Website Security Test
Banner Bodema – TOP

Omicidio Vaccaro, tutti condannati per la morte di Matteo

E’ stata emessa la sentenza di primo grado per l’omicidio di Matteo Vaccaro. Questo il verdetto letto in aula dal presidente della Corte d’Assise Pierfrancesco De Angelis dopo una lunga Camera di consiglio.

Francesco D’Antonio: condannato a 24 anni

Alex Marroni: 24 anni

Matteo Ciaravino: 15 anni

Fabrizio Roma: 15 anni

Paolo Peruzzi: 16 anni

Giancarlo Toselli: 15 anni

La corte si è ritirata in Camera di Consiglio poco dopo le 11 di stamani. Respinta  la richiesta delle difese di astensione dal giudizio per Lucia Aielli a causa di una presunta incompatibilità dovuta al fatto che il fratello del magistrato, l’avvocato Alessandro Aielli, è iscritto al gruppo di Facebook “Matteo Vaccaro per la Giustizia”.

LE RICHIESTE DELL’ACCUSA. Il pubblico ministero Daria Monsurrò aveva formulato pesanti richieste di condanna per i sei giovani accusati dell’omicidio di Matteo Vaccaro. La richiesta più alta, 27 anni, riguarda Francesco D’Antonio, considerato l’organizzatore dell’agguato mortale. Queste le altre richieste dell’accusa: 24 anni per Alex Marroni, considerato l’esecutore materiale del delitto, 16 per Matteo Ciaravino, 16 per Fabrizio Roma, 18 per Paolo Peruzzi e 16 per Giancarlo Toselli. Non è stata contestata la premeditazione del delitto ma l’aggravante dei futili motivi.

Secondo la ricostruzione, Vaccaro fu ucciso a colpi di pistola al parco Europa dove si era dato appuntamento per chiarire un litigio avvenuto due giorni prima nel locale che gestiva insieme alla famiglia in via Lago Ascianghi. Il processo è stato caratterizzato da numerose mancanze nell’indagine, a partire da alcuni reperti. Le testimonianze sono state contrastanti e a volte contraddittorie.

I BUCHI NERI DEL DELITTO. La difesa ha sempre sostenuto l’ipotesi che tra i due gruppi rivali ci sia stato un conflitto a fuoco, forse con l’uso di pistole mai trovate dalla polizia. Ipotizzata anche la presenza di persone non identificate sulla scena del crimine, forse con un ruolo attivo nella dinamica dei fatti.

LE DOMANDE SENZA RISPOSTA. Più volte è stato sottolineato che dalle immagini di una tv locale si vedono due buste bianche sulla panchina transennata: una conteneva la pistola sequestrata mentre l’altra sarebbe sparita nel nulla. La difesa si domanda: Cosa conteneva quella busta? Forse un’altra pistola? E che fine ha fatto l’arma? E ancora: chi era la terza persona che si trovava insieme ai fratelli Vaccaro al parco Europa?

Il processo di primo grado non è riuscito a fare chiarezza sui numerosi punti interrogativi legati all’omicidio Vaccaro. Probabilmente si tenterà di colmare le lacune nel processo di secondo grado in corte d’Appello a Roma, dove si giocherà la partita più importante per stabilire le pene effettive che gli imputati dovranno scontare.

PAROLA AGLI IMPUTATI. Le tesi della difesa sono state incentrate sulle carenza delle prove. Gli imputati, al termine delle udienze, hanno rilasciato alcune dichiarazioni spesso in contraddizione con quanto dichiarato inizialmente. “Quando sono arrivato – ha detto Francesco D’Antonio, considerato l’organizzatore del delitto – c’erano tre persone che hanno cominciato subito a sparare, io non ero armato. Sono fuggito e il fratello di Matteo Vaccaro mi rincorreva con la pistola in mano. Sentivo il rumore del grilletto ma l’arma non sparava, forse era scarica o inceppata”. Una versione inedita spuntata solo alla fine del processo.

Ha parlato anche Alex Marroni: «Sono mancino, ho sempre solo usato la mano sinistra». Così ha tentato di difendersi dall’accusa di aver sparato a Matteo Vaccaro. Il suo avvocato, Gaetano Marino, ha sottolineato l’incompatibilità della traiettoria del colpo mortale con l’impugnatura sinistra di Marroni, in base alla posizione rispetto alla vittima.

