Website Security Test
Banner Bodema – TOP

In mostra le stampe storiche di Cori

Santori Banner estate 2018

Inaugurata nella sala conferenze del Museo della Città e del Territorio di Cori, la mostra Memoria Inpressa, Luigi Rossini e le antichità di Cora. L’evento, dalla straordinaria valenza culturale, è organizzato dal direttore scientifico del Museo, Giovanni Caratelli, e dall’Associazione Culturale Arcadia – anche per celebrare il primo decennale dell’Associazione che ormai da qualche anno gestisce in maniera egregia il Museo e la Biblioteca Comunale “Elio Filippo Accrocca” – e fa parte delle tante attività promosse nel corso di quest’anno dal Sistema Territoriale dei Musei dei Monti Lepini nell’ambito del progetto “Genti Lepine. Personaggi, narrazioni e memorie per la costruzione dell’identità dei Lepini”, finanziato dalla Regione Lazio per lo sviluppo dei sistemi di servizi culturali.

L’idea di una mostra dedicata a Luigi Rossini – architetto e uno dei più importanti incisori italiani, ultimo continuatore dell’opera del Piranesi – che ha prodotto nella prima metà dell’Ottocento più di 600 matrici in rame, incise all’acquaforte e oggi conservate presso l’Istituto Centrale per la Grafica (istituto del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, dotato di autonomia speciale), nasce dal circolo virtuoso creato un paio di anni fa dall’Associazione Culturale Arcadia, che ha investito gli incassi provenienti dalla vendita di pubblicazioni e di biglietti del Museo nell’acquisto di una preziosa serie di otto stampe rossiniane, tutte appartenenti al medesimo esemplare ancora rilegato e dedicate alle Antichità di Cora nell’ambito della più vasta raccolta intitolata “Le antichità dei contorni di Roma, ossia, le più famose città del Lazio” (Roma 1824-1826).

 

Commenti

commenti

MandarinoAdv Post.