Website Security Test
Banner Bodema – TOP

Morto Aroldo Zanetti, l’ingegnere della Bonifica di Littoria

 

aroldo-zanettiE’ morto a Roma all’età di 90 anni Aroldo Zanetti, appartenente ad una delle famiglie che hanno fatto la storia di Latina e dell’agro pontino. Il sindaco di Latina, Giovanni Di Giorgi, ha voluto esprimere il cordoglio della città alla famiglia Zanetti, ricordandone l’operato e il grande contributo alla crescita della città.

“Con la scomparsa di Aroldo Zanetti – ha detto il sindaco – viene meno una delle figure professionali che più hanno segnato il percorso di sviluppo del nostro territorio nel dopoguerra. Figlio di Aldo Zanetti, tra i maggiori tecnici della bonifica pontina a cui la nostra città ha anche intitolato una strada, Aroldo ha firmato tanti dei progetti che segnano la storia di questa terra specie sotto il profilo industriale ed economico. Alla famiglia Zanetti invio il cordoglio dell’amministrazione comunale e dell’intera città”.

CHI ERA. Aroldo Zanetti nasce a Mantova il 17 dicembre 1924. Si trasferisce a Littoria negli anni della bonifica, per seguire suo padre Aldo, uno degli ingegneri capo di tutte le bonifiche dell’epoca Mussoliniana, compresa l’ultima, la bonifica pontina. Proprio ad Aldo a Latina e’ stata intitolata una strada. Aroldo, da giovane ha giocato a pallacanestro nel Littoria, partecipando anche ad incontri internazionali per la sua citta’. E’ stato inoltre atleta nella squadra di atletica leggera del Littoria e della nazionale italiana. Sui 100 metri raggiunse il suo record di 11.08. Nel 1950 si laurea in ingegneria edile alla Normale di Pisa con il massimo dei voti. Appena laureato e’ progettista e direttore dei lavori della Simmenthal ad Aprilia e si specializza nella progettazione e direzione lavori di piu’ di 80 impianti industriali, la maggior parte sulla strada Mediana, ora Pontina, nel tratto compreso tra Latina e Roma. Tra gli impianti da lui eseguiti totalmente e quelli oggetto di ampliamento si annoverano l’Abbot, l’Ibi sud, la Recordati, la Scherer e tanti altri. Ingegnere capo del Genio civile di Aprilia per tanti anni, fu anche nominato quale uno dei sette saggi per la stesura del piano regolatore di Latina Scalo. A Latina ha progettato e diretto i lavori della Banca d’Italia, si e’ occupato di creare l’illuminazione di parte della citta’, ha progettato e diretto i lavori del cimitero nuovo della citta’, si e’ occupato del progetto dell’ospedale Icot. Ha poi progettato e diretto i lavori anche di altri cimiteri della zona pontina. Al Circeo, oltre a progettare e dirigere i lavori dello stabilimento “La Bussola”, ha contribuito alla viabilita’ del paese, costruendo l’ormai indispensabile strada parallela a “la Cona” e la strada che da Mezzomonte porta su in paese. E’ stato, tra l’altro, consigliere della Croce Rossa di Latina.

 

Comments

comments

  • Ben-ito

    Un saluto commosso

  • Manlio Castagna

    Grazie per avermi regalato questa meravigliosa città

MandarinoAdv Post.