Website Security Test
Banner Bodema – TOP

In Gran Bretagna le eccellenze alimentari del Lazio

Il meglio dell’enogastronomia laziale targata Unindustria all’esposizione “Welcome Italia”, la fiera in programma a Londra dal 18 al 20 ottobre prossimo alla Royal Horticultural Halls, nel cuore della Capitale. Un appuntamento biennale di grande interesse per far conoscere ed apprezzare la qualità dei prodotti agroalimentari italiani, promossa nel Lazio dall’Assessorato all’Agricoltura della Regione, dall’Arsial e dal sistema delle Camere di Commercio.

Prima volta per la Sezione Alimentare di Unindustria che si presenta a “Welcome Italia” con un proprio spazio espositivo raccogliendo l’offerta delle aziende associate già presenti con i propri prodotti nel mercato inglese. Sono piu’ di 15 le aziende che partecipano tra cui le 10 eccellenze del nostro territorio, tutti marchi noti in Italia e all’estero, ognuna rappresentata da un prodotto di punta: Birra Peroni srl, Biscotti P. Gentilini srl, Brunelli Sud spa, Cantina Cerquetta di Vincenzo Ciuffa, Duebi Import-Export srl, Fratelli Petrucci srl, Molinari Italia spa, Pallini spa, Salumificio Castelli spa, Società Artigiana Scarchilli srl.

“Un’opportunità che abbiamo voluto cogliere – ha spiegato Micaela Pallini, presidente della Sezione Alimentare Unindustria – questa volta svolgendo un lavoro di “rete”, cioè presentando una offerta unica delle aziende laziali aderenti alla nostra Associazione volta a promuovere non solo i prodotti del settore food & beverage ma anche i territori e la loro cultura in questa manifestazione che è considerata la piú importante e attesa nel Regno Unito”.

Nel Regno Unito il valore dell’export dei prodotti italiani nel 2012 è stato di 2.336 milioni di euro (+6 per cento rispetto all’anno precedente) e terzo mercato di sbocco dell’export italiano di prodotti alimentari. Alla Sezione Alimentare di Unindustria aderiscono ad oggi 70 aziende per un totale di circa 3.600 addetti.

Comments

comments

  • fandango

    ecco un’ottima occasione per sprecare le nostre risorse, inutili convegni all’estero (a Londra, guarda caso, mai in Bulgaria o Lesotho), orda di funzionari che viaggiano a sbafo.
    La promozione dei nostri prodotti ????? scordatevela, avviene con ben altri mezzi ed a prezzo di tanti sacrifici di poche persone, che ci rimettono anche di tasca loro……..

MandarinoAdv Post.