Soldi e vestiti firmati, studente vittima di un’estorsione

13/03/2012 di
carabinieri-latina-43238654232

Dal mese di novembre fino a oggi erano riusciti ad estorcere cinquecento euro a un giovane ragazzo. Per lo studente pontino l’incubo si è concluso questa mattina grazie alla denuncia presentata ai carabinieri: quando i due stranieri finiti in manette sono giunti alle autolinee, convinti di riuscire a portargli via altri soldi, hanno trovato le forze dell’ordine.

Una storia inquietante quella capitata al ragazzino, vittima di minacce messe in atto da ragazzi più grandi di lui, che si consumavano sempre nello stesso luogo, alla stazione degli autobus di Latina. Per paura di una ritorsione, di fronte a quelle assurde richieste, si era visto costretto a prendere i soldi dal portafogli dei genitori o addirittura a rubare capi di abbigliamento dal negozio di famiglia.

Oltre al denaro, il ragazzino era stato costretto a consegnare nelle mani dei malviventi anche due cellulari. Proprio per questa mattina i due estorsori attendevano l’ennesima somma di denaro, 200 euro, in cambio della restituzione di uno dei telefoni.

Ad aspettare loro, invece, c’erano i militari del nucleo operativo ai quali il ragazzino si era rivolto per la disperazione. In manette sono finiti un 25enne tunisino e un 23enne rumeno.

  1. e ora non ditemi anche voi di sinistra che non gradireste il ritorno di un Benito Mussolini…un pò per questi di bassa leva e in gran parte per fucilare chi, come Lusi, ha speso il mio ed il vostro denaro per uno spaghetto da 180€, o magari per chi permette che la tav costi 77mila euro al metro e in francia 9mila! prego tutti i giorni che tornino quei tempi…

  2. Ancora le autolinee alla ribalata, vicino al Nicolosi e ancora non andiamo a vedere chi abita dentro quelle case e chi sono i stramaledetti italiani che le hanno affittate a questi signori.VERGOGNA!!

  3. Mio figlio ha soli 7 mesi, ma quando leggo queste cose, ho paura per lui e per il suo futuro!!! Speriamo che si riesca a fare qualcosa di definitivo e di concreto per il bene di tutti noi italiani!!!!!!!!

  4. sono straniero e dico di farli lavorare per due o tre mesi nel sociale magari a pulire le strade o a pulire i bisogni dei cani per starda e poi spedirli a casa propria e perche no anche la galera e poi l’espulsione

  5. Io in questi casi sono Per il Vecchio Testamento, non serve scomodare Benito lasciamolo dov’e’.

  6. bisogna dire grazie al governo BERLUSCONI se l’invasione di clandestini e’ stata limitata.
    Se c’era il governo del MORTADELLA ,con le sue leggi permissive riguardo agli extracomunitari,noi a quest’ora la domenica mattina invece di andare in chiesa ci saremmo trovati a pregare rivolti verso la mecca in qualche MOSCHEA…

  7. altri ragazzi coetanei di mio figlio hanno vissuto gli stessi tristi momenti; però in quei casi i malavitosi erano gli zingari. io sono convinto che maggiore presenza delle forze dell’ordine, specialmente in orari vicini all’entrata ed uscita dalle scuole, sia un deterrente per questi delinquenti a desistere dal mettere in atto tali reati. ci auguriamo almeno la prevenzione………..