ADDIO LATINMODA, ARRIVA IL COLLOSSO SVEDESE H&M

03/02/2009 di

di VALENTINA DE MATTEO

Un ingresso destinato a rivoluzionare il mercato pontino. Parte il conto alla rovescia per l’apertura del nuovo punto vendita H&M prevista per il 12 febbraio. Ed è subito febbre da shopping low cost. La catena multinazionale svedese di abbigliamento a basso costo approda a Latina sulla scia delle ottime performances economico-finanziarie sinora registrate. Se il 2008 è stato l’anno del profitto – l’azienda ha chiuso con un utile netto di 1,44 miliardi – il 2009 si preannuncia per Hennes & Mauritz come l’anno del lavoro. L’amministratore delegato Rolf Eriksen ha infatti recentemente annunciato che in dodici mesi verranno creati fino a settemila nuovi posti. Dagli USA all’Europa. Passando per Latina, da sempre mercato altamente ricettivo in fatto di nuove tendenze modaiole.

A popolare il centro non più – e non solo – vetrine inaccessibili al cittadino medio, ma un marchio che fa del “cheap and chic” la sua bandiera. Subentrando a Latinmoda, attività trainante per la città per decenni, guidata con spirito di imprenditorialità tutta pontina dalla famiglia D’Ercole. “Soddisfatti di aver colto un’opportunità cui difficilmente di può rinunciare”: così David, Emanuel e Simone D’Ercole commentano la scelta di cedere il passo ad una realtà “che produrrà un sicuro effetto benefico al centro storico e all’intera città”. Con una precisazione non trascurabile. “I locali di Latinmoda – spiega la famiglia – non sono stati venduti ad H&M, ma rimangono a tutti gli effetti di nostra proprietà”.  Duemilacinquecento metri quadri su quattro piani per un “family store” in cui sarà possibile trovare tutte le linee del brand. Uomo, donna, bambino, accessori. E tante novità, anche nel design interno, diverso per forma e colori. Queste le prime indiscrezioni trapelate su un punto vendita “pilota” tra i più grandi d’Italia, sintomo della fiducia della catena svedese nelle potenzialità del mercato di Latina.

Fiducia ben riposta secondo i D’Ercole, considerata la notoria “attenzione dei giovani pontini alla cultura del vestire” che fa della città “un mercato all’avanguardia, spesso un passo in avanti rispetto agli altri”. Si lavora a ritmo serrato in Corso della Repubblica 165 sotto la supervisione di architetti e visual dell’azienda made in Stockholm. E gli imprenditori locali aspettano, fregandosi le mani. Almeno a detta della famiglia che assicura di non aver recepito il malumore delle piccole-medie realtà presenti sul territorio. “Il centro storico- continuano i fratelli D’Ercole – è stato vittima per diversi anni di una progressiva perdita di appeal”. Il vento svedese tirerà certamente in direzione di quello “sviluppo economico auspicato dagli stessi commercianti”. E dall’amministrazione comunale – segnatamente l’assessorato al commercio – cui la famiglia rivolge un “ringraziamento per aver colto l’importanza di una simile opportunità per la realtà locale”.

Di fatto, “l’imprenditore deve tendere a compiere scelte razionali, non dettate da legami affettivi”. L’idea di ritirare Latinmoda dal mercato giunge dopo un’attenta riflessione di famiglia in cui “il ruolo di nostro padre è stato fondamentale”, soprattutto in fase di trattativa, quando “la sua esperienza ci ha convinto che stessimo percorrendo la strada giusta”. I beninformati vociferano di trattative prolungate e condotte sul filo del rasoio in un testa a testa tra il colosso svedese, un istituto bancario e il marchio spagnolo di abbigliamento a basso costo Zara. Che alla fine ha dovuto soccombere, nonostante si dice avesse puntato Latina già quattro anni fa, almeno due prima di H&M. Ma niente paura. Gli aficionados del low cost non dovranno attendere molto, almeno in teoria. L’approdo della multinazionale svedese a Latina sarà per la famiglia solo l’inizio: “H&M attrarrà certamente altre grandi realtà internazionali”. Gli appassionati possono finalmente tirare un sospiro di sollievo: niente più trasferte estenuanti inseguendo l’ultima moda. Quella moda che meglio rappresenta, oggi più di ieri, “l’autoritratto della società e l’oroscopo del suo destino”. Flaiano insegna.  

 

  1. W HM e W ZARA e W MANGO, finalmente a Latina ci si vestira’ bene a poco prezzo, salvi dallo strapotere di chi ti vende il piumino di marca a 500 euro!!
    basta con le vecchie cariatidi alla Susi,basta con Sport,

  2. marek scappa tu, se vuoi. ho sempre ritenuto che chi scappa da latina, spesso,

  3. ho comprato h&m la prima volta 6 anni fa.fuori dall’italia..ora che ce n’

  4. gentili concittadini,

    le vostra riflessioni e i vostri sfoghi mi trovano solidale da una parte, mi indidgnano dall’altra, ma in ogni modo mi fanno riflettere su un dibattito culturale ormai annoso e (ahim