) lo vede e racconta… c’è tanta gente che corre a vedere la grotta ed anche il giovane Finestra di 17 anni…… e tutto si trasforma. Per Pennacchi il fatto che il Finestra lo “abbia visto” ha del sensazionale e di valore…. E’ la matrice del fascista, da insignificante diventa magico. E’ l’opportunità per sfruttare l’occasione non certo sul piano dell’antropologia e o del paleolitico o dello studio. Per esibirsi come se fosse un gesto eroico. E’ il metodo del carismatico. La comunicazione deve essere tale non di contenuti e richiami culturali del dibattito ma solo del sensazionale. E’ nello stile di tutti i dittatori: da Caligola a Mussolini e sino a Brelusconi (l’ultimo della fila degli sciagurati che ci hanno rovinati) ed ecco il sensazionalismo: come insegna”Canale Mussolini” dove la gente emigrava per “fame in cerca dello sfamatore” oppure dove il duce prendeva ai ricchi e dava ai poveri, oppure dove Ruby è la nipote di Mubarak. E’ la stess amatrice: dal romanzo fumettone alla butlesque è lo stesos filone, lo stesso registro. Gli stessi interessi commerciali. Quando c’è di mezzo la logica del “carisma” (Mubarak) ci sono in mezzo sempre i partiti che sono famiglie mafiose (con il papà buono) e gli stupidi che corrono nel canale dietro al pifferaio sempre servo del capo…. il dibattito prosegue…

  3. Pennacchi ha approfittato della Morte dell’onesto Senatore Finestra per fare un comizio becero addirittura in Chiesa. L’indecenza non ha limiti. Per Pennacchi Il Senatore – L’Onorevole – Il Sindaco – Il Comandante – Il Combattente – Il Professore era diventato “questo” rivolgendosi al feretro sotto di lui alla sua sinistra. Da dove è saltato fuori “questo” individuo.