Website Security Test
Banner Bodema – TOP

Calcio, il Latina al centro del “Progetto Andrea”

Latina Calcio e solidarietà. Un binomio indissolubile della società nerazzurra da sempre vicina alle associazioni benefiche del territorio pontino. Un binomio che si rinnova in queste settimane grazie all’ennesima iniziativa a sfondo benefico, in collaborazione con l’onlus “I love live”,  organizzazione nata nel 2008 che si occupa di beneficenza a trecentosessanta gradi, nel senso che “Live Onlus” raccoglie fondi per i più svariati progetti, in primis quella di donare i defibrillatori (già 56 le attrezzature acquistate finora).

Con una conferenza stampa nella  sala stampa “Amodio” dello stadio Francioni è stata presentata quindi l’iniziativa che sarà attivata a partire con la gara interna di sabato contro il Trapani. A fare gli onori di casa i tesserati nerazzurri Matteo Bruscagin (uno dei membri storici e tra i testimonial della Onlus Live), Alberto Gerbo e Andrea Milani; Giancarlo Alessandrini e Antonio Guidi, in rappresentanza della tifoseria organizzata del Latina; e la dottoressa Marchese, facente parte del corpo organizzativo del “Progetto Andrea” di Latina.

A prendere per primo la parola è stato il difensore del Latina Matteo Bruscagin che in si è mosso in prima persona per dare vita all’iniziativa: “Inizio con descrivere brevemente qual è e quale sarà l’attività della Onlus Live, di cui mi onoro di essere uno dei testimonial. Dopo la scomparsa di Piermario Morosini nel 2012 è partito un progetto dal nome ‘Cuore Batti Cuore’, che, grazie all’aiuto di tanti giocatori professionisti, si prefigge lo scopo di aiutare società calcistiche, scuole e istituti. Tra queste c’è anche il Latina, che già in passato ha messo all’asta su internet alcune maglie dei nostri giocatori come la mia, quella di Alberto Gerbo, Andrea Milani e Stefano Morrone. Adesso, grazie alla disponibilità della società che da subito si è messa al nostro servizio, abbiamo deciso di attivare una raccolta fondi. Un grazie anche ad Antonio Guidi, che ha ideato la formula della lotteria che metterà in palio dieci maglie del Latina che verranno estratte nel corso della gara interna tra Latina e Carpi. La formula è semplice: presso il “Latina Store” e fuori i settori di Gradinata, Curva Nord e Tribuna, prima e durante le gare interne contro Trapani, Pescara e Carpi, ci saranno dei ragazzi che venderanno al costo di 5 euro i biglietti per poter partecipare all’estrazione. Il ricavato andrà devoluto attraverso Onlus Live a due progetti. Il primo consiste nel donare alla scuola calcio di Borgo Piave un defibrillatore, l’altro, grazie all’intervento dei ragazzi della Curva Nord, quello di donare un carrello per il primo soccorso al reparto di pediatria di Latina attraverso il Progetto Andrea”.

Subito dopo hanno parlato Giancarlo Alessandrini e Antonio Guidi, portavoce della tifoseria organizzata nerazzurra: “Facciamo il possibile per collaborare nel nostro piccolo a contribuire anche con minime donazioni alla nobile causa del “Progetto Andrea”. Purtroppo, in periodi come questo, anche la più basilare delle attrezzature di cui dovrebbe essere dotato un ospedale importante come quello di Latina, sono totalmente assenti. E allora, grazie a questa lotteria, vogliamo andare a toccare la sensibilità della generosità dei tifosi nerazzurri, che tutti insieme da sempre hanno dimostrato vicinanza a questo genere di iniziative. Ringrazio quindi i gruppi Curva Nord, Veterani, Bonificatori, XVIII Dicembre, Leone Alato, Pontino Nucleare e Bolliti, sperando di non aver dimenticato nessuno. Tutti loro hanno dato subito l’ok per adoperarsi alla vendita dei blocchetti della lotteria. Insomma, non ci resta che dare una mano tutti quanti insieme a questo progetto, perché la beneficenza per noi non ha ne colore ne settore”.

A spiegare meglio di cosa si occupa “Progetto Andrea” è stata la dottoressa Marchese: “Progetto Andrea è una branca di un’organizzazione più grande che  si chiama Age Latina Onlus, che si occupa di donazioni a più ampio respiro. Il Progetto Andrea, invece, si concentra in particolare sul reparto pediatria e neonatologia ed è stata una pietra miliare perché anche in altre città si attivasse questo tipo di programmazione, che consiste in donazioni mirate alle esigenze che i primari di volta in volta ci segnalano.  Ringrazio quindi il Latina Calcio ed i ragazzi del tifo organizzato, portando anche i saluti della dottoressa Bellia, del coordinatore Nazionale dottor Campano e del primario di pediatria dottor Scaini”.

Comments

comments

MandarinoAdv Post.