top-banner

La foto/Scarti di macelleria vicino ai cassonetti in via Quarto

Cara Latina24ore.it,
questa foto è stata scattata in via Quarto, vicino ai cassonetti posizionati alle spalle della casa circondariale. Il contenuto di questo cartone è composto principalmente da scarti di macelleria. Quali conseguenze potrebbe portare un comportamento di tale inciviltà?
Purtroppo di questi casi le nostre strade sono sempre più invase ed i controlli sono praticamente inesistenti. Basta poco per risalire agli autori di tale nefandezze. Ogni imballo, etichetta, scontrino può essere un indizio inappellabile. Questi cittadini stanno ampiamente dimostrando di non avere a cuore il bene comune ed il rispetto delle più semplici regole di convivenza. Tutto ciò significa degrado e disinteresse per tutto quello ci circonda e la cosa più triste è pensare alle case linde e profumate di tanti benpensanti che fuori di casa loro tutto è concesso.
Un lettore
REPLICA. In riferimento alla lettera pubblicata la macelleria “Marco” in via Quarto a Latina precisa di non aver gettato alcun rifiuto in strada o comunque al di fuori degli spazi previsti per la regolare raccolta. L’attività commerciale precisa di smaltire i propri rifiuti secondo le vigenti disposizioni.

L'autore

Related posts

545x110_POST

11 commenti

  1. +2 Vote -1 Vote +1 Salvatore

    Un vero schifo. Oltre all’ inciviltà si aggiunge la totale incapacità da parte di chi ci dovrebbe amministrare. L’ organizzazione della nostra città, oltretutto molto piccola, sta per esplodere e nessuno sembra essere capace a trovare qualche soluzione.

    Reply
  2. +3 Vote -1 Vote +1 Marione53

    I vecchi cassonetti blu e bianchi sono stati portati sul lungomare perchè veniva in visita la Polverini e a Capo Portiere sono state portate anche le biciclette degli assessori comunali, mai usate, sempre perchè veniva la Polverini.
    A Latina non ci sono più i cassonetti per la raccolta differenziata come prima e la maggior parte della gente getta i rifiuti dove capita senza che nessuno faccia le multe e provveda a rimettere i contenitori.
    Una città per la quale si vive solo d’immagine e basta è un grosso problema.

    Reply
  3. +3 Vote -1 Vote +1 Ben-ito

    Saranno 300 grammi de scarti…..e andate a fotografà i cassonetti?
    Siete ridotti …..all’osso!!!!

    Reply
  4. -2 Vote -1 Vote +1 Ugo

    e chi ci dice che quel cartone non sia stato ESTRATTO dal cassonetto per fare la foto, o addirittura portato e messo li in posa?

    Reply
    1. +3 Vote -1 Vote +1 Francesco

      invece di ringraziare un semplice cittadino che “esige” (com’è giusto che sia, tra l’altro…) un po di civiltà e “possibilmente” un po di controllo in più… venite a mendicare “cavolate” del genere… spero facciano altrettanto altri esercenti (magari di pesce stavolta) davanti i portoni delle vostre abitazioni coi vostri figli che ci giocano nelle vicinanze…

      Reply
  5. +1 Vote -1 Vote +1 cesare

    due rami di rosmarino e un pezzo di carne…di tanti problemi che ha latina l’autore della lettera nn ha proprio niente da fare eh…

    Reply
  6. +6 Vote -1 Vote +1 Ugo

    Caro Francesco è l’articolo in se che si commenta da solo.

    ricordati che una cosa scritta su internet non è automaticamente vera per il solo fatto che sia stata pubblicata.

    Certe notizie vengono create ad arte solo per discreditare altre persone (o macellerie in questo caso).

    Perché tu che scrivi queste cose non ti apposti su viale Kennedy subito dopo pranzo vicino ai cassonetti e aspetti una macchina bordeaux targa inglese e vedi cosa combinano gli occupanti di tale macchina dentro e fuori i cassonetti.
    perché non documenti lo scempio che lasciano intorno ai cassonetti dopo che li hanno rovistati?

    sarei proprio curioso di vedere se ti dedicherai a tale attività.

    Mai dare per scontato ciò non lo è!

    Reply
  7. -1 Vote -1 Vote +1 gustofusto

    sec me se ci fosse stato ancora gustofusto lo avrebbero utilizzato come volantino!

    Reply
  8. +1 Vote -1 Vote +1 X

    Vero è che sul prato vicino a quei cassonetti ci sta SEMPRE lo schifo… ma le guardie ecologiche? Devono fare cassa? Mandatele li.

    Reply

Commenta l'articolo

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *