Website Security Test
Banner Bodema – TOP

Un documentario sugli immigrati a Latina

In tutto sono stati 40 mila gli immigrati giunti nel 2013 in Italia, 13 mila più del 2012. I morti nella tragedia di Lampedusa del 3 ottobre scorso ammontano a 366. Oggi, a circa tre mesi di distanza, i sopravvissuti sono 17 e si è dato avvio allo “sgombero” del centro di accoglienza dell’isola.

A pochi giorni dalla Giornata internazionale dei migranti, l’Associazione Culturale “Libero de Libero”, in collaborazione con la Casa delle Arti “Beltempo”, organizza venerdì 27 dicembre a partire dalle 18 nella sala Grande del Palazzo Caetani a Fondi la presentazione del progetto “Approdi” sul multiculturalismo e l’integrazione dei popoli migranti.

Durante la serata verrà proiettato il documentario “Visit India” di Patrizia Santangeli, un viaggio dietro l’angolo sugli indiani sikh che vivono nella zona dell’Agro pontino. A seguire è previsto il dialogo intorno al saggio “La globalizzazione delle campagne. Migranti e società rurali del Sud Italia”, con ospite il ricercatore Marco Omizzolo che nel volume si è occupato proprio del caso pontino.

Ma gli eventi non finiscono qui. Perché sarà chiamato a intervenire anche Umeed Ali, uno dei maggiori poeti pakistani viventi. Per l’occasione Ali presenterà il nuovo libro in versi edito da Morlacchi e già tradotto in inglese. Ad accogliere i visitatori di Natale e la gente del luogo sarà pure l’anteprima dello spettacolo (in scena integrale a Pasqua) “S.S. 7/Quater” con letture del regista Pasquale Valentino e l’attrice Adele Aronica. Tutti gli interventi verranno accompagnati dall’interazione con gli ospiti migranti e da esibizioni di danze Bhangra e canti Punjabi. Al termine della serata verrà offerto un ricco buffet di prodotti tipici dell’area indiana.

  • visit-india-Patrizia-Santangeli
  • locandina approdi
  • umeed ali-latina24ore-422

 

Comments

comments

  • Mariavittoria

    Ma quanto si parla di integrazione dei migranti, significa forse che quanto vengono nel nostro Paese, occorre procurare loro lavoro e alloggio? Se è così, io non ci sto.

  • Cartucci E.

    Speriamo che nel documento inseriscono anche quanto costano mantenere i migranti. I media hanno fatto un conto approssimativo che va da 40 a 70 euro a persona al giorno. Questi costi ricadono in primis sui pensionati, lavoratori. con il prelievo irpef

  • Cattivix

    E’ già l’integrazione è importante, infatti abbiamo anche la colorata ministra dell’integrazione! Ed è importante anche l’accoglienza!
    Questo vuol dire che noi itagliani ci dobbiamo adattare ai loro usi e costumi!!!
    Tanto per fare un esempio: gli indiani possono tranquillamente e legalmente circolare, anche e soprattutto di notte, in bicicletta senza luci, senza catarefrangenti e senza giumbottino catarefrangente, contromano e in mezzo alla carreggiata, non rispettare stop e predenza, ecc. proprio come fanno in india!!! Questa si che è vera integrazione ed accoglienza!!! Guai ad investirli!!! Rischiamo l’incidente diplomatico e la guerra con l’india, che ha anche la bomba atomica!!!
    Ovviamente se un militare italiano, in sevizio e servendo il proprio paese, nel rispetto degli accordi e delle leggi internazionali, spara a dei pirati, perchè quelli erano pirati, in acque internazionali, rischia la decapitazione!!! Giustissimo, certo!!! E il nostro governnuccolo ovviamente gli ordina di consegnarsi e poi li rimanda anche indietro, confidando nella clemenza dei giudici!!!
    Ripeto questa si che è integrazione ed accoglienza!!!
    Una volta ero ogoglioso del mio paese, che ho anche servito con rispetto e dedizione, indossando una divisa!!! Ora… non ho parole…

  • Tassato

    Sono stanco di pagare tasse anche per l’integrazione di questa gente!!!

  • Abbasso Prodi

    Se vedete la locandina si parla di “approdi”, cioè di ap “prodi”, che è l’origine della rovina dell’italia, forse peggio del nano mangia viagra.

  • Strunz

    Associazione culturale Libero de Libero?! Ma andate in india, cioè a quel paese… Magari non pagate neanche tasse perchè siete una onlus.

  • marika lucien

    Care associazioni, fate in modo che tragedie del genere (Lampedusa) non accadono più. Fatevi sentire. Fate una cosa veramente buona: dite loro di stare nel proprio paese di origine.

  • Abdul Lamped usain 00xXx

    Io ama questa cità e volio vive a lunga cui.
    io inamorata e grazia tutti io volio divènta Presidente de litalia.
    forza Napoli,viva Hamsick

  • ivan bogdanovic

    abdul colione ebreo io odia te se ti vedo in giru ti amazo

MandarinoAdv Post.