Website Security Test
Banner Bodema – TOP

Andrè Durand, a Fondi “omaggio a Tiziano”

Dopo il ritratto ufficiale di Papa Giovanni Paolo II e quello del Dalai Lama che gli sono valsi la fama internazionale ed un posto tra i migliori ritrattisti di fine Novecento, André Durand torna in Italia con un’opera destinata a far parlare di sé.

Il pittore, infatti, tra gli esponenti della corrente del cosiddetto “Neomodernismo”, ha già svelato al pubblico in anteprima uno dei dipinti che saranno in mostra a Fondi a partire dal prossimo 21 giugno (S. Luigi Gonzaga, vernissage alle ore 19) ed a Terracina dal 29 dello stesso mese (Ss. Pietro e Paolo, vernissage sempre alle ore 19).

L’organizzazione è affidata al Rotaract Club Terracina-Fondi in collaborazione con il Rotary dell’omonimo club e si avvale dell’ausilio di una esperta del settore quale Paola De Luca, della collaborazione dell’associazione “Laurus Nobilis” e dei patrocini dei Comuni di Fondi e Terracina, nonché del Creia – Regione Lazio e del Parco dei Monti Ausoni e Lago di Fondi.

L’ultimo ritratto in questione è un “Omaggio a Tiziano”, artista prediletto ed ispiratore della pennellata durandiana. Il “tondo” raffigura la bella contessa del Cinquecento nativa di Gazzuolo e sarà esposto all’interno della sua naturale cornice di Palazzo Caetani, sede Rinascimentale della corte che la giovanissima donna portò a Fondi col suo seppur breve soggiorno e oggi sede del “Laboratorio Aperto” di pittura dello stesso Durand. Completeranno l’esposizione i “tondi” della “Via Lucis” (che ripercorre la “vita di Cristo” nel periodo pentecostale) ed altri imponenti raffigurazioni, tra le quali le “pendant pictures” a carattere mitologico dal titolo “Oreste ruba le capre a Polifemo” e “Balio e Xanto”.

A Terracina, invece, nella suggestiva Cattedrale di San Cesareo, nell’acropoli della cittadina romana, saranno esposti la “Madonna dell’Aranceto”, “Le lacrime di San Pietro”, “Gesù e Ganimede” e il succitato ritratto di Giovanni Paolo II, per il quale il Santo Padre posò nel 1983 in tre sedute da 20 minuti ciascuna.

Per l’occasione è in fase di stampa un catalogo destinato a cambiare in qualche modo la Storia. Al suo interno, infatti, uno dei testi più interessanti è quello scritto dallo stesso Maestro André Durand, letteralmente innamorato delle vicende di Giulia Gonzaga, tanto cantata dall’Ariosto quanto ritratta all’epoca.

Eppure sui lineamenti della bella contessa restano ancora incertezze, motivo per cui il pittore di origini canadesi ha offerto la sua versione dei fatti, proponendo anche il ritratto al quale si sarebbe ispirato Tiziano che delineò i tratti della Gonzaga pur senza averla mai avuta di fronte. Il titolo del catalogo delle opere, “Poesie dagli dei a Gesù Cristo”, nasce innanzitutto dal fatto che lo stesso Tiziano chiamasse “Poesie” i suoi dipinti di carattere mitologico e dal filone che percorre tutte le opere volto alla cristianizzazione del paganesimo.

Comments

comments

MandarinoAdv Post.