FAZZONE? UN BERLUSCONI IN SALSA PONTINA

20/07/2010 di

Gentile direttore,

maggio-giugno 2011. Si tornerà alle urne a Latina. Gli schieramenti sono i soliti. L’esito è tutt’altro che scontato, rispetto alle tornate elettorali degli anni scorsi. Nel 2007 fu Fabrizio Cirilli che creò uno spostamento di voti con la sua lista, Progetto per Latina che, con il 20% dei consensi, per poco non andò al ballottaggio al posto di Maurizio Mansutti, candidato sindaco del PD. Questa volta ci potrebbe essere la prima vittoria del centrosinistra, che non ha mai visto un suo candidato essere eletto primo cittadino il oltre 75 anni di storia. Fino al 1994 hanno sempre trionfato candidati della DC, dopo il 1994 sempre candidati prima del Polo e poi del PdL.

Questa volta la vittoria del centro-destra è in bilico per problemi interni, gli stessi che hanno portato alla caduta di Vincenzo Zaccheo: la faida fra ex Forza Italia ed ex Alleanza Nazionale (guarda caso la stessa “guerriglia” che nel partito si sta riproponendo a livello nazionale, con i finiani da una parte e i berlusconiani dall’altra). Da quando è nato il Popolo della Libertà è in atto la discussione sulle quote del partito, e ciò non aveva giovato ai rapporti fra le due anime del partito. Aggiungiamo pure un video di Striscia la Notizia in cui Zaccheo (ex An) chiede a Renata Polverini di non dare più appalti a Fazzone (ex Fi) perché “ha perso 15mila voti” (consiglio a Zaccheo un bel ripasso di matematica, da 36mila a 28mila sono 8 mila consensi in meno) e la frittata è fatta.

Però c’è un però. Giusto per parafrasare l’inno del PdL, meno male che Claudio c’è. Fazzone sul territorio di Latina è una vera e propria macchina da voti. Ogni volta che scende in campo raccoglie un oceano di consensi nella nostra provincia, nonostante i sospetti mafiosi e le bastonate del Latina Oggi (farebbero meglio a stare zitti, visto chi è il loro editore). Se scendesse in campo, credo che la vittoria sarebbe pressoché certa per il centro-destra. A volte penso che Fazzone sia il Berlusconi in salsa pontina: prima imprenditore, dal 1995 in politica con Forza Italia, ad ogni tornata elettorale è l’uomo del PdL (e non solo) che ha più consensi, bersagliato da invidia e sospetti.

Caro senatore Fazzone, scenda in campo per Latina, eviti la possibile dèbalcle al centrodestra e si riaffermi come leader indiscusso del PdL di Latina.

Andrea Asole

 



  1. Fazzone? quello appena rinviato a giudizio per le raccomandazione scritte su carta intestata all’ASL? quello che disse che nel comune di Fondi non si erano accorti degli appalti milionari dati ad imprese in odor di camorra perch

  2. questo mi piacerebbe per Latina e provincia. Rilancio del turismo per vocazione costiera e dell’entroterra, agricoltura puntando a qualit

  3. Con Fazzone sindaco di Latina la centrale riaprirebbe il giorno dopo…ci diranno che fa bene alla salute e allo sviluppo della citt

  4. Fazzone se lo tenga lei….io vorrei uno che almeno sappia mettere in fila due parole.