MANSUTTI A CIRILLI: “TROVIAMO UN ACCORDO DI GOVERNO”

04/06/2007 di
Maurizio Mansutti, a pochi giorni dal ballottaggio, invita pubblicamente Fabrizio Cirilli (che già ha pubblicamente escluso alleanze) a trovare un accordo di governo per la città. Ecco il testo completo della dichiarazione di Mansutti.

 
 
"Le elezioni comunali di Latina hanno segnato una svolta con la bocciatura al primo turno del Sindaco uscente Zaccheo. La maggioranza dei cittadini si è espressa a favore di un nuovo Sindaco. Gli elettori il 10 e l’11 giugno eleggeranno un nuovo Sindaco di Latina: questo interessa tutti i cittadini e non può trovare nessuno indifferente. In questa nuova stagione per la città di Latina il contributo al rinnovamento e all’impegno per una città migliore, la nostra città, è stato portato avanti con grande generosità da tutti i candidati a sindaco. Con l’obiettivo comune, insieme a me, di dare una svolta a partire da un sindaco diverso da Zaccheo.
 
Ringrazio la scelta coraggiosa di Flamini che ha deciso di appoggiarmi ufficialmente. Chiedo a tutti gli elettori di non essere indecisi, di essere uniti per dare a Latina quella opportunità di crescere, di avere un’amministrazione comunale vicina ai cittadini e per i cittadini, senza distinzione di appartenenza politica. Tirarsi indietro al ballottaggio significa lasciare il nostro impegno a metà strada e soprattutto vanificare il grande segnale di risveglio per la città: non è battaglia personale che è in gioco ma l’avvenire della città.
 
In particolare mi rivolgo a Fabrizio Cirilli e ai suoi elettori perché si possa siglare un patto di governo per i prossimi cinque anni, basato su cinque obiettivi prioritari, comuni, a entrambe i nostri progetti, che ci veda protagonisti insieme della nuova stagione per lo sviluppo di Latina, con tutte le forze disponibili a sostenerci e con la posizione di Vicesindaco di Cirilli a garanzia dell’attuazione del programma: 1) La sicurezza della nostra città. La criminalità è aumentata in modo intollerabile e il Comune deve fare la sua parte a cominciare dal piano straordinario di assunzione della Polizia Municipale per avere un servizio 24 ore su 24 di controllo e prevenzione sul territorio e con il potenziamento dell’illuminazione pubblica nei quartieri e nei borghi.  
 
2) L’emergenza casa. Individuare subito le aree per l’edilizia residenziale pubblica, per le cooperative e per le case per le giovani coppie. Servono subito 2500 nuovi alloggi per aiutare le famiglie ad avere una casa, e a calmierare i prezzi delle case arrivati a costi insostenibili. Abbattimento dell’Ici sulla prima  casa.
 
3) Piano dei servizi per la qualità della vita nei quartieri e nei borghi. Tutti i cittadini hanno diritto ad avere i servizi e dobbiamo colmare un ritardo ormai insostenibile: poliambulatori, parchi, centri sociali, impianti sportivi sono alcuni degli interventi indispensabili per dare risposte adeguate.
 
4) Bilancio sociale e partecipato per rendere le scelte del Comune più trasparenti e vicine alle esigenze dei cittadini. Radicale revisione dei servizi per i rifiuti (Latina Ambiente) e per l’acqua (Acqualatina). Basta con le tariffe a danno dei cittadini per un servizio inefficiente e fuori i politici dalle società partecipate, per far posto a dei tecnici che rappresentino gli interessi dei cittadini rispetto al gestore privato. Modernizzazione della macchina amministrativa per fornire servizi all’utenza in modo tempestivo e certo. Istituzione del difensore civico e reale funzionamento dello sportello per le attività produttive.
 
5) Sviluppo economico e piano infrastrutturale per la mobilità. Riqualificazione e sviluppo della marina di Latina. Polo tecnologico in collaborazione tra imprese e università per la ricerca e l’innovazione del nostro sistema industriale. Nuovo sistema della mobilità a servizio dei cittadini e delle imprese: aeroporto; tangenziale nord (inserita dalla Regione come prolungamento nel progetto del raddoppio della Pontina); strada mare – Monti per metà già finanziata dalla Regione; realizzazione di piste ciclabili; nuovo ed efficiente trasporto pubblico urbano".

 

  1. Sono sempre stato di “destra”,ho sempre pensato che Cirilli purtroppo sarebbe finito per essere funzionale a Zaccheo,e,le circostanze mi stanno dando ragione.Non condivido granch

  2. Signor Alex,hai un concetto alquanto strano della destra.Mansutti se leggi sopra parlava di assunzioni di nuovi VV UU per dare pi

  3. Alla vigilia delle elezioni Cirilli aveva fatto fuoco e fiamme pur di mandare a casa Zaccheo incapace di risolvere i problemi di Latina e dei Latinensi.Ha perso il ballottaggio e nonostante tutto gli viene offerta un’ultima oppurtunit

  4. Non faccio il puritano,ma loggica politica.Cirilli ha sbagliato tutto. Non si sarebbe dovuto dimettere dal partito prima delle elezioni, ma parteciparvi con altri almeno 4 fedelissimi e poi da dentro condizionare tutta la maggioranza: Zaccheo,Fazzone e Forte(i padroni della provincia insieme a Cusani e mettiamoci anche zappal

  5. Purtroppo caro Riccardo la stessa cosa ma a parti invertite succede a Sezze.La destra a Sezze,dopo lo svuotamento perpretato da Zaccheo non ha un cencio di candidato da opporre alla sinistra.Ormai

  6. Possibile mai che i nostri padri della Democrazia Italiana debbano ancora vedere questo bailamme .
    Le urne sono a voto segreto e possiamo votare pro o contro l’amministrazione Zaccheo questo