Ragazza morta, indaga il Nas: oggi l’autopsia

11/04/2013 di
karin-dalla-senta-latina24ore-78965654

Oggi il medico legale Maria Cristina Setacci effettuerà l’autopsia sul corpo della ragazza di 26 anni morta per una peritonite in ospedale, dopo che il medico di base scambiò un’appendicite per una semplice influenza. Si vuole ricostruire esattamente quanto avvenuto prima dell’arrivo di Karin Dalla Senta in ospedale e durante la sua degenza.

L’inchiesta è coordinata dal sostituto procuratore Giuseppe Bontempo e affidata ai carabinieri del Nas di Latina che hanno già sequestrato la cartella clinica della ragazza. Secondo la denuncia presentata dalla famiglia, Karin soffriva di forti dolori da circa venti giorni. Il suo medico di famiglia, dopo averla visitata a casa, le avrebbe diagnosticato una semplice influenza dandole un antibiotico, mentre in realtà la ragazza aveva un’appendicite, poi degenerata in peritonite mortale.

Sembra che dopo il medico di base ci sia stato anche un contatto telefonico con un altro medico, una dottoressa di Roma, che le avrebbe detto di interrompere il trattamento con l’antibiotico. Un particolare rivelato dal Messaggero.

Intanto Ennio Cassetta, direttore sanitario della Asl annuncia un’indagine interna: «Abbiamo già attivato un audit clinico per ricostruire attraverso delle audizioni quanto accaduto». La città è sbigottita di fronte a una morte assurda che si doveva evitare.

«Oltre al dolore per la perdita della ragazza – commenta il dirigente del pronto soccorso Mario Mellacina – questo caso porterà un ulteriore aumento degli accessi impropri al pronto soccorso, perché molti cittadini si fideranno meno dei medici di base».

  1. in un paese dove tagli i posti, diminuisci gli stipendi, metti i medici amici di famiglia raccomandati e incompetenti succede questo.Ho lavorato in 118 6 anni fa…quando ancora infermieri, autisti e medici erano ben retribuiti…ora, dopo quasi 4 anni di scontenti cosa pretendevamo? la stessa dedizione?lo stesso spirito?..la colpa è dei vertici, che senza pensare alle conseguenze di mettere sul posto di lavoro persone scontente, hanno tagliato, reso un lavoro bellissimo fino a poco tempo fa, disgustoso…per quanto riguarda i medici di famiglia sappiamo tutti che sono per la maggior parte vecchi rinc….iti, come questo medico in particolare…devono saltare i dirigenti, devono pagare loro, oltre naturalmente allo stesso medico, 118 e pronto soccorso…la prima ad essere denunciata è la Polverini, che con i suoi tagli ha creato tutta questa schifezza sociale…per il primario Mellacina il messaggio è, chiedi ai tuoi vertici di investire sul territorio, con medici competenti che vanno a casa, con una rete di tecnici radiologi con ecografi portatili, con un laboratorio analisi strutturato e serio che raccolga i campioni di sangue anche dagli interventi di 118…insomma…la sanità deve cambiare, il modello dell’emilia romagna è da replicare…peccato però che nel lazio ed in particolare a Latina manchi il senso civico, a quanto pare ci interessa più l’attico da 1.400.000 accanto al palazzo M o il cayenne bianco….

  2. A Robé. Ma falla finita, qui è il medico di base che se nè fregato, gli ha detto pigliate la pasticca e stai a posto. Questi pensano che dopo lauerati in medicina gli arriva subito un milione di euro perché loro sono medici. Ma de lavorà e fare il proprio mestiere con coscienza non se ne parla proprio.
    Condoglianza alla famiglia.

  3. ma il nome del medico di famiglia?!perchè la stampa continua a “proteggerlo”?!?! condoglianze alla famiglia :(

  4. ma come pretendi di veder pubblicato il nome se non è neanche indagato??? mah

  5. Siamo sicuri che questo medico di famiglia sia laureato in medicina? e che abbia conseguito la laurea studiando?.. sai se ne sentono tante al giorno d’oggi..

  6. SONO STATO VITTIMA ANCHE IO. DOPO 4 P.SOCCORSI LA PENDICITE SCOPPIA E POCO PIU DI 40 ORE DI ATTESA NEL P.SOCC IN TUTTO LE 4 VOLTE ALLA FINE MI SALVA FONDI. VERGONGA S.MARIA GORETTI OSPEDALE DELLE LAURIE COMPRATO CON GALLINE UOVE E ABBACHIO

  7. Non mettete assolutamente piede al Santa Maria Goretti,x nessun tipo di male sia lieve ke forte…non ci si può fidare…infermieri ke si drogano,medici raccomandati e soprattutto non se sà ke ci fanno ai pazienti ….EXPERIMENT a 1.000 e non lo dico tanto per sparlare ma ho avuto in famiglia decessi,storie assurde che sarebbero troppo lungo da scrivere qui…per il vostro bene non scegliete il Goretti !