Ha voluto prendere la parola anche Fabrizio Roma che ha addirittura negato la sua presenza: “Quella sera ero a casa insieme ai miei genitori. Poi i miei amici mi hanno chiamato e siamo usciti per festeggiare il Latina che era campione d’inverno, neanche conoscevo la famiglia Vaccaro”.

I DIFENSORI: INCHIESTA SENZA PROVE. In aula, durante le arringhe difensive, sono state sottolineate le falle dell’inchiesta. I legali Angelo Palmieri, per Gianfranco Toselli, Domenico Oropallo, per Paolo Peruzzi e Gaetano Marino per Alex Marroni, hanno tentato di indebolire ogni singola contestazione, rifacendosi soprattutto all’assenza di dati certi, alla mancata coincidenza delle dichiarazioni, all’inattendibilità di alcuni testimoni. Il mancato accordo tra le versioni del fratello di Matteo, dei periti e della donna, testimone oculare del delitto, viene sottolineato dall’avvocato Angelo Palmieri, per Toselli. «La signora dal balcone fa una cronistoria degli eventi, parlando di più colpi e più armi, indicando ogni passaggio al telefono con il 113», è lei l’occhio sulla scena del crimine.

L’avvocato Domenico Oropallo, per Peruzzi, in aula produce un filmato di una tv locale, della sera del delitto: sulla panchina due reperti, presumibilmente due pistole. «Che fine ha fatto l’altra arma, chi è quel terzo uomo seduto accanto ai Vaccaro che indica la testimone? Dove sono i verbali di quelle persone che avrebbero fatto i nomi di chi ha sparato, come si evince dalle telefonate del 113 acquisite?» Troppi dubbi in quello che Oropallo definisce un «processo che si accontenta di una verità confezionata».

LA FAMIGLIA VACCARO CHIEDE 3,4 MILIONI DI EURO. Chiesti 3,4 milioni di risarcimento per la famiglia di Matteo Vaccaro. In aula hanno parlato gli avvocati Benedetto Faralli, Carlo Alberto e Luca Melegari. I legali hanno sottolineato chiaramente che Matteo quella sera non sparò. Le tracce di polvere da sparo trovate sulla sua mano sarebbero soltanto dei residui provenienti dalla pistola che lo ha ucciso. Nei lunghi interventi è stato tracciato un profilo di Matteo Vaccaro, studente universitario molto attaccato alla famiglia e agli amici. I legali hanno puntato il dito contro il gruppo di aggressori parlando di un omicidio premeditato studiato nei minimi particolari.

 

 

Video: la scena del crimine

 

ARCHIVIO ARTICOLI SUL PROCESSO PER L’OMICIDIO VACCARO

Omicidio Vaccaro, Marroni nega di aver ucciso Matteo

alex-marroni

«Sono mancino, ho sempre solo usato la mano sinistra». Così Alex Marroni tenta di difendersi dall’accusa di aver sparato a Matteo Vaccaro. Il suo avvocato, Gaetano Marino, ha sottolineato l’incompatibilità della traiettoria del colpo mortale con …

12/07/2013 | Incluso in Latina,Prima Pagina | Leggi tutto »

Omicidio Vaccaro, parla D’Antonio: “Loro hanno sparato, io sono fuggito”

omicidio-vaccaro-processo-latina-57898362Parola agli imputati nel processo per l’omicidio di Matteo Vaccaro. Davanti alla Corte d’Assise ha voluto rilasciare dichiarazioni spontanee Francesco D’Antonio, considerato l’organizzatore dell’agguato. “Quando sono arrivato – ha detto D’…

08/07/2013 | Incluso in Latina,Prima Pagina | Leggi tutto »

Omicidio Vaccaro, gli avvocati chiedono tre assoluzioni

omicidio-vaccaro-processo-latina-57898362Chieste tre assoluzioni per l’omicidio di Matteo Vaccaro. Oggi hanno iniziato a parlare gli avvocati difensori dei sie giovani imputati. Il ragazzo fu ucciso a colpi di pistola due giorni dopo un litigio avvenuto nel locale gestito dalla famiglia del…

04/07/2013 | Incluso in Latina,Prima Pagina | Leggi tutto »

