Morphe Arreda

Di Giorgi: Ho pagato la casa in piazzale Carturan

26/01/2015 di
giovanni-di-giorgi-latina24ore-28596441
Il sindaco Giovanni Di Giorgi

Il sindaco Giovanni Di Giorgi

Il sindaco Di Giorgi diffonde poche righe per difendersi dall’ipotesi di aver ricevuto gratuitamente una casa dal consigliere comunale Malvaso.

“In considerazione – scrive il sindaco – dei ripetuti riferimenti alla mia personale posizione riguardante l’acquisto dell’immobile sito in piazzale Carturan, a rogito del notaio Celeste, alla somma di € 335.000,00, al fine di porre fine a qualsiasi strumentalizzazione e soprattutto per dare certezza e trasparenza sulla mia azione amministrativa, preciso quanto segue: il pagamento dell’appartamento è avvenuto con bonifici bancari e con la stipula di un mutuo di € 250.000,00  con l’istituto di credito Banca Popolare di Milano, con rate mensili di € 1.350,00”.

mara-mattioli-foto-cusumanoL’ACCUSA. Le irregolarità contestate a Malvaso dopo il sequestro del palazzo a Borgo Piave, si intrecciano con l’acquisto del sindaco Giovanni Di Giorgi dell’attico in piazzale Carturan 22 proprio dal consigliere di Forza Italia Malvaso. Secondo il giudice non risulta che quella casa sia stata pagata, il bonifico non si trova. Il giudice Mara Mattioli scrive testualmente: «Risulta che in data 27 ottobre 2012 a cavallo tra la prima delibera della Giunta (approvazione variante Ppe di Borgo Piave) è la seconda delibera dell’8 gennaio 2013 (approvazione definitiva) la società Agyron Immobiliare srl riconducibile al Malvaso (titolare del 50% delle quote sociali) ha venduto un attivo residenziale sito in Latina, piazzale Carturan n.22 al sindaco Giovanni Di Giorgi (presente nella giunta dell’8 gennaio in cui è stata decisa l’approvazione definitiva della variante), vicenda su cui sono in corso accertamenti per verificare l’effettivo pagamento del prezzo di acquisto, posto che in maniera singolare nell’atto di compravendita, non solo non è indicata la grandezza dell’appartamento (in modo anche da valutare la congruità del prezzo indicato), ma risulta solo una promessa di pagamento del prezzo a mezzo bonifico bancario che doveva avvenire entro il 30 novembre 2012 di cui peraltro allo stato non vi è traccia».

NESSUNA DATA. Il sindaco ha sempre dichiarato di aver pagato la casa a prezzo di mercato. Ma dov’è finito il bonifico a cui fa riferimento il giudice? Perché nella precisazione diffusa non si fa riferimento alle date dei bonifici ma solo al mutuo?

  1. E bravo Di Giorgi, finalmente un amministratore onesto al comune di Latina!
    Caro sindaco nostro, fai riparare le buche nelle strade perché non ho mai visto nessuna città con le buche così numerose e profonde. Grazie.

  2. Signor Sindaco lei avrà modo di dimostrare tutto quello che vuole. Meglio per lei e per noi. Quello che non va è che un costruttore sia nella commissione urbanistica e usi questa per farsi gli affari propri.

  3. In dichiarazioni precedenti era venuto fuori che una parte sostanziale del pagamento dell’attico di Piazzale Carturan era posticipata rispetto al rogito. Ogni cittadino che ha avuto esperienza di compravendita di immobili sa che ciò è assolutamente inusuale: il trasferimento della proprietà (rogito) si perfeziona solo con il pagamento completo del corrispettivo pattuito. Quale urgenza c’era, poi, di rogitare senza avere a disposizione tutto il corrispettivo, dato che l’immobile in questione è ancora oggi libero? Insomma, sarà bene che la magistratura continui con le sue indagini, a partire dai bonifici dichiarati come avvenuti (date e ammontari).

  4. Il bello è che il massimo che potrà capitare a questo tizio sarà quello di lasciare la poltrona, non certo di finire in galera o restituire di tasca propria tutti i soldi pubblici rubati…

  5. Io gli domanderei anche come mai il fratello prima disoccupato, adesso vince gare di finanziamenti pubblici …come mai? talento a scoppio ritardato?