Morphe Arreda

Raccolta fondi per aiutare gli indiani sfruttati nei campi

18/09/2018 di
indiani-lavoro-campi-terra

«Trentamila indiani Sikh lavorano, nelle campagne del pontino, in condizioni di schiavitù: circa 14 ore al giorno per una paga di 4 euro l’ora. Costretti a chiamare “padrone” il proprio datore di lavoro e spesso a far uso di sostanze dopanti per resistere alla fatica». È la nuova denuncia, in una nota, della cooperativa In Migrazione, che ha lanciato su GoFundMe «una raccolta fondi per avviare un progetto di sostegno e assistenza alla comunità indiana che vive e lavora nella provincia di Latina».

«Quella dei Sikh è una comunità pacifica – raccontano – che vive una situazione di isolamento, che non conosce i propri diritti. Vogliamo creare un team specializzato di legali, mediatori culturali e assistenti sociali per supportare i braccianti e fermare il caporalato».

«Quello che succede nel Pontino non può e non deve proseguire oltre – spiega Marco Omizzolo, responsabile scientifico In Migrazione – ma da soli non possiamo farcela. In tanti ci hanno dimostrato in questi anni supporto morale e stima. Ora serve un passo in più».

«Il progetto di crowdfunding – conclude la nota – è raggiungibile alla pagina https://www.gofundme.com/fermiamo-il-caporalato».