ANTIMAFIA: “I PARTITI ADOTTINO CODICE ETICO”

07/12/2007 di
«I partiti adottino il codice etico di autoregolamentazione approvato dalla
Commissione Parlamentare Antimafia: solo così sarà possibile tenere fuori dalla politica personaggi collusi con la criminalità organizzata».

Questo il segnale lanciato dal presidente della commissione antimafia Francesco Forgione a centinaia di studenti delle scuole superiori di Latina, riuniti oggi presso l’aula magna del Liceo Classico «Grassi».  Presente anche il presidente della commissione Sicurezza e lotta alla criminalità della Regione Lazio Luisa Laurelli che haa detto: «Ci viene chiesta trasparenza e un
modo per praticarla è recidere tutti i possibili legami di pezzi  della politica con
aree inquinate della criminalità ».  Laurelli ha annunciando di aver chiesto al presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo di far costituire la Regione Lazio parte civile nel processo che si terrà a gennaio nei confronti del clan camorristico Mendico, operativo nel basso Lazio.  «Per rimanere concretamente sul tema di Forgione – ha proseguito Laurelli – è
opportuno che i partiti adottino il codice dell’ antimafia già alle prossime elezioni amministrative, a partire dal comune di Nettuno, sciolto per infiltrazioni
‘ndranghetiste».