Morphe Arreda

Idv: Di Giorgi ancora non rinuncia al doppio incarico

12/03/2012 di
di-giorgi-giovanni-48724567434

«Sono passati nove mesi dalla proclamazione degli eletti e oltre due settimane dalla pronuncia del Tar, eppure nulla si muove. Il sindaco di Latina, Giovanni Di Giorgi, fa finta di niente, mantenendo il doppio incarico di primo cittadino della seconda città del Lazio e di consigliere regionale».

Lo dichiarano in una nota congiunta Valentina Pappacena, presidente dell’associazione “Valore Donna”, e il senatore dell’Idv Stefano Pedica. «Siamo dinanzi ad un attentato alla legalità e alla legge – proseguono – quella legge che poi si pretende sia rispettata da tutti gli altri cittadini non appartenenti alla casta».

Pedica e Pappacena spiegano che «la Regione Lazio a novembre aveva deciso di sospendere la decadenza di Di Giorgi da consigliere. Una sospensione, oltretutto, che non fissa termini temporali. Uno schiaffo allo Stato di diritto e alla democrazia. Permane dunque l’incompatibilità tra le cariche stabilita dalla legge, con la Regione che ha preferito anteporre l’opportunismo partitico alle norme. Fermo restando che sono in corso diversi contenziosi nelle sedi giudiziarie competenti, riteniamo necessario sollevare il caso politico anche al governo Monti».

«L’atto di illegalità che si sta consumando penalizza con ogni evidenza una donna, Lilly D’Ottavi, l’esponente Pdl che dovrebbe subentrare all’on. Di Giorgi in Regione – aggiungono – Di fatto il comportamento tenuto dal sindaco di Latina e dal Consiglio regionale del Lazio è discriminatorio nei confronti di una donna, privata del suo diritto politico di esercitare un incarico in un’assemblea elettiva. Chiediamo dunque al ministro Elsa Fornero, nella sua veste di ministro alle Pari Opportunità, di intervenire su una vicenda che sta assumendo contorni sempre più imbarazzanti per manifesta violazione della legalità, affinché venga perlomeno salvaguardato il diritto della signora D’Ottavi a non essere discriminata e ad ottenere ciò che le spetta per legge».

  1. non c’è bisogno di essere grandi strateghi per capire che la vicenda è una sottile presa per i fondelli della classe politica, che tutto può, verso la cittadinanza, che assiste a questo balletto da quasi un anno

  2. Questa una presa per il c_ulo.

    VERGOGNATI DI GIORGI.
    Hai preso in giro tanta gente, ma sopratutto quella gente che ti ha sostenuto.
    Ti devi vergognare.
    Alza il cu_lo da quella poltrona e vai a lavorare in fabbrica a farti 8 ore per 1,100 euro e campaci una famiglia di quattro persone SENZA CONTINUARE A PRENDRCI PER I FONDELLI A PARLARE DI OCCUPAZIONE EC ECC.

    Finiscila guardati allo specchio e abbi un po di umanità nei confronti di chi non puo tenere le chiappe sulle poltrone che occupi.

    Se non avessi fatto il fenomeno durante le elezioni a dire se vinco in comune mi dimetto, credimi non mi rodeva cosi tanto come adesso che mi sento preso per c-ulo doppiamente.

  3. Almeno facesse il Sindaco. Non Fa il Sindaco non Fa l’Assessore……..cioe’ non fa un beneamato Caxxo…. pero’ va’ ad Arcore e in Fazzolandia a prendere ordini si ma quali? Pero’ per la sua inettitudine prende due lauti stipendi,……alla faccia dei Disoccupati e cassaintegrati a zero ore. Forse che il Fenomeno ha due stomaci? Per cui per mangiare prende due stipendi? Per questi motivi uno cel’ha’ con i politici di Destra e i loro votanti, piu’accoliti che cittadini. VERGOGNATEVI.

  4. …E IN TUTTO QUESTO…COME MAI “LIBERA”, LA SOCIETA’ CIVILE,I SINDACATI,IL PD SEMPRE OCCUPATO A FARSI PUBBLICITA’ SU PICCOLE COSE…NON ORGANIZZANO UNA BELLA MARCIA PER LA LEGALITA’:VE LO SIETE MAI CHIESTO?..ALMENO CI CONTIAMO E VEDIAMO QUANTE PERSONE PARTECIPANO A QUESTA INIZIATIVA…INVECE NULLA SONO TUTTI LEGATI MANI E PIENI , CHI CON LE MUNICIPALIZZATE, CHI CON GLIA APPALTI E QUOTIDIANAMENTE VIENE SEPOLTO IL CORAGGIO E LA CITTA’ VIENE LASCIATA ALLA DELINQUENZA E AL MALAFFARE:VERGOGNA!!!!!!

  5. che cattivi che siete ,non è colpa di testa pelata,lui il sindaco non lo voleva proprio fare,guadagnava di più a fare il consigliere regionale insieme a quel genio di galetto,8000 al mese per grattarsi le mani alla faccia nostra,poi per colpa della polverini e testa d’asfalto è stato costretto a candidarsi con la rassicurazione che si beccava doppio stipendio,poverino lui non ha colpa!!!!!!!!!!

  6. Si vede chiaramente da come sono ridotte le strade (buche ovunque) e ogni angolo di Latina (accattonaggio) quanto non sta lavorando questo sindaco. Peggio di Zaccheo. La città è in mano ai criminali di ogni nazionalità. Ci vorrebbe un bel censimento coatto di tutti gli abitanti, verrebero fuori vagonate di irregolari e deliquenti di ogni tipo da rispedire alle loro destinazioni di origine.

  7. x CATONE: cosa ne penso?? non posso dire cosa gli farei sennò dovrei usare termini poco eleganti e lo dico da elettore di destra da quando sono nato,eppure in queste ultime elezioni ho tifato moscardelli non perchè sia convinto che le cose sarebbero migliorate drasticamente,ma per dare un segnale che a latina non siamo tutto un branco di rincoglioniti,quantomeno a stò turno mangiavano altri.vogliamo parlare dei 4,5 milioni di euro annui per 20 dirigenti comunali e poi il comune per tagliare l’erba alta in pieno centro città deve chiedere un finanziamento????

  8. bravissimo ,esattamente come ha detto tu,bisognava togliergli la certezza di avere la maggioranza nonostante amministrino malissimo e in maniera disonesta,bisognava fargli capire che non siamo tutti deficenti e che conosciamo molto bene le loro manovre di potere, e che il consenso và meritato non ereditato ,io ho sempre votato a destra ma non ho mai usufruito di favori di qualche politico per trovare lavoro in qualche fabrichetta che adesso magari stà pure chiudendo oppure in qualche ufficio comunale,e quindi valuto chi mi amministra esclusivamente per i risultati,non c’è ne destra ne sinistra