Website Security Test
Banner Bodema – TOP

Giornata contro le mafie, 100.000 persone a Latina con Don Luigi Ciotti

Latina è stata invasa da 100.000 persone per la giornata nazionale contro le mafie di Libera. Tutti insieme per la XIX edizione della Giornata dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie organizzata da Libera e Avviso pubblico. In molti sono arrivati in bici con l’iniziativa “Transumanza per la legalità“, una pedalata contro le mafie con partenza da Borgo Sabotino. Tanti i giovani che hanno aderito alla manifestazione colorata.

Il corteo ha sfilato per le strade di Latina, in testa Don Ciotti. Presenti, tra gli altri, il presidente del Senato Pietro Grasso, il procuratore Giancarlo Caselli, la presidente della commissione antimafia Rosy Bindi, il vescovo di Latina Monsignor Mariano Crociata, e il sindaco di Latina Giovanni Di Giorgi. Nel corso degli interventi dei relatori, dal palco allestito per l’occasione, sono stati letti i nomi delle 900 vittime della mafia.

  • manifestazione-libera-latina-foto-marco-cusumano-001
  • manifestazione-libera-latina-foto-marco-cusumano-002
  • manifestazione-libera-latina-foto-marco-cusumano-004
  • don-ciotti-manifestazione-libera-latina-foto-marco-cusumano-005
  • manifestazione-libera-latina-foto-marco-cusumano-23
  • manifestazione-libera-latina-foto-marco-cusumano-22
  • manifestazione-libera-latina-foto-marco-cusumano-21
  • manifestazione-libera-latina-foto-marco-cusumano-20
  • manifestazione-libera-latina-foto-marco-cusumano-19
  • manifestazione-libera-latina-foto-marco-cusumano-18
  • manifestazione-libera-latina-foto-marco-cusumano-17
  • manifestazione-libera-latina-foto-marco-cusumano-16
  • manifestazione-libera-latina-foto-marco-cusumano-15
  • manifestazione-libera-latina-foto-marco-cusumano-14
  • manifestazione-libera-latina-foto-marco-cusumano-13
  • manifestazione-libera-latina-foto-marco-cusumano-12
  • manifestazione-libera-latina-foto-marco-cusumano-11
  • manifestazione-libera-latina-foto-marco-cusumano-10
  • manifestazione-libera-latina-foto-marco-cusumano-9
  • manifestazione-libera-latina-foto-marco-cusumano-8
  • manifestazione-libera-latina-foto-marco-cusumano-7
  • manifestazione-libera-latina-foto-marco-cusumano-6
  • manifestazione-libera-latina-foto-marco-cusumano-5
  • manifestazione-libera-latina-foto-marco-cusumano-4
  • manifestazione-libera-latina-foto-marco-cusumano-3
  • manifestazione-libera-latina-foto-marco-cusumano-2
  • manifestazione-libera-latina-foto-marco-cusumano-1
  • image
  • image
  • image
  • giornata-contro-mafie-latina

L’enorme corteo ha raggiunto piazza del Popolo dove vengono letti i nomi delle vittime della mafia. I manifestanti hanno invaso la città con slogan e striscioni. Tanti studenti, associazioni, cittadini che hanno voluto urlare il loro no alla criminalità.

In piazza del Popolo, Don Luigi Ciotti ha parlato a lungo sottolineando i tanti misteri ancora irrisolti, tra i quali il delitto Don Cesare Boschin. Ha poi evidenziato i troppi casi di prescrizione nei processi.

