Website Security Test
Banner Bodema – TOP

La storia della fondatrice di IoVaccino: “Mia figlia rischiò di morire per una pertosse”

«Ho rischiato di perdere mia figlia per una pertosse contratta a soli 40 giorni dalla nascita. Non avevo mai sentito parlare della possibilità di poterla difendere, nei primi mesi di vita, vaccinandomi durante la gravidanza». Alice Pignatti è oggi la mamma di Anja, una bellissima bimba di 3 anni, viva per miracolo dopo aver contratto un batterio pericoloso soprattutto per i neonati, quello che provoca la pertosse.

Da allora Alice, ‘mamma social’ ha deciso di portare all’attenzione pubblica l’importanza dei vaccini. «Tutto è iniziato nel luglio 2015, quando mia figlia aveva poco più di un mese. Ha iniziato ad avere una tosse con raffreddore, che però, nel corso dei giorni, invece di guarire diventava sempre più insistente. Quando mi è arrivata la diagnosi, in pronto soccorso, mi chiesi: ma la pertosse non è stata debellata? Seguì un mese fatto di lunghissimi attacchi di tosse, che lasciavano la bimba cianotica e senza fiato, con il rischio di danni cerebrali, perché durante l’apnea può succedere che l’ossigeno non arrivi al cervello».

Il contagio era avvenuto probabilmente quando Alice era andata, insieme alla piccola, a prendere all’asilo il fratellino maggiore. La bimba era troppo piccola per esser vaccinata ma quello che la mamma non sapeva è che lei stessa avrebbe potuto proteggerla, vaccinandosi durante la gravidanza, perché gli anticorpi materni, attraverso la placenta, arrivano al figlio, che ne porta memoria per i primissimi mesi di vita.

«Non ne avevo mai sentito parlare, all’epoca su questo aspetto non non c’era affatto informazione», spiega Alice. Da allora decise di fare il possibile per migliorare la conoscenza sul tema vaccini attraverso un gruppo su Facebook e il lancio di una petizione su Change.org per introdurre la vaccinazione obbligatoria per l’accesso scuola, iniziativa che fece da apripista al decreto legge in materia.

L’associazione da lei fondata, IoVaccino, ha 62mila fans su Facebook e oggi, tra le tante campagne, Alice è a fianco della Regione Emilia Romagna per promuovere la vaccinazione contro la pertosse tra le donne in gravidanza. «L’iniziativa è nata dopo la morte, lo scorso anno al Policlinico sant’Orsola di Bologna, di una bimba che aveva contratto la pertosse – conclude -. Adesso tutte le future mamme vengono informate presso i consultori e c’è stato un aumento spaventoso delle vaccinate».

Commenti

commenti

MandarinoAdv Post.