Controlli nei distributori, a Latina pubblicità ingannevole sui prezzi

09/08/2014 di
distributore-benzina-latina-468267253

benzina-latina-pompa-auto-4687524Blitz della Guardia di finanza nei distributori di carburante: su 800 impianti visitati in tutta Italia nell’ambito di un piano estivo a tutela dei consumatori, 230 sono risultati irregolari, pari al 28% dei controlli eseguiti. Gli uomini delle Fiamme Gialle hanno denunciato 33 persone, sequestrato 93 colonnine, 449 pistole erogatrici ed oltre 780 mila litri di prodotti petroliferi. Tra le irregolarità riscontrate anche un centinaio di violazioni alla disciplina sui prezzi.

Nella zona di Latina i finanzieri hanno scoperto una serie di impianti dove veniva attuata una pubblicità ingannevole sui prezzi di vendita del carburante.

Gli impianti controllati sono stati selezionati dalla Gdf sulla base di una mirata analisi di rischio che ha tenuto conto sia delle informazioni raccolte dai finanzieri sia delle segnalazioni arrivate dai cittadini. L’attività, tutt’ora in corso, rientra in un piano messo a punto dal Comando generale in vista dell’estate per tutelare sia i consumatori sia gli imprenditori onesti.

Nel corso dei controlli è stato verificato in particolare se il carburante effettivamente erogato fosse lo stesso di quello contabilizzato e pagato dagli automobilisti, se fossero state mischiate alla benzina o al gasolio sostanze dannose per le auto, se fosse stata rispettata la disciplina dei prezzi esposti, finalizzata ad offrire ai cittadini una corretta informazione e scegliere dove fare rifornimento.

  1. Eh già, la legge sulla privacy è proprio una gran ca**ata; è a tutela dei truffaldini, ladri delinquenti politici ecc… non si può indicare il nome di chi delinque, ma si possono divulgare i contenuti delle telefonate private a sfondo sessuale. Ma andate aff….

  2. Se io domani tiro uno schiaffo ad un politico il mio nome non sarà tutelato e lo sapranno i giornali di tutto il mondo, se invece sono un mafioso, evasore, criminale e via dicendo ho diritto alla privacy.
    Complimenti per le solite notizie-inutili giornalisti del cavolo!

  3. Andiamo tutti in bicicletta così commercianti e benzinai non rubano più!

  4. Se contatti la finanza per denunciare il sospetto di una truffa ad un distributore ti fanno il quarto grado telefonico, ti chiedono oltre alle generalità (giustamente), di tutto e di più, nonostante gli dici che sei sicuro di un ammanco (erogatore che parte direttamente da 5 euoro e lancetta che si alza meno del dovuto); poi ti dicono che dovevi contestare subito il dubbio al gestore, chiamare la finanza davanti a lui ed aspettare; se avessi fatto così il gestore, la presumibile moglie o compagna e l’aiutante con brutte facce (e non c’era nessun altro alle 19.30 d’inverno), credo non sarebbero stati molto accondiscendenti, anzi… Ovviamente non ho saputo più nulla e nei giorni successivi era sempre regolarmente aperto.

  5. ma -se non i nomi dei distributori coinvolti- almeno la tipologia di questa pubblicità ingannevole…

  6. non mettono mai i nomi! poi beccano uno con due canne e mettono nome e cognome anche su repubblica! giornalisti terroristi!