DON LUIGI CIOTTI. «Siamo venuti qui per affetto, stima e riconoscenza per questo territorio, qui ci sono belle persone e belle risorse. Siamo venuti per cercare verità per Don Cesare Boschin e tanti altri e per non dimenticare che le organizzazioni mafiose attraversano tutto il territorio e anche l’Agro Pontino». Sono le prime parole di don Ciotti nella Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie, organizzata da Libera, che si celebra oggi a Latina. Don Ciotti, alla testa del lungo corteo partito da via Isonzo, ha voluto sottolineare di aver «trovato migliaia di ragazzi, qui c’è un’Italia intera che si è data appuntamento», ricordando che ieri «il papa è stato chiaro: ‘piangete e convertitevi, in ginocchio chiedo di cambiare vità». «Le nostre antenne di cittadini ed associazioni ci dicono che qui le mafie non sono infiltrate, sono presenti. Fanno i loro affari nel settore dell’economia e della finanza. Se fosse solo un problema di criminalità basterebbero le forze dell’ordine ma è anche un problema di case, di povertà e di politiche sociali». Sul caso rifiuti e sulle dichiarazioni del pentito Schiavone, don Ciotti ha ricordato che: «si sapeva da vent’anni, mi sono stupito di chi si è stupito. Boschin vedeva tutto questo dalla sua finestra e della sua morte non sappiamo ancora la verità. Non c’è strage in Italia di cui si conosca la verità».

 

I NOMI DELLE VITTIME E LE AUTORITA’. Sono 900 i nomi delle vittime di mafie snocciolati nel corso della cerimonia organizzata da Libera in occasione della Giornata della memoria e dell’impegno tenutasi a Latina. Sul palco allestito in Piazza del Popolo a Latina, al termine del lungo corteo partito da via Isonzo, sono stati ricordati da Avviso Pubblico anche i 351 amministratori pubblici che nel solo 2013 sono stati bersaglio di atti intimidatori. La città fin dalle prime ore del mattino si è riempita di studenti, anziani e famiglie arrivati a bordo di treni e pullman per marciare accanto a Libera. Per le strade ha sfilato anche un lungo corteo di biciclette della «Transumanza per la legalità». Accanto a Don Ciotti, anche il presidente del Senato Pietro Grasso, il ministro della Giustizia Andrea Orlando, il procuratore Giancarlo Caselli, la presidente della Commissione Antimafia Rosy Bindi e poi molti sindaci della provincia, consiglieri e assessori della Regione Lazio, i vertici delle forze dell’ordine e decine di familiari delle vittime innocenti di tutte le mafie. Il programma della XIX edizione della Giornata della memoria e dell’impegno prosegue, nel pomeriggio, con diversi seminari, incontri, dibattiti e mostre che si svolgeranno in diverse zone della città.

ROSY BINDI. «Oggi siamo tutti responsabili. Confidiamo nella richiesta di conversione che il Papa ha fatto ieri in maniera forte nei confronti degli uomini e delle donne di mafia». Lo ha dichiarato la presidente della Commissione parlamentare antimafia Rosi Bindi che ha partecipato al corteo organizzato da Libero in occasione della Giornata della memoria a Latina. «I mafiosi sono forti perchè qualcuno si gira dall’altra parte, c’è qualcuno che pensa che ci si possa convivere o fare affari – ha aggiunto – Si deve dire di no con forza. Se da queste giornate ci sarà una persona in più che vuole fare la lotta alla mafia abbiamo ottenuto un risultato importante».

PIETRO GRASSO. «Essere qui ha un significato ben preciso, per noi è un segnale importante». Lo ha detto Pietro Grasso, presidente del Senato, intervenuto a Latina alla manifestazione di Libera in occasione della Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie, a Latina. «Il Parlamento ha in esame diverse iniziative come quella sul voto di scambio che dovrà passare in Senato – ha aggiunto – Ci sono poi iniziative governative perchè la lotta alla criminalità è una priorità per il Governo». Grasso ha poi ricordato quanti sono morti a causa della mafia e ha ribadito l’impegno del Parlamento e del Governo per dare risposte ai familiari. «Ci sono ancora familiari delle vittime delle mafie – ha detto – che aspettano i risarcimenti».

