Website Security Test
Banner Bodema – TOP

Volley, colpaccio del Latina: battuti i campioni di Macerata

La Taiwan Excellence Latina fa il colpaccio al PalaBianchini. Liquida i Campioni d’Italia della Lube Civitanova in tre set, nella quarta giornata della Superlega UnipolSai. Una gara perfetta per i pontini che hanno sempre tenuto a bada il punteggio e allungato nei finali di set grazie al collettivo e all’ottima prova di Cristian Savani Mvp in campo. Ma è stato una prova corale di tutta la squadra a mettere sotto pressione sin dalle prime battute il Civitanova. Tre punti preziosi per i pontini che scalano la classifica, mentre per i marchigiani il primo stop stagionale.

Inizia bene Taiwan Excellence che con Savani (un ace) si porta 3-1 e con Rossi a muro e Starovic allunga 8-4, ancora a muro con Gitto e Sottile (12-6), Sander a muro e Juantorena accorcia sul 15-12, Latina si riporta a più cinque (17-12), Sokolov accorcia 20-17 ma poi sbaglia il 24-20 e il set si chiude 25-21. Equilibrio ad inizio del secondo set, i break arrivano dai muri di Sokolov (1-2) e Rossi (4-3), poi Candellaro e Juantorena allungano 12-15, due ace e una pipe di Savani e un muro di Rossi per il sorpasso sul 20-18, Juantorena e Christenson riportano avanti gli ospiti 20-21, Rossi a muro per il 22-21, nel finale muro di Starovic e ace di Maruotti che chiudono 25-21. Medei tenta le carte Stankovic e Kovar e la Lube parte bene con Cester sul 3-6, Maruotti e Savani ribaltano il parziale 7-6 e al palleggio entra Zhukouski per i marchigiani, con un ace di Savani e un muro di Rossi Latina si porta sul 14-11, Kovar e Juantorena pareggiano i conti sul 14, ma Rossi a muro riallunga 21-19, Juantorena pareggia (23-23) e Candellaro a muro ribalta 25-26, ma Latina ci crede e Maruotti porta il 27-26 e Sottile a muro chiude la gara 28-26.

Giampaolo Medei schiera Christianson al palleggio e Sokolov opposto, Candellaro e Cester centrali, Juantorena e Sander schiacciatori, Grebennikov libero. Vincenzo Di Pinto risponde con Sottile in regia e Starovic opposto, Gitto e Rossi al centro, Maruotti e Savani di banda, Shoji libero.

Contrattacco e ace di Savani (3-1), muro di Rossi (5-2), contrattacco di Starovic (8-4), muro di Gitto, 10-5 e timeout richiesto da Medei. Finta di Sottile (12-6), muro di Sander (12-8), contrattacco di Juantorena, 15-12 e Di Pinto ferma il gioco. Errore di Sokolov (17-12), contrattacco di Sokolov (20-17), dentro De Angelis per la seconda linea, errore di Candellaro al servizio che chiude il primo parziale 25-21.

Sestetti iniziali nel secondo set, muro di Sokolov (1-2), muro di Rossi (4-3), Candellaro di prima intenzione (11-12) e contrattacco di Juantorena, 12-14 e timeout di Di Pinto. Primo tempo di Candellaro (12-15), sul 15-17 tempo richiesto dalla Lube. Si torna in campo con due ace di Savani (17-17), pipe di Savani e muro di Rossi (20-18), dentro Kovar, contrattacco di Juantorena e muro di Christenson (20-21), dentro De Angelis, muro di Rossi, 22-21 e Medei ferma il gioco. Dentro Stankovic, Muro di Starovic e ace di Maruotti per il 25-22 che chiude il parziale.

Terzo set con Kovar e Stankovic confermati e la formazione ruotata da Medei, muro di Sokolov e Cester di prima intenzione, 3-6 e i pontini fermano il gioco. Pipe di Maruotti e contrattacco di Savani (6-6), dentro Zhukouski, errore di Sokolov, 7-6 e timeout richiesto da Medei. Ace di Savani (11-9), muro di Rossi (14-11), contrattacco di Kovar (14-13), contrattacco di Juantorena (18-18), dentro Le Goff, muro di Rossi (21-19), dentro Candellaro e Sander, contrattacco di Juantorena, 23-23 e Di Pinto ferma il gioco. Muro di Candellaro (25-26), contrattacco di Maruotti (27-26), rientra Christenson, muro di Sottile che chiude 28-26.

Cristian Savani: “Stiamo lavorando molto in palestra ma siamo pochi. Questa sera è uscita la Latina che vogliamo. Una partita perfetta anche per questo pubblico, ci siamo rimessi in corsa”.

Vincenzo Di Pinto: “Dovevamo giocarcela, noi non siamo abituati a partecipare. L’abbiamo preparata bene, siamo stati costanti e siamo cresciuti nella battuta. Tutti hanno svolto il loro compito, bravi a tutti. Anche se loro hanno ricevuto bene, noi sapevamo cosa fare. Questa società è molto seria, va a loro il merito, perché hanno creduto in questo gruppo. Dobbiamo però stare con i piedi per terra e continuare a lavorare”.

Davide Candellaro: “La partita migliore per Latina. Ci sono degli arresti in campionato e per noi c’è stato oggi. Dobbiamo prendere insegnamento da questa gara e andare avanti”

Giampaolo Medei: “Ero scuro in volto si dall’inizio perché mi sono accorto che non avevamo l’approccio giusto per gare come queste. Sapevo di dover affrontare una gara difficile, perché conosco bene il PalaBianchini e Latina. Forse abbiamo pagato un po’ di stanchezza nel giocare gare così ravvicinate, ma questo non deve essere un alibi”.

Comments

comments

MandarinoAdv Post.