Website Security Test
Banner Bodema – TOP

Slow Food, a Torino le delizie di Latina e provincia

pranzo-cibo-tavoloDal 23 al 27 ottobre le eccellenze enogastronomiche del Lazio saranno protagoniste a Torino Lingotto Fiere per il “Salone del Gusto-Terra Madre 2014”, la manifestazione internazionale di Slow Food, giunta alla decima edizione, prevede la partecipazione di oltre 200mila visitatori, il 30% dei quali proveniente dall’estero, 910 espositori, 18 aree regionali italiane.

Il padiglione Slow Food Lazio animerà un ricco programma che prevede oltre 30 appuntamenti tra assaggi e degustazioni guidate, incontri tematici, presentazioni di progetti e iniziative, laboratori del gusto e didattici per bambini. Un vero e proprio viaggio enogastronomico nel Lazio alla scoperta delle diverse identità alimentari che hanno radici antichissime, legate all’allevamento, alle coltivazioni, alla conservazione e alle trasformazione dei prodotti, alle sue cucine di territorio. Un patrimonio immenso che merita di essere valorizzato e salvaguardato, così come vuole fare Slow Food con l’Arca del Gusto che propone di tutelare la biodiversità e le produzioni locali, per dare un vero e sostenibile futuro al nutrimento dell’intero pianeta.

Ben 45 i produttori del Lazio che esporranno le loro prelibatezze nell’area mercato, di cui 6 della provincia di Latina:
Gastronomia Neroni (cioccolato e prodotti da forno); Auora Amari di pregio (Amaro al carciofo di Sezze, all’alloro, all’oliva Itrana, alle visciole di Sezze); Olio Iannotta dal 1952 (Olio extravergine di oliva, oli aromatizzati, olive, sott’oli, confetture, carrube, saponi e creme vegetali); Museo del cioccolato Antica Norba (Prodotti di cioccolato classici, salutistici, biologici ed equosolidali, pasticceria senza glutine); Le Fornarine (dolci tipici di sezze: crostatine di visciole, paste di mandorle croccanti, ciambelle di vino bianco, ciambelle di vino rosso); Scherzerino dal 1953 (Salumi naturali, stagionati in cantina)

sara-guercio

Sara Guercio

“Grazie a questa manifestazione – hanno commentato Stefano Asaro, presidente di Slow Food Lazio e Sara Guercio Fiduciaria Slow Food Latina– il Lazio nel suo insieme può mettere in mostra, con orgoglio le sue tante identità alimentari che oggi perpetuano il valore di radici antichissime, legate all’allevamento, alle coltivazioni, alla conservazione e alle trasformazione dei prodotti, alle sue cucine di territorio. La nostra regione ha le potenzialità per portare una proposta di qualità dell’alimentazione quotidiana familiare, legata al recupero di un ‘mangiare locale’ che può significare risparmio alimentare ed economico, come pure alla sostenibilità ambientale e alla valorizzazione di ricchezze ancora poco conosciute”.
Il programma al padiglione Lazio sarà articolato in sei macroaree tematiche: extravergine d’oliva, legumi, formaggi, prodotti da forno, birra, salumi. Al tempo stesso si valorizzeranno i prodotti ‘storici’ e i presidi che da tempo hanno caratterizzato, valorizzato e salvaguardato le nostre terre e i nostri mari, come la Marzolina, il Caciofiore della Campagna Romana, la Susianella di Viterbo, la Tellina del Litorale a cui si aggiungerà la presentazione dei cinque nuovi presidi: Fagiolina di Arsoli, Lenticchia di Rascino, Fagiolone di Vallepietra, Giglietti di Palestrina e i Chiacchietegli di Priverno”. Per l’occasione nell’area Lazio sarà allestita una cucina composta dai cuochi di Terra Madre, da quelli aderenti al progetto dell’Alleanza Cuochi-Slow Food, da quelli delle Osterie d’Italia. Grazie per la collaborazione ad “Acqua di Fiuggi” e per la partecipazione straordinaria dello chef stellato Giulio Terrinoni.

Comments

comments

  • mariavittoria t

    ben vengono queste iniziative per fare conosciere e apprezzare a tutta l’italia la squisita cucina rumena.

MandarinoAdv Post.