  8. Il dramma di essere persone oneste. Non posso per motivi ovvi, offendere il dott Mallacina, ma dite voi qual’è l’etica di una persona che si preoccuppa delle conseguenze del reparto, invece di pensare a come chiedere umilmente scusa alla famiglia di Karin, per il disservizio del suo reparto. Spieghi il dott Mallacina, se è comprensibile, che di fronte al perbenismo dei famigliari di Karin, che giustamente e e legittimamente, nonostante i forti dolori della figlia, si attenevano alle disposizioni dei medici del suo reparto, domenica mattina nella sala d’attesa del pronto soccorso, alcuni utenti indignati, chiamavano addirittura i carabinieri, il quale non potevano far altro che constatare l’impossibilità di intervenirire, a fronte delle rassicurazioni di medici e paramedici. E vogliamo parlare per sottolinaere la profonda disumanità del personale medico e paramedico dell’ambulanza, alterato per una chiamata in piena notte, che avrebbe disturbato una nottata tranquilla. Il dramma non è l’indignazione, che durà un attimo, è la profonda insensibilità per una vita umana, che tratta gli essere umani come se fossero animali randaggi. Il vero punto è riflettere su che cos’è diventata l’umanità e perchè le persone si riducono in questo stato. Credo che la responsabilità e della scuola, della politica, che avendo perso tutti i suoi valori e le sue regole crea solo mostri, che perdono la testa alla prima difficoltà, perchè non preparati al dovere che impone un mestiere. La responsabilità quindi caro primario, è anche la sua, perchè è stato anche assessore di un comune, il nostro di Latina, che vanta con orgoglio di avere consiglieri regionali eletti, suoi colleghi di partito, PDL e Fratelli d’Italia, che hanno avallato queste scelte di distruggere la sanità pubblica per favorire la sanità privata. Il risultato è aver assunto personale poco qualificato, a contratto determinato, con stipendi bassissimi e senza tutele sindacali, addirittura come prestatori d’opera in cooperative. I risultati purtroppo sono sotto gli occhi di tutti.

    P.s che dice la senatrice del movimento 5 stelle, dura e pura, tutti a casa, sull’operato dei suoi colleghi del 118.

  9. se volete farvi curare decentemente andate a roma! Il sant’eugenio è all’eur. Vi conviene!!

  10. SCUSA KARIN ….

    Per quello che ancora può servire, come operatore del settore ( medico 118 ),
    non posso far altro che chiedere scusa a te ed ai tuoi genitori…
    Perdonaci, perchè noi ( operatori del settore ), SIAMO SOLO LA “PUNTA DELL’ICEBERG”… Perdonaci, ma il nostro SISTEMA SANITARIO e’ allo sbando , vittima dei PREDONI POLITICI che lo hanno saccheggiato.. a danno dell’utenza e degli operatori in prima linea …
    Perdonaci perchè non VOLEVAMO FARTI DEL MALE… ma siamo continuamente messi in condizioni di farlo ….
    Non perdonarci se dopo questo non faremo nulla per cambiare il sistema.
    Perdonaci ma siamo vittime anche noi …

  11. x Nick. Quando una persona muore nel modo assurdo come è morta KARIN chiedere scusa mi sembra alquanto riduttivo,un medico quando ha difronte una persona sofferente in quel momento non penso che stia a pensare ai predoni del sistema sanitario,ma fa di tutto per adoperarsi per la salute del paziente che ha in cura questo deve fare un medico,studia per salvare vite e non il contrario.Il caso di questa povera ragazza è stato trattato da tutti nel settore medico con superficialità negligenza e leggerezza,sembra quasi che le persone che si recano dal medico o al pronto soccorso lo fanno cosi’ tanto per passare un pò di tempo,e spesso si viene accolti da personale ospedaliero che l’educazione non sanno neanche dove sta di casa,regna maleducazione e prepotenza in un luogo dove l’accoglienza umana dovrebbe essere d’obbligo.

  12. x Vale :
    Vedo che hai compreso PIENAMENTE la MAIL …
    grazie e …
    Continua così …

  13. per Nick,ho compreso benissimo la tua mail tu parli di cambiare il sistema e chiedi scusa,ma è come chiudere la stalla quando i buoi sono scappati,qui purtroppo non si parla di un candeggio sbagliato o di un qualcosa andato a male che si può ricomprare,qui è stato spento per sempre l’interruttore della vita di una ragazza che fino a pochi giorni fa vedeva sentiva parlava si incazzava mangiava progettava la sua vita e non se ne andata per un male incurabile o perchè non ha dato precedenza a un incrocio (tragico lo stesso)ma per una appendicite una fottuta banale appendicite sfociata poi in peritonite.Posso farti una domanda?Ma nel frattempo che qualcuno si adoperi a far cambiare questo assurdo e vergognoso sistema in attesa di tutto ciò se avessimo bisogno di cure mediche cosa dovremmo fare ogni volta che si varca la soglia del pronto soccorso pregare di trovare un medico preparato e coscienzioso e sperare di uscire di li camminando sulle proprie gambe.be io la trovo una situazione da terzo mondo.

  14. l’italia delle raccomandazioni……………….ecco come si muore per questa gente incapace ed analfabeta che si compra le lauree