Terremoto, iniziano i sopralluoghi tecnici per le analisi

10/04/2012 di
consiglio-comunale-latina-calandrini-nicola-83726272

Questa mattina  il direttore nazionale del Centro Terremoti, che dipende dal Centro nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Giulio Selvaggi, insieme ai geologi della Regione Lazio, Antonio Colombi e Fabio Meloni, responsabili dell’Ufficio Geologico e Sismico della Regione, e al presidente del Consorzio industriale Roma-Latina, Luigi Torelli, sono stati ricevuti in Comune dal Sindaco Giovanni Di Giorgi. L’incontro è avvenuto nell’ambito delle azioni previste per effettuare un apposito monitoraggio attraverso la escavazione di un pozzo nella zona interessata.

Successivamente i tre tecnici, il presidente Torelli e il presidente del Consiglio comunale, Nicola Calandrini, hanno effettuato un sopralluogo in località Pantani d’Inferno per una verifica tecnica su alcuni pozzi di proprietà del Consorzio industriale. Uno di tali pozzi, infatti, dovrà poi essere utilizzato dai geologi per sondare in profondità il terreno nella zona interessata, al fine di procedere ai necessari approfondimenti e reperire informazioni utili a monitorare il fenomeno in corso.

Il sopralluogo ha avuto esiti positivi, con l’individuazione di un pozzo adatto allo scopo; i rilievi tecnici continueranno, comunque, nella giornata di giovedì. “Stiamo lavorando per dare corso a quanto stabilito nel recente Consiglio comunale – ha detto il presidente del Consiglio Nicola Calandrini – Questo percorso, come ho già affermato, portato avanti da tecnici altamente qualificati serve non a rassicurare, non ad allarmare ma ad informare in modo scientifico la comunità di cosa sta accadendo nel territorio. Ringrazio ancora  i tecnici della Regione per il lavoro che stanno svolgendo e come amministrazione garantiamo grande attenzione a questi fenomeni”.

  1. Una bella eredità lasciataci da Redi , il consorzio Roma-Latina, Ma il presidente e il consigli d’amministrazione quanti SKEI pigliano? Tutti meritati immagino.

  2. ma a che serve tutto ciò? invece di monitorare il pozzo, perchè non si controlla la solidità strutturale degli edifici, soprattutto quelli scolastici. a poco serve capire cosa sta succedendo la natura è troppo forte ed imprevedibile, allora interveniamo dove possiamo.

  3. Non credo vogliano studiare i terremoti, credo vogliano capire cosa sta succedendo la sotto e francamente desidererei sapere cosa sta EFFETTIVAMENTE succedendo.