Calcioscommesse, 19 arresti: c’è anche il capitano della Lazio Mauri

28/05/2012 di

Nuovo blitz della polizia contro il calcioscommesse. Gli agenti di diverse squadre mobili e del Servizio centrale operativo stanno eseguendo una serie di arresti e perquisizioni in Italia e all’estero nei confronti di soggetti appartenenti ad un’organizzazione transnazionale dedita alle combine degli incontri di calcio.

Il Gip Guido Salvini ha emesso complessivamente 19 provvedimenti, uno in meno delle richieste del pm: la procura infatti aveva chiesto anche l’arresto dell’attaccante del Genoa Giuseppe Sculli. Dei 19 provvedimenti, 14 sono ordinanze di custodia cautelare in carcere, 3 agli arresti domiciliari e 2 provvedimenti di obbligo di presentazione all’autorità giudiziaria.

I destinatari sono cinque cittadini ungheresi, 11 tra calciatori ed ex giocatori, e tre soggetti legati a dei calciatori. Ecco nel dettaglio i provvedimenti. STEFANO MAURI (giocatore della Lazio – custodia cautelare in carcere) OMAR MILANETTO (ex giocatore Genoa, ora al Padova – custodia cautelare in carcere); KEWULLAH CONTEH (ex giocatore del Piacenza – obbligo presentazione); JOSE INACIO JOELSON (giocatore del Pergocrema – arresti domiciliari); ALESSANDRO PELLICORI (giocatore svincolato del Queen’s Park Rangers – custodia cautelare in carcere); PAOLO DOMENICO ACERBIS (giocatore del Vicenza – custodia cautelare in carcere) IVAN TISCI (ex calciatore – custodia cautelare in carcere); FRANCESCO RUOPOLO (calciatore del Padova – obbligo presentazione); MARCO TURATI (giocatore del Modena; custodia cautelare in carcere); CRISTIAN BERTANI (ex giocatore del Novara, ora alla Sampdoria – custodia cautelare in carcere); ZOLTAN KENESEI (cittadino ungherese, gi… detenuto in Ungheria); MATYAS LAZAR (cittadino ungherese gi… detenuto in Ungheria – custodia cautelare in carcere); LAZLO SCHULTZ (cittadino ungherese gi… detenuto in Ungheria – custodia cautelare in carcere); LASLO STRASSER (cittadino ungherese – custodia cautelare in carcere); ISTVAN BORGULYA (cittadino ungherese – custodia cautelare in carcere) VITTORIO GATTI (custodia cautelare in carcere) LUCA BURINI (arresti domiciliari); DANIELE RAGONE (arresti domiciliari).

Tra gli arrestati ci sono il capitano della Lazio, Mauri, l’ex capitano del Genoa Omar Milanetto e il centravanti della Sampdoria, Christian Bertani, oltre a una serie di giocatori di B e di esponenti dell’organizzazione criminale internazionale. Al centro dell’indagine ci sono una serie di partite di A e B del campionato 2010-2011  truccate dall’organizzazione: sono Napoli-Sampdoria del 30 gennaio 2011 , terminata con il risultato di 4-0; Brescia-Bari del 6 febbraio (2-0)Brescia-Lecce del 27 febbraio (2-2), Bari-Samp (0-1) del 23 aprile, Palermo-Bari (2-1) del 7 maggio, Lazio-Genoa (4-2) del 14 maggio e Lecce-Lazio (2-4) del 24 maggio.

CONVOCAZIONI NAZIONALE – E’ attesa per le 12 la comunicazione della lista dei 23 azzurri per Euro 2012. A questo punto, però, sulle scelte di Cesare Prandelli pesa anche l’avviso di garanzia consegnato questa mattina a Coverciano al difensore Domenico Criscito. Il ct era già orientato a comunicare una lista di 23 giocatori con 2-3 riserve. Tecnicamente la lista deve essere consegnata all’Uefa domani entro le 12, e dunque ulteriori 24 ore saranno utili a Prandelli per valutazioni sulla situazione di Criscito.

CRISCITO E ULTRAS – Agli atti dell’indagine di Cremona che ha portato agli arresti di stamani vi è anche il resoconto di un summit in un ristorante genovese, il 10 maggio 2011, nei giorni precedenti la partita Lazio-Genova a cui parteciparono Giuseppe Sculli, il calciatore della Nazionale Domenica Criscito, un pregiudicato bosniaco e due dei maggiori esponenti degli ultrà del Genova. L’incontro è stato documentato dagli agenti della polizia che hanno condotto le indagini.

PELLISSIER –
  Su mandato della procura di Cremona la squadra mobile della Questura di Aosta ha perquisito questa mattina, alle 4, l’abitazione di Fenis di Sergio Pellissier, attaccante del Chievo coinvolto nell’inchiesta sul calcioscommesse. Analoga ispezione è avvenuta nella casa di Verona del giocatore, che risulta essere indagato. All’interno della villa sulla strada statale 26 sono stati sequestrati computer, ipad e pennette usb che verranno messi a disposizione degli inquirenti.

NO ALL’ARRESTO DI SCULLI –  Il gip di Cremona Guido Salvini non ha accolto la richiesta di arresto avanzata dalla procura di Cremona nei confronti dell’attaccante del Genoa Giuseppe Sculli. Il giocatore è indagato per associazione a delinquere finalizzata alla truffa e alla frode sportiva.