Morphe Arreda

Omicidio Buonamano, annullata l’assoluzione per Romolo Di Silvio

28/02/2015 di
omicidio-buonamano-processo-romolo-di-silvio

omicidio-buonamano-processo-romolo-di-silvioCi sarà un nuovo processo per l’omicidio di Fabio Buonamano. La Cassazione ha annullato la sentenza della Corte D’Appello che aveva disposto l’assoluzione di Romolo Di Silvio per l’omicidio del 34enne freddato nel gennaio del 2010 in via Monte Lupone nel quartiere Gionchetto.

Per il nipote di Romolo, Costantino Di Silvio, detto “Patatone”, la Cassazione ha reso definitiva la condanna a 20 anni ma lo zio, Romolo, dovrà essere nuovamente processato.

I giudici del tribunale di Latina lo avevano condannato a trent’anni, poi quelli della Corte D’Assise d’Appello di Roma avevano annullato la condanna assolvendo l’imputato. Ora si ricomincia con un nuovo processo in Corte d’Appello che potrebbe riaprire un caso molto discusso.

  1. se fossi il sindaco di latina per questa gentaglia e chi fa affari e chi li difende gli darei estradizione immediata

  2. Per chi parla di “estradizione” , ricordiamoci una cosa: non stiamo parlando di extracomunitari ma di criminali italiani nati e cresciuti a Latina…

    Giusto per dire …

  3. cittadino di latina,estradizione lo puoi usare anche sui criminali se non sai le leggi vatti a rileggere le leggi lo può decidere sia il sindaco della città e la prefettura

  4. questo e mio ultimo post non se può andare avanti in questa città in questo modo,a latina fai un post dove vuoi cacciare i criminali di spicco dalla tua città,a posta di aiutardi che bella iniziativa che hai avuto e tutti di danno contro,ho la gente di latina si e abituata al loro sistema criminale ho gli fanno affari insieme,senti in giro che tutti gli parlano male alle spalle e quando li vedono li trattano come dei re e ci macca quasi che gli metteranno il tappeto rosso,io dico una cosa dove e finita tutta la coerenza della gente?ciao a tutti

  5. nel parlare di estradizione credo intendessi l’allontanamento dal comune di residenza con il divieto di accedere all’interno dei conficni comunali.. sarebbe un’ottima idea..ma forse socialmente inutile..con due conseguenze .. questa città si spopolerebbe di un gran numero di persone..ma tali soggetti si anniderebbero in altri centri urbani e continueranno a far proliferare le loro metastasi… queste persone che non hanno avuto neanche lo scrupolo di uccidere uno che conoscevano bene.. ma che con loro c’entrava ben poco.. dovrebbero essere arrstate buttate in un carcere umido buio e scomodo e passarci il resto della loro vita… questa gente non può godere di protezioni politiche.. e noi non possiamo più scegliere soggetti che si avvalgono di questi esseri per garantirsi pacchetti di voti che da decenni hanno permesso un incontrastato monopolio della politica locale!!!! Ragazzi dal nostro territorio abbiamo mandato in parlamento dei soggetti che sono a guardarli vengono i brividi!!!!
    Aprite gli occhi .. e la prossima volta che minacciano di morte un magistrato.. scendiamo in piazza spontaneamente invece di voltarci dall’altra parte… chi semina vento.. raccoglie tempesta!