Omicidio Vaccaro, ipotesi domiciliari per Toselli

gianfranco-toselliLa Cassazione ha annullato la bocciatura della richiesta di arresti domiciliari per Giancarlo Toselli, uno degli arrestati per l’omicidio di Matteo Vaccaro. I giudici hanno accolto il ricorso dell’avvocato Oreste Palmieri contro la decisi…

03/07/2013 | Incluso in Latina,Prima Pagina | Leggi tutto »

Omicidio Vaccaro, la famiglia chiede 3,4 milioni di risarcimento

omicidio-vaccaro-processo-latina-57898362Chiesti 3,4 milioni di risarcimento per la famiglia di Matteo Vaccaro, il ragazzo ucciso il 31 gennaio 2011 al parco Europa a Latina. Oggi, in aula, hanno parlato gli avvocati Benedetto Faralli, Carlo Alberto e Luca Melegari. I legali hanno sottol…

01/07/2013 | Incluso in Latina,Prima Pagina | Leggi tutto »

Omicidio Vaccaro, le richieste di condanna: pene fino a 27 anni

omicidio-matteo-vaccaro-arrestatiIl pubblico ministero Daria Monsurrò ha formulato le richieste di condanna per i sei giovani accusati dell’omicidio di Matteo Vaccaro. La richiesta più pesante, 27 anni, riguarda Francesco D’Antonio, considerato l’organizzatore dell’agguato mortale…

27/06/2013 | Incluso in Latina,Prima Pagina | Leggi tutto »

Omicidio Vaccaro, la testimone: “Ho visto tre o quattro pistole”

omicidio-vaccaro-luogo-delitto-parco-europa-latina-466e5«Erano tre quattro con le pistole, hanno sparato tutti insieme». Lo riferisce una testimone dell’omicidio Vaccaro telefonando al 113 alle 23,55 del 31 gennaio 2011. La donna racconta cosa vede dalla mansarda della sua villetta di via Portogallo, da…

19/06/2013 | Incluso in Latina,Prima Pagina | Leggi tutto »

Omicidio Vaccaro, la sentenza slitta all’11 luglio

omicidio-vaccaro-luogo-delitto-parco-europa-latina-466e5Come era prevedibile è slittata la requisitoria del pm Daria Monsurrò nel processo per l’omicidio Vaccaro. Il calendario è stato completamente rivisto anche perché il tribunale ha affidato un incarico tecnico per decriptare le telefonate al 11…

23/05/2013 | Incluso in Latina,Prima Pagina | Leggi tutto »

Omicidio Vaccaro, il giallo delle telefonate al 113

omicidio-vaccaro-processo-latina-57898362Mistero sulle telefonate arrivate al 113 la sera dell’omicidio di Matteo Vaccaro. I file delle registrazioni sono criptati e non si riesce a decifrarli, mentre alcune registrazioni mancano del tutto. L’ex capo della Mobile – scrive Il Messagge…

14/05/2013 | Incluso in Latina,Prima Pagina | Leggi tutto »

Omicidio Vaccaro, imputati in silenzio ma il pm chiede i verbali

omicidio-matteo-vaccaro-arrestatiRestano in silenzio gli imputati nel processo per l’omicidio di Matteo Vaccaro avvenuto al parco Europa a Latina. Nella gabbia della Corte d’Assise del tribunale di Latina, i giovani accusati del delitto si sono avvalsi della facoltà di non risp…

10/05/2013 | Incluso in Latina,Prima Pagina | Leggi tutto »

Omicidio Vaccaro, una testimone: ho visto due uomini nascosti

omicidio-vaccaro-luogo-delitto-parco-europa-latina-466e5Nel processo per l’omicidio di Matteo Vaccaro è stata ascoltata una donna che la sera del delitto chiamò sia i carabinieri che la polizia per segnalare alcuni movimenti sospetti sotto casa sua. La testimone abita vicino al parco Europa ma dalla s…

16/04/2013 | Incluso in Latina,Prima Pagina,Provincia | Leggi tutto »

Omicidio Vaccaro, il tribunale acquisisce i referti dell’ospedale

omicidio-vaccaro-processo-latina-57898362Il tribunale ha disposto l’acquisizione di nuovi documenti sul caso dell’omicidio di Matteo Vaccaro. Lo scrive il quotidiano Il Messaggero. Ieri, nella nuova udienza del processo, sono stati ascoltati numerosi testimoni della difesa, tra i qua…