IL QUESTORE DI LATINA. «Organizzare questa giornata a Latina è un segnale importante perchè questo è un territorio contiguo a terre di mafia. Le presenze ci sono, le abbiamo accertate e continuiamo a individuarle». Lo ha detto il questore di Latina Alberto Intini, che, insieme al comandante dei carabinieri e al comandante della Guardia di Finanza, ha partecipato alla manifestazione organizzata da Libera in ricordo delle vittime di mafia. «Che si celebri qui questo evento – ha aggiunto il questore – è un fatto importante. Il momento della lettura del lungo elenco delle vittime innocenti di mafia ne scandisce tutto il suo più profondo significato». Il questore si è poi soffermato sulla presenza delle organizzazioni mafiose sul territorio pontino: «Il territorio più a rischio – ha precisato – è il sud della provincia, perchè più vicino alle zone geografiche dominate dai casalesi, il cui potere si estende anche oltre il Garigliano. Qui la nostra attenzione è altissima. Ma lo è anche nella parte nord della provincia, in particolare ad Aprilia, più vicina a Roma, dove pure abbiamo individuato e accertato la presenza di clan».

IL PREFETTO. «Siamo lieti che questa giornata si svolga a Latina. È un’occasione per tutti i cittadini e soprattutto per i tanti giovani presenti di fare da argine alle infiltrazioni delle organizzazioni mafiose». Sono le parole del prefetto di Latina Antonio D’Acunto in occasione della Giornata della memoria organizzata nella città di Latina da Libera. «Questo – ha aggiunto il prefetto – è un territorio bello e ricco di risorse, ma proprio per questo fortemente esposto agli interessi della criminalità organizzata. Vogliamo che diventi un corridoio di legalità. Questa giornata deve essere il simbolo di una forte denuncia ma anche di una grande speranza».

IL SINDACO. «È un bellissimo abbraccio lungo le strade della nostra città per conservare la memoria e l’impegno contro tutte le mafie». Lo ha detto il sindaco di Latina Giovanni Di Giorgi presente oggi al corteo organizzato da Libera in ricordo di tutte le vittime innocenti di mafia. «La presenza qui oggi di migliaia di cittadini – ha aggiunto – è il segno che la città di Latina ha risposto con il suo grande cuore di città solidale. Oggi si gettano le basi per creare nei giovani la cultura della legalità. La criminalità organizzata è una presenza che non possiamo nascondere, ma abbiamo la fortuna di avere forze dell’ordine che con grande impegno ogni giorno conducono in prima linea questa battaglia».

Latina24ore.it segue in diretta la XIX “Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie” organizzata da Libera a Latina.

IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA

Dalle 7:00 arriveranno le delegazioni dei partecipanti da tutta Italia. Si prevede l’arrivo di 400 pullman extra-regione, treni speciali, mobilità interna alla Regione.

Ore 09:00 – Concentramento dei partecipanti – Via Isonzo, pressi Viale della Regione Veneto

Ore 10.00 partenza del corteo in via Isonzo (angolo Via Regione Veneto) che sfilerà per le vie della città.

Ore 11.30 Arrivo del Corteo in Piazza del Popolo e lettura dei nomi delle vittime delle mafie da parte degli ospiti.

Ore 13.30 Conclusioni dal palco

Ore 15.00 – 17.00 -si svolgeranno seminari tematici sui diversi aspetti del tema mafie. I seminari sono aperti a tutti.

Percorso: Via Isonzo, via Guglielmo Marconi, Corso della Repubblica, Piazza del Popolo.

SEMINARI:

• “Veleni in campo” (Università La Sapienza- Facoltà di Economia, Aula 1, Viale XXIV)

• “La giusta terra” (Curia vescovile di Latina- Sala B, Piazza Paolo VI)

• “Le mafie fuori dal comune” (Comune di Latina- Sala Consiliare)

• Silenzi e veleni,vent’anni dopo Ilaria Alpi (Curia vescovile di Latina)

• Per una scuola che nutra i cittadini e le città (Sala Conferenze CGIL – Via Cerveteri 8)

• Per amore del mio popolo non tacerò (Università La Sapienza – Facoltà di Economia)

• Illuminiamo la salute (Curia vescovile di Latina – Sala C – Piazza Paolo VI)

• Per un’economia civile (Oratorio San Marco – via Sisto V snc)

• Libera nei processi (Circolo Cittadino Sante Palumbo – Piazza del Popolo 2)

• “Vent’anni contro”, dall’eredità di Falcone e Borsellino alla trattativa.

