Morphe Arreda

Cane ucciso in Q5, individuato l’autore del gesto. Annullata la manifestazione per Lucky

22/06/2018 di

E’ stato individuato l’uomo accusato di aver ucciso il piccolo Lucky colpendolo sulla testa per poi gettarlo nell’immondizia. Grazie a una serie di informazioni raccolte in questi giorni il presunto responsabile è stato denunciato. In città si è scatenata una mobilitazione mai vista prima per arrivare a individuare il responsabile. L’indagine è affidata ai carabinieri e naturalmente la riservatezza è inevitabile. Del caso si sono occupati i volontari dell’associazione Amici del Cane di Latina.

Per Lucky era stata indetta anche una manifestazione, poi annullata per la mancanza delle autorizzazioni necessarie. Non è escluso che a breve si organizzino altri eventi di sensibilizzazione.

IL REATO. Il reato di maltrattamenti su animali, art. 544-ter c.p., è perseguibile d’ufficio, pertanto, una volta che l’autorità giudiziaria è venuta conoscenza del fatto riconducibile in astratto a tale tipo di delitto, ha il dovere di procedere autonomamente, con le indagini, anche in assenza di altro impulso da parte di soggetti terzi eventualmente offesi. La notizia di reato può provenire, su iniziativa e segnalazione, di qualsiasi soggetto, il quale può rivolgersi direttamente all’autorità (tramite denuncia presso qualunque ufficio di polizia giudiziaria: carabinieri, polizia di Stato, corpo forestale, ecc.), tenuta ad intervenire in ordine a un reato a danno degli animali, ovvero avvalendosi delle associazioni animaliste o di enti riconosciuti che, secondo l’art. 7 della l. n. 189/2004 perseguono finalità di tutela degli interessi lesi dai reati previsti dalla legge ai sensi dell’art. 91 c.p.p.

Per determinati soggetti che, vengano a conoscenza del reato, durante lo svolgimento delle proprie mansioni (come per esempio i veterinari, liberi professionisti o dipendenti delle aziende sanitarie locali), vige l’obbligo di denunciare il reato alle autorità. L’organo giudicante competente è il Tribunale penale in composizione monocratica.