Website Security Test
Banner Bodema – TOP

Omicidio stradale, Moscardelli presenta il disegno di legge

Il Partito Democratico ci riprova, con un disegno di legge presentato al Senato, primo firmatario il senatore Claudio Moscardelli,  che punisce gli ubriachi alla guida e i pirati della strada col carcere fino a 16 anni, 21 in caso di morte di più persone, e la pena accessoria del ritiro a vita della patente. Questa mattina si è tenuto un incontro per illustrare il decreto in sala Nassirya al Senato.

“Anche dopo la modifica del 2008, che ha introdotto delle aggravanti al reato di omicidio colposo (con pene dai tre ai 12 anni) – ha spiegato il senatore Claudio Moscardelli, primo firmatario, illustrando il ddl – viene quasi sempre applicato il minimo di pena”, in più con l’effetto delle attenuanti si scende sotto i tre anni: “una sanzione sproporzionata rispetto alla gravità del fatto. Non c’è una deterrenza reale”, cui punta invece l’introduzione del reato autonomo.

Il testo prevede pene piu’ alte, a metà tra l’omicidio volontario e quello colposo: carcere tra i sei e sedici anni, per chi provochi la morte di una persona mettendosi alla guida in stato di ebbrezza alcolico, sotto stupefacenti, con un limite velocità superiore al doppio del limite, o si dia alla fuga dopo l’incidente. E nel caso di morte di più persone la pena può essere aumentata fino a 21 anni. Quando la condanna diviene definitiva scatta anche il ritiro a vita della patente. Il ddl prevede anche il reato di lesioni personali stradali, con pene da due a 18 mesi, e la punibilità con querela di parte nel caso.

Il senatore Moscardelli si è detto fiducioso sull’approvazione: “Crediamo che la sensibilità da parte di tutti al tema possa portare ad un rapido intervento”. Ed ha anche avanzato la richiesta, per accelerare i tempi, che il governo intervenga con un decreto legge.    Pur senza prendere impegni a nome dell’esecutivo, il sottosegretario Cosimo Ferri, nella conferenza stampa cui hanno partecipato anche molti familiari di vittime di incidenti stradali, ha detto che “è il momento di raccogliere il lavoro fatto in questi anni e di produrre un articolato. Renzi ne ha parlato nel suo primo discorso, quindi potrebbe essere la volta buona. Il cittadino deve sapere che esiste una norma severa e precisa”.    C’è l’impegno di Luigi Zanda, capogruppo Pd al Senato, a”premere perché il provvedimento venga immediatamente calendarizzato: è una norma di equità e di giustizia”.

Comments

comments

  • Cinico

    ma già esiste una Legge in proposito basta applicarla correttamente, OMICIDIO COLPOSO CON AGGRAVANTI……

    ma niente niente sta cercando consensi elettorali?

  • dacile

    Concordo con Cinico. Sono contrario all’omicidio stradale, inutile stravolgimento del codice penale. Sono contrario anche a Moscardelli e alla sua inutilita’.

MandarinoAdv Post.