Morphe Arreda

Criminalità, a Latina record di aziende confiscate. Camorra punta sui bar, ‘ndrangheta su edilizia

20/02/2018 di
latina-panoramica-torre-3dr4d5sssdd

La camorra preferisce la ristorazione nel centro di Roma, la ‘ndrangheta si dedica all’edilizia e al settore ortofrutticolo e florovivaistico anche in periferia. Le organizzazioni criminali locali, oltre ad attività immobiliari, e commercio all’ingrosso e al dettaglio, si dedicano ad appalti pubblici e stabilimenti balneari. È quanto emerge dallo studio «Le infiltrazioni della Criminalità organizzata nell’Economia del Lazio».

Secondo l’analisi l’infiltrazione è intensa nel Lazio, e particolarmente concentrata nella provincia e nella città di Roma poiché la Capitale attrae gli investimenti delle mafie tradizionali e di organizzazioni criminali autoctone.

Risulta, inoltre, che nel Lazio vengono confiscate più aziende (5,1 ogni 10.000 registrate) rispetto alla media nazionale (2,4 ogni 10.000). L’infiltrazione si concentra nelle province di Roma e di Latina e, in misura minore, di Frosinone.

«La mafia si combatte con l’impegno delle forze di polizia e della magistratura ma anche con la realizzazione di un sistema di alleanze tra Istituzioni e Forze Sociali», ha affermato Gianpiero Cioffredi, Presidente dell’Osservatorio Sicurezza e Legalità della Regione Lazio.

In base alle aziende confiscate nella Capitale risulta che quelle riferibili alla camorra siano concentrate nel centro cittadino (in particolare nei rioni di Campo Marzio, Colonna, Ludovisi, Sallustiano, Trevi, Parione, Pigna, Ponte, Regola, S. Eustachio e Trastevere) e solo in parte nel basso Lazio (Frusinate e Pontino). Le aziende collegate alla ‘Ndrangheta si trovano nella parte occidentale del centro cittadino (Borgo, Prati), nei limitrofi quartieri di Trionfale e della Vittoria, nella zona Nord della città (Pinciano e Salario, Trieste) e, più diffusamente, nell’area Est. Al tempo stesso, anche la ‘Ndrangheta risulta presente nel basso Lazio e più in generale, nell’area a Sud della Capitale.

Tra i gruppi locali, sempre secondo lo studio, le attività riconducibili a ex membri della Banda della Magliana si trovano nell’area occidentale del centro urbano di Roma (Aurelio, Trionfale), mentre le aziende collegate al gruppo di Buzzi e Carminati sono presenti in maniera più diffusa nelle zone Nord e Est della città. Nel litorale di Ostia sono attivi i Fasciani e gli Spada, i Casamonica sulla Tuscolana e la Romanina; le aziende riferibili al gruppo di Danilo Sbarra nella zona Est della Capitale.