09/04/2013 | Incluso in Latina,Prima Pagina | Leggi tutto »

Omicidio Vaccaro, parola ai consulenti Garofano e Farneti

luciano-garofano-latina24ore-85768933Parola ai consulenti della parte civile nel processo per l’omicidio di Matteo Vaccaro.  Oggi in aula hanno parlato l’ex capo del Ris, Luciano Garofano, e il perito balistico Martino Farneti. I due hanno ribadito che, in base agli elementi analizzati…

28/03/2013 | Incluso in Latina,Prima Pagina | Leggi tutto »

Omicidio Vaccaro, la parola passa ai periti

omicidio-vaccaro-traccia-latina24ore-4769778Conclusa la lista dei testimoni dell’accusa per il processo Vaccaro. Giovedì la parola passerà agli esperti, ai consulenti di parte civile che saranno chiamati a relazionare sulla dinamica e gli aspetti balistici. Nell’aula di Corte D’Assise sa…

26/03/2013 | Incluso in Latina,Prima Pagina | Leggi tutto »

Omicidio Vaccaro, nuova perizia sulla vittima

omicidio-vaccaro-processo-latina-57898362Nuova perizia sui campioni di liquido prelevati dal corpo di Matteo Vaccaro, il ragazzo ucciso al parco Europa. Il medico legale che ha effettuato gli esami tecnici è stato ascoltato in aula e ha spiegato di aver raccolto i liquidi necessari per un …

13/03/2013 | Incluso in Latina,Prima Pagina | Leggi tutto »

Omicidio Vaccaro, il fratello: “C’era un altro uomo”

omicidio-matteo-vaccaro-arrestati“Mio fratello non aveva nessuna pistola scacciacani e quella sera c’erano sette persone, non sei”. Nel processo per l’omicidio di Matteo Vaccaro parla il fratello della vittima, Alberto, presente la sera del delitto al parco Europa. Nella lunga te…

26/02/2013 | Incluso in Latina,Prima Pagina | Leggi tutto »

Omicidio Vaccaro, in aula testimonianze contrastanti

omicidio-vaccaro-processo-latina-57898362Otto testimoni sfilano in aula per il processo agli assassini di Matteo Vaccaro. Tra le testimonianze quella di una testimone oculare, una donna che dal balcone di casa aveva assistito alla sparatoria. Ma alcuni particolari sono inediti. Due anni fa…

08/02/2013 | Incluso in Latina,Prima Pagina | Leggi tutto »

Omicidio Vaccaro, accuse più gravi: il delitto fu premeditato

omicidio-vaccaro-processo-latina-57898362Accuse ancora più gravi per i sei giovani che rispondono dell’omicidio di Matteo Vaccaro, il ragazzo di 29 anni ucciso il 31 gennaio 2011 al parco Europa. Dopo aver ascoltato uno dei testimoni, un agente della squadra mobile che ha lavorato alla p…

12/12/2012 | Incluso in Latina,Prima Pagina | Leggi tutto »

Omicidio Vaccaro, mistero sui vestiti della vittima

matteo-vaccaro-latina-784685453456Dove sono finiti i vestiti che indossava Matteo Vaccaro quando fu ucciso al parco Europa il 31 gennaio 2011? E’ l’ennesimo punto interrogativo emerso durante il processo che si sta celebrando davanti alla Corte d’Assise del tribunale di Latina.…

21/11/2012 | Incluso in Latina,Prima Pagina | Leggi tutto »

Omicidio Vaccaro, ecco il video negato dai giudici

omicidio-vaccaro-traccia-latina24ore-4769778Tensione durante l’udienza di ieri del processo per l’omicidio di Matteo Vaccaro. I giudici hanno respinto la richiesta degli avvocati difensori di poter proiettare in aula il filmato girato sulla scena del crimine durante l’interrogatorio …

Comments

comments

  • homer

    una vita che non c’è più e 6 vite rovinate…per cosa? per un battibecco? che sia d’esempio, che sia data la notizia in tutte le scuole, a partire dalle elementari, che sia solo l’inizio della battaglia contro chi delinque e pensa di essere il più forte…ecco ora 24 anni di carcere e anche se saranno scontati la vita è rovinata…finita…

  • Em

    Che ci rimangano dentro tutti questi anni.

