Terremoto, Calandrini: “Incontreremo esperti e geologi”

29/02/2012 di
consiglio-comunale-latina-calandrini-nicola-83726272

di Nicola Calandrini *

sono 12 volte che la terra trema a Latina, sono 12 volte che l’epicentro è individuato nell’area di Tor Tre Ponti. Tutte scosse relativamente lievi, ma il fenomeno eccezionalmente persistente, senza alcun allarmismo inutile, desta però una forte preoccupazione nell’opinione pubblica della nostra città.

Per questo, come Presidente del Consiglio, credo importante, al fine di informare la popolazione, ritengo necessario addivenire ad una serie di incontro con esperti, geologi dei servizi nazionali e regionali per avere delucidazioni su quanto sta accadendo.

Ci rendiamo conto che i fenomeni sismici siano difficili da spiegare e ancora piu’ da prevenire in termini di sicurezza pubblica, resta il fatto che dobbiamo avere il massimo della informazioni possibili.

Il fine di questa iniziativa è quella di verificare se le pubbliche amministrazioni possono, in qualche modo, agire in termini di monitoraggio, controllo e prevenzione.

Il fenomeno che registriamo, con i 12 eventi sismici che si sono succeduti dal luglio scorso, è assolutamente nuovo per la memoria storica della nostra comunità, e in “contrasto” con la definizione di queste zone come a basso rischio sismico cosa che determinò la scelta di Latina come sede per la realizzazione di una centrale nucleare.

Credo che, sempre al fine di tenere informata la nostra comunità, se sarà utile potremmo addivenire alla convocazione di un Consiglio comunale davanti ai tecnici delle strutture pubbliche preposte al controllo dei fenomeni sismici.

Nessun allarmismo, assolutamente inutile e sproporzionato, ma attenzione rigoroso a quanto sta accadendo.

* Presidente Consiglio Comunale di Latina

INTERROGAZIONE DEL PD. I consiglieri comunali del Partito democratico, dopo l’ennesima scossa di terremoto sul nostro territorio, decidono di interrogare l’amministrazione comunale per conoscere quali attività intenda mettere in campo per studiare, monitorare e prevenire un fenomeno sismico che si protrae ormai da quasi un anno. Fino ad oggi le istituzioni si sono limitate a osservare gli eventi sismici che per quanto ancora fortunatamente di lieve entità non possono essere più catalogati come limitati o temporanei e – considerata la ricorrenza nello stesso punto – appare ora necessario un intervento mirato a monitorare e verificare le cause della reiterazione dei sussulti. “In questa direzione  – affermano i consiglieri del Pd – auspichiamo che l’amministrazione comunale si faccia promotrice di un’azione nei confronti del Governo e dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia al fine di ottenere al più presto un monitoraggio sul territorio. Ci rendiamo conto  – concludono i consiglieri – che il ripetersi costante delle scosse (in modo particolare con quella violenta del 16 febbraio) sta generando un clima di disagio e di paura nella popolazione che seppur serenamente e senza eccessivi allarmismi, ha comunque il diritto di sapere e di conoscere la realtà come mutata rispetto a un territorio che fino a qualche mese fa era considerato estraneo a qualsiasi fenomeno sismico”.

  1. ne ho già parlato nei post precedenti…può succedere…nella pianura pontina ci sono un sacco di casi…

  2. Non vi preoccupate della grotta sotto Tor Tre Ponti…
    Stanotte l’ho riempita coi biglietti da 500 euro, così non cascheranno più i massi…

  3. Beh era anche ora…dopo tutte queste scosse…ma quando tutto ciò? Ora facciamo passare un anno e altre 20 scosse…e sopratutto vi terrete le cose per voi o le farete sapere a tutti? mah,la popolazione è preoccupata e aspetta un minimo di spiegazione su quanto stia accadendo…senza più voglia di scherzare.

  4. Si vogliamo sapere quando e dov e ci sara’ il Big-Bang, e gia’ che ci siete dateci pure i sei numeri del SuperEnalotto

  5. MA CHE CENTRA STO CALANDRINI…… SEMPRE A CACCIA DI PROTAGONISMO…….

  6. CARO LUCA, ECCO PERCHE’ LA POLITICA NON E’ PIU’ CREDIBILE, PERCHE’ SI OCCUPA DI COSE CHE NON LE COMPETONO E’ TROPPO DISTANTE DAI VERI PROBLEMI DELLA SOCIETA’. IO PENSO CHE SIAMO ARRIVATI AL PUNTO DI RESETTARE TUTTO, COMINCIAMO A TOGLIERE GLI STIPENDI, CHI FA POLITICA LO DOVRA’ FARE NON PER MESTIERE MA PER IL BENE COMUNE!!!

  7. per catone e giovanni: quel luca che ha risposto non sono io, quello che ti sta rispondendo ora è quello che pensavi, ma come si fa a rispondervi se non riuscite a capire neanche un articolo così semplice, dove si mette solo in evidenza il fatto che bisogna incominciare a far monitorare questa situazione che sta diventando preoccupante, dove sta tutto questo problema, come amministratore di questa città è giusto che se ne preoccupi, come se ne dovrebbero preoccupare tutti gli altri politici..

  8. La causa principale è che gli abitanti di Tot Tre Ponti mangiano molti fagioli.

  9. Tu invece la tua intelligenza l’hai mostrata tutta… si è visto.. bravo. Purtroppo l’invidia è una brutta bestia… Comunque ti consiglio di pensare un po più a te stesso che sicuramente ne avrai bisogno… vai a lavorare… E poi fatti riconoscere così avrò il piacere di sapere con chi sto parlando….