Morphe Arreda

Latina Basket, coach Ferrari: “Bisogna imparare a vincere fuori casa”

18/10/2011 di

E’ tornata ad allenarsi martedì la Benacquista Assicurazioni Latina Basket. ”Vincere fuori casa, è una cosa che bisogna imparare – spiega il coach Mattia Ferrari – e finora non abbiamo brillato lontano dal Pala-Bianchini”. Dopo Trieste, anche a Bari, la squadra pontina ha pagato un cattivo inizio, anche se poi ha fatto il possibile per ritornare in partita. “Dobbiamo gestire meglio il nostro gioco – ribadisce il coach – avere più pazienza, non possiamo pensare di tenere i ritmi cosi alti, come in casa”. Un esperienza che la squadra dovrà acquisire strada facendo, a partire dalla gara di sabato sul campo di Siena.

Le statistiche di Bari non puniscono Serena e compagni, che nonostante lo stop pugliese, ha tirato con percentuali migliori dei padroni di casa, ha dominato ai rimbalzi, 36 contro 29, nonostante l’assenza di Plumari, che da sempre un aiuto sotto i tabelloni, e la presenza nelle file avversarie di due giganti come il 210 Morena e il giovane 224 Deguara, il giocatore più alto del campionato. A fare la differenza dal punto di vista statistico sono le palle perse, 23 contro 18, e i tiri liberi, con Latina ne ha tirati solo 16 contro i 32 di Bari, ben il doppio, che ne ha tirati sei nell’ ultimo minuto di gioco, quando la squadra del presidente Benacquista, arrivata anche a meno cinque, ha tentato di rientrare sfruttando il fallo sistematico. Le note negative arrivano però dall’ infermeria, con il nuovo stop dell’ala Micevic, finora il giocatore più prolifico della Benacquista Assicurazioni. Le sue condizioni, cosi come quelle di Plumari e De Angelis, assenti a Bari, saranno valutate in settimana, con il coach che spera di recuperarli per la trasferta di sabato sera, sul campo della Virtus Siena.