Scuola- Sport: una partita ANCORA tutta da giocare (Istituto Comprensivo G. Cena – Aula magna – via Lepanto 2)

  • Presentazione del libro di Gian Carlo Caselli e Antonio Ingroia alla presenza degli autori- (Teatro D’Annunzio – viale Umberto I 41)

• Miseria Ladra (Istituto Professionale Einaudi – Aula magna – piazza Aldo Manuzio snc)

• Presentazione del “Manifesto dell’antimafia” (Einaudi) di Nando dalla Chiesa. (Università La Sapienza – Facoltà di Economia – Aula 2 – viale XXIV Maggio 7)

• Dalla memoria Riparte il Futuro: Storie di (stra)ordinaria corruzione. (IIS Gailei-Sani – via Ponchielli snc – a fine via)

• Impresa bene comune: diritto al lavoro e futuro delle aziende confiscate alle mafie (Curia vescovile di Latina – Sala D – via Sezze 16)

SPETTACOLI:

• Munnizza, un corto illustrato e una mostra su Peppino Impastato e sua madre Felici (Liceo Grassi)

• “A testa alta”, proiezione del docufilm sui sindacalisti vittime di mafia. (Liceo

• Musica contro le mafie e musica delle mafie (Liceo Scientifico Majorana)

• Spettacolo “Il giorno della civetta”, di Astragali Teatro (IIS Marconi – Aula Magna)

• Spettacolo “Fuoco in terra – Segnali di fumo all’orizzonte” (Liceo Classico Alighieri)

• OSSA dal racconto popolare dell’osso che canta alla storia di Placido Rizzotto. A seguire intervento di Dino Paternostro (CGIL Corleone) (Istituto Magistrale Manzoni)

• Mostra con percorso partecipato “E tu da che parte stai? (Liceo Classico Alighieri – Atrio di ingresso – viale Mazzini 4)

• Difendere e valorizzare il territorio. Lo sviluppo economico per impedire il radicamento dei poteri politico mafiosi. (Scuola Media Corradini – Aula Magna – via Amaseno 29)

• Spettacolo “Giudecca – Storie sommerse dal ghiaccio” Il tappeto di IQBAL Curia vescovile di Latina – Anfiteatro – via Sezze 16 (partecipazione senza iscrizione).

SCARICA I PDF: Libera Seminari e Spettacoli — Programma Libera 22 marzo 2014 —

Comments

comments

  • PIGRO

    quanti ragazzi e ragazzini ho visto questa mattina andando al lavoro, portano in mano cartelli e scritte fatte da loro, difendono il loro futuro, mi sono emozionato,
    BRAVI

  • haran banjo

    ho visto pullman della forestale passare per la circonvallazione sicuramente per andare alla manifestazione. Il bello è che sono passati con il rosso non facendo caso all’attraversamento pedonale. Legalità si…ma cominciamo intanto dalle basi.

  • X

    La cosa più divertente sono i politici mafiosi che partecipano alla manifestazione… RIDICOLI!

  • cencio

    Il bello è che si organizza questa manifestazione proprio nella capitale della mafia e camorra

  • minerva

    E allora è”mafioso” anche chi manifesta?

  • black eagle

    hai RAGIONE E POLITICI MAFIOSI CE NE SONO CERTO CHE CE NE SONO, PSCIALMENTE NEI NOSTRI TERRITORI, SONO QUELLI CHE PAGANO 20 EURO A VOTO E CHE PIAZZANO AMICI ED AMICI DEGLI AMICI nei punti chiave, speriamo che gli snidino al piu presto e gli facciano pagare le loro malefatte.. denunciamo SITUAZIONI POCO CHIARE E DI FAVORITISMO-NEPOTISMO
    SOLO COSì LATINA SARA’ ANTIMAFIA!!!!

  • Anonymus

    Ma come può una persona che fino a 1 mese fa era ausiliare del traffico oggi vestiva i panni di vigile urbano….non ricordo di aver visto nessun bando o concorso …TU VIGILE/ESSA VERGOGNATI…e parliamo di legalità …di lotta ….ahahahahah …..

MandarinoAdv Post.