Morphe Arreda

Aggrediti dopo la partita due giocatori del Bella Farnia finiscono in ospedale

19/03/2012 di
polizia

Sono stati aggrediti al termine della partita due giocatori del Bella Farnia, costretti alle cure dei sanitari del pronto soccorso del Goretti.

I due malcapitati sono stati picchiati fuori al campo di borgo Montello dopo la partita che si è conclusa 2-1 per il Bella Farnia.

Daniele Paniccia e Thomas De Bellis stavano tornando in macchina quando sono stati aggrediti all’interno del parcheggio, uno con un pugno e l’altro con un bastone da due persone che gli agenti della questura avrebbero già identificato. Soccorsi dai loro compagni i ragazzi sono stati trasportati in ospedale e medicati con alcuni punti di sutura. Sul posto i poliziotti della squadra volante.

  1. Infatti i borgomontellesi hanno il cervello come quello delle galline.
    Non sanno nemmeno accettare una sconfitta….. VERGOGNA!!!!!!!!!!!

  2. gesti inqualificabili che si commentano da soli, ai quali non è estranea una certa frangia di pseudo tifosi che alimenta per settimane e mesi una sorta di tam-tam mediatico contro la squadra avversaria……..

  3. sono i primi segni di avvelenamento della discarica,evidentemente nella falda acquifera del montello si nasconde anche una sostanza nociva che oltre a provocare il cancro,fa diventare vigliacchi e infami.

  4. Gente vigliacca ignorante puo’ fare queste cose le galline hanno piu’ cervello questi individui fanno pena.

  5. Pero’ sti Montellesi hanno dimostrato Coraggio e di tenere moltissimo ai colori della propria squadra, altro che come quegli stupidi tifosi de Latina, che non c’avrebbero mai il Coraggio di dimostrare QUESTO ATTACCAMENTO
    E’ come voler bene e difendere la tua Casa il Tuo Paese. Bravi.

  6. Visto che scherzate beata l’ironia, siccome l’articolo è di una stupidità unica, come è stupido non riportare i fatti nelle sua vera versione e permettere alla gente di scrivere delle imbecillità, che purtroppo offendono la loro intelligenza. I commenti di questi spot, sono il frutto di fare un giornalismo superficiale, insomma per l’ennesiama volta siamo di Latina, per dio neanche i giornalisti sono più una cosa seria.