Morphe Arreda

Da Latina alla Regione Lazio, arriva il primo registro dei tumori

03/02/2015 di
regione-lazio-latina24ore-001

regione-lazio-latina24ore-001«Plauso unanime dagli specialisti oncologici, ascoltati in commissione Salute e politiche sociali questa mattina alla Pisana, sulla proposta di legge per l’istituzione del Registro Tumori di Popolazione della Regione Lazio, primo firmatario il consigliere Davide Barillari (M5S). Un testo condiviso e successivamente sottoscritto anche dal presidente Rodolfo Lena (Pd), nonché da numerosi esponenti sia della maggioranza che dell’opposizione». Lo rende noto, in un comunicato, l’Area Informazione del Consiglio regionale del Lazio.

«Sulle possibili integrazioni alla legge – spiega – sono intervenuti il dottor Alessandro Rossi, della Lega Italiana Lotta ai Tumori, il quale ha suggerito e invitato a prevedere nell’articolato figure professionali di ‘registratorì e consulenti medici quali ematologi e anatomopatologi, al fine ‘di uniformare il linguaggio degli operatori – ha concluso Rossi – con regole condivise per la costruzione di registri che facilitino il flusso delle informazioni sul territoriò. Inserire nella legge il contributo degli psico-oncologi che si occupano di seguire i pazienti durante la malattia, è stata la proposta della dottoressa Patrizia Pugliese, responsabile Uod Piscologia Ifo.

Sul primo registro dei tumori nato a Latina ha relazionato Fabio Pannozzo, sulla base di una trentennale esperienza, invitando ad evitare l’eccessiva frammentazione territoriale dei registri con realtà sub provinciali. Sulle forme e le possibilità di interconnessione tra l’epidemiologia ambientale e il registro dei tumori, si è soffermata la dottoressa Paola Michelozzi, direttore Uoc Epidemiologia Ambientale Regione Lazio. Sono interventi anche il responsabile Uoc di Anatomia Patologica azienda Sant’Andrea, il prof. Luigi Ruco e Enzo Coviello dell’Associazione Italiana dei Registri Tumori». «Dai suggerimenti di oggi – ha chiosato Davide Barillari, a conclusione dell’audizione – siamo sempre più convinti della necessità di arrivare alla stesura di un testo che ci permetta la mappatura dei tumori dei quali, in un contesto come quello laziale, forte è l’incidenza, anche per quelli infantili».

  1. Mi sembra un progetto valido: speriamo non finisca come molte spesso succede, in un nulla di fatto.
    Pensare che 30 anni fa, o forse qualcosa di più, ho conosciuto una dottoressa che lavorava ad un registro tumori, non ad un progetto, ma comunque è svanito nel nulla lo stesso.