Incidente a Foce Verde, espulso dall’Italia l’automobilista romeno

03/04/2013 di
polizia-stradale-latina-765721133

Sarà allontanato dall’Italia Lorin Gheorghe, il cittadino romeno resosi responsabile dell’incidente avvenuto il 28 marzo scorso a Foce Verde; incidente nel quale è rimasta gravemente ferita la passeggera dell’auto, Liliana Cojocaru, connazionale di 27 anni, tutt’ora ricoverata nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Goretti di Latina.

Dopo un breve ricovero in ospedale, ieri, all’atto delle dimissioni, Gheorghe ha trovato ad attenderlo gli agenti della Polizia Stradale che, dopo averlo accompagnato in Questura per fotosegnalarlo, gli hanno notificato un provvedimento di allontanamento dal territorio nazionale. Gli era stato riscontrato un tasso alcoolemico pari a quattro volte i limiti imposti dalla legge.

In totale sono stati circa 50 i controlli etilometrici effettuati dalla polizia stradale di Latina durante le festività pasquali appena trascorse. Due  persone sono state denunciate per guida in stato di ebbrezza; 4 patenti di guida sono state ritirate. Undici le multe elevate per eccesso di velocità,  78 i punti decurtati. Più di dieci gli incidenti che hanno richiesto l’intervento della Polstrada, due dei quali mortali: 3 i morti, venti le persone ferite.

 

 

  1. complimenti e’ cosi che risolviamo i problemi!!! Vergognatevi!!!!!

  2. hanno fatto bene e che sia di esempio…articolo sul giornale tradotto in 4 lingue…anzi volantinaggio informativo presso le famiglie straniere…

  3. ah ah ah…è solo fumo negli occhi del cittadino medio latinense altrimenti detto I.S.D.D ( io so de destra) Il rumeno avrà 20 giorni di tempo per presentare ricorso e se entro i successivi 30 il tribunale non risponde sarà libero di circolare di nuovo. I rumeni fanno parte della comunità europea (non dimentichiamolo) e sapete perchè? perchè noi sfruttiamo la loro manodopera a basso costo ( TOD’S, etc…) ma in cambio questi qui hanno voluto l’ingresso nella comunità europea. tradotto vuol dire che: come tutti i cittadini europei hanno dirittto di circolare all’interno del territorio per almeno 3 mesi. dopo i 3 mesi basta farsi fare un finto contratto di lavoro e firmare un finto contratto di affitto… et voilà il gioco è fatto. nel frattempo possono circolare coi loro mezzi… senza assicurazione…senza revisione… sfruttare i nostri servizi sociali… mentre noi twittiamo, whatssappiamo, e facebokkiamo. svegliatevi. leggete. documentatevi. questà è l’europa: socializzazione dellle perdite e dei disagi e oligarchia dei profitti.

  4. Che italia sarebbe senza rumeni….niente prostitute, niente muratori, niente donne delle pulizie, niente ubriaconi davanti al supermercato, niente lavavetri…W I RUMENI!!!

  5. Commenti squallidi e inutili. Come al solito si generalizza e si esagera. Ci sono, come ogni popolazione, cittadini civili e incivili. Aldilà della nazionalità, dell’età e del sesso, se hai un comportamento poco rispettoso, o peggio ancora, che mette a rischio il prossimo…non vedo dove sia il problema se si applica una legge che cerca di tutelare TUTTI i cittadini.
    Se poi la legge è è applicata “a convenienza”, se viene etichettata un intera comunità in base all’operato di un solo esponente e se diamo fondo ai nostri più biechi e “riparatori” istinti xenofobi….è un ALTRO par di maniche.

    Dobbiamo semplicemente imparare a comportarci CIVILMENTE e DARE il BUON ESEMPIO CIVICO. Possiamo mettere quanti autovelox vogliamo, indignarci sulla scia dell’emozione, gridare al colpevole. Ma TUTTO dipende da noi stessi.

  6. SEMPRE CON I RUMENI CE L’AVETE……..
    IL RUMENO E IL MIGLIOR AMICO DELL’UOMO,OGNI FAMIGLIA DOVREBBE AVERNE UNO A CASA…..

  7. speriamo sia il primo di una lunga serie, fino a liberare la patria da questa etnia…..

  8. no non si generalizza affatto. alcuni popoli sono piu avvezzi a taluni reati specie quelli che si recano in altri paesi senza lavoro o perche le pene sono piu lievi che nel loro paese. questa e solo la realta, nulla di piu della nuda e cruda realta dei fatti

  9. MA COSA ESULTATE?
    LA DISGRAZIA E’ CHE IL NOSTRO SISTEMA SANITARIO DOVRA’ CURARE LA SUA CONNAZIONALE RIMASTA FERITA.
    COSA SENSATA SAREBBE STATA SPEDIRLI A CASA ENTRAMBI.