STUPRO DI GRUPPO, INCASTRATO DA UN TATUAGGIO

28/03/2009 di

Alessandro Liuzzi, 34 anni, una dei tre uomini arrestati per lo stupro di gruppo ai danni di una prostituta bulgara di 21 anni, è stato riconosciuto dalla vittima grazie a un tatuaggio sul braccio. L’uomo, titolare di una ditta di ponteggi, ha però negato tutto davanti al giudice Tiziana Coccoluto che ha deciso di lasciarlo in carcere insieme agli altri due arrestati: Adrian Troia, 20 anni e Stefano Forckhsanu , 31 anni, romeni dipendenti della ditta di Liuzzi. I tre, ubriachi, avrebbero violentato in gruppo la ragazza bulgara abbandonandola a Rio Martino nuda in mezzo alla strada. Grazie ad alcuni testimoni e al racconto della giovare i carabinieri hanno arrestato i tre. I romeni hanno confessato mentre Liuzzi nega tutto.