AEROPORTO A VITERBO? ZACCHEO: “SIAMO SCONCERTATI”

06/11/2007 di
Il giorno dopo l’annuncio, poi smentito (solo formalmente?), della scelta di Viterbo come nuovo aeroporto del Lazio, il sindaco di Latina Vincenzo Zaccheo ha convocato una conferenza stampa diramando una lunga dichiarazione in merito alla questione.

 
Ecco l’intervento integrale di Zaccheo: 
 
"La decisione della scelta del terzo scalo aeroportuale del Lazio, per i modi
come sta avvenendo lascia francamente sconcertati. Suscitano perplessità i
comportamenti di alcuni importanti uomini di governo taluni dei quali – ed è il
caso del ministro della Pubblica Istruzione, Giuseppe Fioroni – non hanno
esitato a dismettere il ruolo istituzionale, che buona norma e dovere politico
impongono sia improntato a prudenza, rispetto e oggettività nelle valutazioni,
specie quando e soprattutto in gioco ci sono malcelati interessi di collegio e
le scelte da fare spettano ad altri, per vestire sfacciatamente i panni di uomo
fazioso e di parte. Calpestando il galateo istituzionale, che assegnava al
Ministro dei Trasporti Bianchi il dovere di rendere nota l’eventuale scelta del
Governo, il ministro Fioroni ha pensato di bruciare tutti nell’annuncio, salvo
poi rettificare con imbarazzate dichiarazioni di smentita l’ubicazione del terzo
aeroporto laziale a Viterbo. Se così fosse – ma ho dei motivati dubbi, perché
stimo il ministro Bianchi e ho fiducia nell’oggettività delle sue valutazioni,
che non credo possano essere annacquate dagli interessi di collegio di Fioroni,
che peraltro ha dimostrato di non essere politico accorto nello sbandierarli
così maldestramente – ci ritroveremmo immersi nei riti della Prima Repubblica,
quando si decideva non in base a motivazioni supportate da atti, fatti e
documenti ma, appunto, solo ed esclusivamente nell’ottica dell’interesse di
collegio. Non credo che il Ministro Bianchi possa ignorare, nella scelta che
deve compiere, il protocollo d’intesa firmato dal sottoscritto e il Presidente
della Giunta Regionale, Marrazzo, nel quale si individua fra le priorità del
territorio la localizzazione di un aeroporto civile e commerciale presso le
strutture del ‘Comani’ di Latina. Come non credo possa dimenticare la delibera
di Giunta n.358 del 29.5.2007 della Regione Lazio che nell’approvare le ‘linee
guida del Piano Regionale della Mobilità, dei Trasporti e della Logistica’
individuava nell’aeroporto ‘Comani’ di Latina la struttura che ‘verrà
adeguamente attrezzata per accogliere il traffico charter e low cost trasferito
da Ciampino’. ‘Questo aeroporto, per la sua ubicazione a circa 45’ da Roma – si
legge nella delibera – si presta particolarmente per accogliere il traffico
passeggeri con collegamenti su gomma e rotaia già presenti e che verranno
rinforzati nonché per accogliere, come già accennato, il traffico turistico
diretto a Roma e Napoli oltre alle aree turistiche del Circeo, del litorale di
Formia e Gaeta e le isole pontine’. Mi risulta che prima Veltroni e poi Rutelli
(esplicito fu il suo pronunciamento a favore di Latina fatto qualche mese fa in
campagna elettorale), da Marrazzo a Ciani, ai rappresentanti regionali del
centrosinistra fossero tutti votati al sostegno della causa del capoluogo
pontino. Mi attendo comportamenti coerenti nelle scelte, che mi auguro ispirate
solo a motivazioni di natura squisitamente tecnica".
  1. Alla fine hanno scoperto le carte i cari amici del centro sinistra che siedono sugli alti scranni della Regione Lazio, una cosa bisogna dirla tutta una buona volta, quelli di Viterbo hanno fatto vedere cosa significa avere rappresentanti istituzionali con le P…e, noi qui ci teniamo i Moscardelli che fino ad oggi hanno prodotto solo PAROLE, mentre quelli del centro sinistra Viterbese hanno fatto i fatti, questa

  2. Oltre ai politici di sx ci metterei “L’intelligenza” della destra fascista: Storace ex presidente dela regione Lazio, Fazzoni, Cusani,Zaccheo. La lista potrebbe essere molta pi

  3. Il problema non sta tanto nel crocifiggere la classe politica pontina, rea a mio avviso di non riuscire a far valere il proprio peso in Regione, ma di rivedere insieme alle altre province l’equilibrio di queste con Roma capitale. Fino a quando non si ridimensioner

  4. di Moscardelli e Di Resta va benissimo (non perdiamo nulla) ma gli onorevoli e senatori pontini dove sono ? Esistono ancora ?

  5. ZACCHEO CHE CI SCONCERTA. A CASA , VERGOGNA, E VIAGGI SOLO COL TRENO[b][/b]

  6. Si! ,,, ed anche sulla “metropolitana leggera” ( tra qualche decennio )