Il consultorio diocesano compie dieci anni: 800 persone aiutate

31/01/2014 di
diocesi-latina-curia-763552

Si svolgerà sabato 1° febbraio 2014 alle 15.30 presso il Centro di pastorale diocesano di Latina un Convegno pubblico dal titolo Generare futuro. Uno sguardo sul cammino fatto, un grandangolo sul futuro possibile. Occasione per questo evento, i dieci anni di vita del Consultorio diocesano “Crescere insieme”.

«Il consultorio è nato dieci anni fa per concretizzare l’impegno che la diocesi aveva portato avanti fino ad allora a favore della famiglia» afferma Vincenzo Serra, presidente del Consultorio diocesano. «Un’opera segno, fortemente voluta dall’allora vescovo diocesano, monsignor Giuseppe Petrocchi, a  sostegno soprattutto delle situazioni familiari (coppia, singolo, adulto o ragazzo) più fragili» racconta. Un Consultorio nato all’insegna della condivisione “in famiglia”: «All’inizio – spiega infatti Vincenzo Serra – abbiamo svolto la nostra attività in abitazioni private, grazie alla generosità di amici che ci hanno messo a disposizione la propria casa: prima, ospiti della casa paterna di don Gianni Checchinato; poi, grazie a una donazione alla Diocesi da parte del carissimo magistrato Vincenzo Guercio per attività legate alla famiglia, in un appartamento privato». Dunque, fin da subito il Consultorio è stato un’esperienza di condivisione. «Infine, al termine dei lavori della nuova Curia, il vescovo Giuseppe ha scelto per la nostra sede il piano terra: il Consultorio deve essere il primo punto d’incontro – insieme alla Caritas – per chi arriva in Curia, segno di attenzione ai più bisognosi».

Formazione, prevenzione e promozione sono tre parole chiave per l’impegno del Consultorio diocesano in questi dieci anni: «Bisogna formare le coppie di fidanzati, perché la scelta del matrimonio sia fatta con consapevolezza» prosegue il presidente Serra. «Bisogna formare e sostenere i genitori nel loro compito educativo. Bisogna prevenire situazioni di difficoltà, che portano alle separazioni familiari e al disagio giovanile. Bisogna promuovere una cultura che – come ci ricorda papa Francesco – ponga al centro la persona e il suo benessere integrale».

Per portare avanti questi obiettivi, in dieci anni di vita, il Consultorio ha operato su tre aree complementari: psicologica, giuridica e medico-ginecologica. Gli operatori del Consultorio hanno incontrato 644 persone per consulenze psicologiche individuali, di coppia o familiari. Per quanto riguarda l’area giuridica, il Consultorio diocesano di Latina è inoltre il primo e unico centro nel Lazio per la mediazione penale minorile. I corsi di educazione alla procreazione responsabile dell’area medico-ginecologica, infine, sono una delle tante occasioni di formazione nelle scuole come nelle parrocchie, per i genitori come per i ragazzi, i catechisti e gli educatori.

Ai responsabili delle tre aree di azione del Consultorio sono affidate le testimonianze introduttive del Convegno di sabato 1° febbraio. Seguiranno gli interventi dell’assessore regionale alle Politiche sociali, Rita Visini; della responsabile del Consultorio pubblico di Latina, Aida Recchia; del presidente della Confederazione consultori cattolici del Lazio, Leo Nestola. Chiuderà i lavori il vescovo diocesano, monsignor Mariano Crociata.

E dal vescovo Mariano arriva il mandato per il Consultorio, per il futuro: «Prevenire l’insorgere di contrasti irreversibili, accompagnare nelle fasi difficili, aiutare a uscire dalle crisi con proposte di percorsi di soluzione: mi paiono questi i compiti insostituibili di un Consultorio familiare oggi».

Gli fa eco il presidente Serra: «Seguendo l’invito del nostro Vescovo, ci impegniamo a ridare fiducia nella gratuità, in rete con le altre realtà di servizio che operano in Diocesi. La speranza: di fronte all’aumento di divorzi e separazioni, vogliamo curare meglio i corsi di preparazione al matrimonio, per educare a una scelta più consapevole. Nella gratuità: nel Consiglio direttivo siamo tutti volontari e le prestazioni sono totalmente gratuite; chi può, lascia un’offerta. Dunque viviamo grazie ai fondi dell’otto e del cinque per mille, alle raccolte promosse nelle parrocchie, alle donazioni libere dei nostri utenti» conclude.

IL CONSULTORIO IN CIFRE

AREA PSICOLOGICA E PSICOTERAPEUTICA

644: gli utenti seguiti in 10 anni, di cui 458 per una difficoltà individuale, 186 per un problema di coppia (93 coppie).

73,13%: percentuale delle donne tra gli utenti.

14: gli anni del più giovane utente arrivato al Consultorio. Il più anziano: 78 anni. Età media: 41 anni.

Come sono arrivati al consultorio? Tramite parenti e amici (24,51%), sacerdoti o religiosi (23,26%), per iniziativa personale (19,86%).

Difficoltà nelle coppie arrivate al Consultorio: comunicazione; gestione dei conflitti; relazioni con il sistema.

 

AREA LEGALE

30/40: le richieste di assistenza ogni anno.

90: gli anni della persona più anziana che si è rivolta a noi. Una signora che voleva separarsi dal marito, perché la trascurava: ogni settimana portava dolci al centro anziani mentre a lei non aveva portato mai nulla. Le abbiamo consigliato di essere franca con il marito. Risultato: il marito le porta spessissimo dolci e ora, non potendoli mangiare, li porta anche lei al centro anziani.

1° e unico: il Consultorio è sede dell’unico ufficio di mediazione penale nel Lazio, costituito con protocollo di accordo con Comune, Provincia, Ministero di giustizia.

Provincia di Latina, Frosinone, Castelli romani, Campania: le provenienze dei minori seguiti.

 

Le storie

  • La prima baby gang al femminile in Italia l’abbiamo avuta a Latina. Incontrate dagli operatori del Consultorio, hanno acconsentito a incontrare le vittime (queste ultime non sempre hanno accettato). Ora sono recuperate e alcune di loro lavorano anche.
  • Una minorenne, dopo aver denunciato il convivente della madre, viene collocata in una casa famiglia. Dopo due anni è riuscita a rincontrarlo, presso Consultorio, e ora è rientrata a casa.
  • Un minore aveva rapinato un coetaneo del cellulare e dei soldi. Inizialmente scettico sulla mediazione, al termine del percorso ha chiesto di incontrare la persona offesa. Rimasto male per il rifiuto dell’altro, tramite il Consultorio gli ha scritto una lettera di scuse, dispiacendosi di non averlo potuto incontrare.

 

AREA MEDICO-GINECOLOGICA

8: Corsi e seminari su crescita ed età evolutiva svolti negli anni. Destinatari: genitori, animatori e catechisti.

200: le consulenze svolte sul Metodo di regolazione naturale della fertilità.

Sulle orme dei figli: titolo di una mostra fotografica interattiva sul mondo degli adolescenti.

  1. 800 persone in 10 anni… 80 l’anno…. 1 ogni 5 giorni…. e gli altri 4 ?