Basta caos della zona dei pub, nuova ordinanza del Comune

23/07/2011 di
movida-discoteca-pub-locali-latina-gf6wsrs

Il Comune di Latina ha messo a punto una serie di regole per disciplinare la “zona dei pub” dopo le recenti lamentele dei residenti e i numerosi episodi di vandalismo.

La nuova ordinanza prevede:

1) Divieto di vendita per asporto di bevande in contenitori di vetro, dalle ore 22,00 alle ore 3,00 del giorno successivo;
2) Divieto di occupare con arredi vari (es. tavoli, sedie, botti, fioriere, panchine ecc.) spazi pubblici non regolarmente autorizzati dall’amministrazione comunale con specifici provvedimenti concessori;
3) Divieto a tutti, indistintamente, di detenere o abbandonare, in luogo pubblico, bottiglie e contenitori di vetro.

Inoltre l’ordinanza dispone:
1) che gli esercenti espongano in modo visibile al pubblico, mediante idonea cartellonistica, il presente divieto;
2) che gli esercenti mantengano una adeguata e costante pulizia degli spazi esterni ai locali per un raggio di circa 5 metri e degli spazi di suolo pubblico autorizzati dall’amministrazione (gazebo e/o pedane);
3) la somministrazione e/o il consumo delle bevande in contenitori di vetro è consentita solo all’interno del locale, nelle proprie pertinenze esterne private e/o nelle pertinenze esterne di suolo pubblico debitamente autorizzate.

La violazione dell’ordinanza – spiegano dal Comune – salva l’applicazione delle sanzioni penali e amministrative previste dalle vigenti leggi e regolamenti, comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da € 25,00 a € 500,00. In presenza di due violazioni all’ordinanza, il Settore sviluppo economico del Comune procederà ad adottare provvedimenti sanzionatori di riduzione dell’orario di apertura al pubblico dell’esercizio sanzionato.

“Questa ordinanza, adottata dopo aver consultato le associazioni di categoria, rappresenta una ulteriore tappa nell’ambito di un percorso che vede coinvolti i residenti e le associazioni di categoria – afferma l’assessore alle attività produttive, Marco Addonisio – L’obiettivo è raggiungere un accordo condiviso per trasformare questo spazio del centro cittadino in un luogo fruibile per tutti,
quasi un salotto cittadino in cui tutti, residenti e non, possano divertirsi nel rispetto delle regole e quindi in un contesto in cui siano garantiti legalità e sicurezza. La cosiddetta “Zona dei pub” non è e non deve essere vissuta come un problema ma come un luogo da valorizzare”.

“Sono convinto che questa ordinanza consentirà a tutti di divertirsi nel rispetto della legalità e sicurezza – afferma il sindaco Giovanni Di Giorgi – Insomma ai ragazzi dico: divertitevi ma nel rispetto delle regole e della nostra città”.

  1. grande sindaco era oraaaaaaa…………….. un po di disciplina a sta gente

  2. sono tutti bravi a fare la regolamentazione ora che il caos è passato…la gente non va più in zona pub con questo caldo, i mesi più duri sono stati metà aprile, maggio e giugno…siamo proprio bravi a farci prendere in giro dai politici…come la storia del porto di rio martino….fra poco vado con il forcone sotto il comune e li caccio tutti…

  3. e chi controlla? I vigili? ah ah ah ah ah ah …. ma se nemmeno sanno fare le contravvenzioni per divieto di sosta, se la fanno addosso solo al fatto di dover fare i controlli ai pub…. e poi immaginate se a fare i controlli sono le vigilesse, ah ah ah ah ah….. mi viene da ridere….

  4. Bisognerebbe anche obbligare gli esercizi ad esporre, ed applicare, gli orari di apertura al pubblico.

  5. Peccato che a latina i Vigili lavorano dalle 8 alle 20. Forse il Sindaco non lo sa.

  6. Le ordinanza servono a poco se poi nessuno ne controlla il rispetto e ne sanzioni gli abusi, facendo pagare. Poi le norme non prevedono per gli “abusi ripetuti ” le revoche delle autorizzazioni?. Così funziona la sicurezza e la legalità. Sig. sindaco ci aspettiamo di più. Non ” abbiate paura ” iniziò così un grande Papa. Ha poi combiato il mondo…….. A Lei Sindaco chiediamo molto ma molto di meno , provare a cambiare solo Latina ad iniziare dal triangolo delle nevi anche quelle estive………..e degli tanti ubriaconi che la frequentano.. Costoro il giorno dopo si alzano alle 13 per il pranzo fatto da mammà, molti di noi alle 4 del mattino anche di sabato o domenica sono già usciti per il lavoro o per studi. E poi non si perda per quattro “commercianti” anche se le tirano la giacca”, in centro vive un popolo che un domani le ” acquisterà ” un abito nuovo…….. Auguri e salute come dicono nel napoletano..Una sera spero di averla a casa mia a cena con la giunta per far vivere in diretta come sono gli arresti domiciliari, settima dopo settimana per 12 mesi senza ” condanna alcuna” e senza poter prendere ” l’ora d’aria ” che invece i detenuti usufruiscono per diritto sancito dalla Carta Costituzionale Italiana. Si sappia che c’ è gente che non ha paura e denuncia alla Magistratura le maleffatte e continuerà a farlo per garantirsi i propri diritti.
    Chiedo al gentile direttore del sito la pubblicazione di questa lettera aperta anche sul quotidiano ove scrive. Grazie per l’attenzione.