  • ioioio

    beh, forse la vita gli verrà salvata dal carcere…sono tutti volti conosciuti della criminalità latinense: era ora che ci fosse un pò di giustizia!

  • colpa di schengen

    Ecco, adesso si che si.ragiona. pane e acqua per questi ragazzini. Che serva di esempio alla generazione di adesso.

  • Silvia

    Siamo soltanto alla condanna in primo grado, alla fine del processo gli verranno scalati a tutti 10 anni.Benvenuti in ITALIA!

  • colpa di schengen

    speriamo di no, silvia

  • disincantato

    Tra otto – dieci anni quando usciranno avremo sei balordi, che lavoreranno al soldo degli zingari, con una cattiveria assoluta, spaccieranno, commetteranno altri omicidi, il tutto perchè genitori e avvocati, non hanno fatto il loro dovere. I genitori e famigliari, dovevano chiedere il patteggiamento e la redenzione, chiedendo sentenze esemplari, invece difendono questi ragazzi, come dei bravi ragazzi che hanno fatto una ragazzata. Si perchè uccidere è un giochetto da cortile, non è togliere una vita umana. Lo stesso vale per gli avvocati, che hanno scelto una linea difensiva folle e assurda, arrivando perfino a mettere in discussione l’onesta della dottoressa Aielli. Leggendo i media, sembrava dalla arringhe difensive, che questoragazzo, ucciso, si sia suicidato. Questa è una città marcia nelle radici, nella profondità, dell’animo dei suoi cittadini, che dovrebbero onorarla con comportamenti onorevoli.

  • dottor

    Non se sia più grave pretendere a ogni costo un appuntamento con dei pseudo delinquenti e andarci sballato con un arma all apparenza vera volendo stravincere o essere così cretino da rovinarsi la vita sparando per altri

  • Em

    Speriamo che non abbiano sconti di pena, perché una volta usciti saranno pieni di odio e rancore che diventeranno vere mine vaganti, che potranno commettere vendette.
    Come è caduta in basso Latina, nella metà degli anni ’90 era una cittadina di provincia tranquilla, senza grilli per la testa e vizi.
    Oggi a causa di gestioni sbagliate vuole diventare la capitale d’Italia, è piena di vizi e casi di criminalità organizzata; come si è rovinata…

  • Tutti Fenomeni

    Fidati Em sono + pieni di odio e di rancore quelli che aspettano che escano.

  • Nostalgia

    Nella prima meta ‘ degli anni 90 ‘ latina era in mano a criminali e questo schifo non esisteva.
    Em te immagino sei di Udine o giu di li !!!!!
    Puoi non saperlo ,ma tutto era ben definito e non volava una mosca,s’e succedeva qualcosa finiva a tarallucci e vino ,non c’erano alzate di testa e ognuno stava al posto proprio.
    La comunità Rom stava tranquilla,tutti questi stranieri non c’erano e bande di ventenni armati malati di malavita non esistevano, ergo tornassero quei tempi.

  • Lucky Luke

    Alcuni dei condannati usciranno dal carcere da cinquantenni. Praticamente, una volta fuori dal gabbio, finiranno in mezzo ad una strada. Se la sono cercata. Ben gli sta.

    Il problema, però, è che non funziona così per tutti: in giro c’è gente che ha fatto di peggio e merita la stessa sorte e invece se la cava sempre con qualche giorno di cella di sicurezza..

  • Gianluca Mattioli

    ma gli abiti di Vaccheo Vaccaro perchè sono spariti?… spariti.. non c’è traccia….. eppure servivano per fare gli stub?…… non capisco………………..

  • io

    Io penso che nessuno può parlare o giudicare se non si era presenti in quel momento i 6 ragazzi saranno anche dei delinquenti come li definite voi ma il ragazzo che è morto poteva stare tranquillamente a casa quella sera senza pretendere le scuse sul tappeto rosso.

  • Davideeeee

    Nessuna pietà per i sei, ma se il proiettile avesse colpito una persona che non c’entrava niente con le loro beghe, un perfetto estraneo che portava a passeggio il cane, adesso Matteo e il fratello starebbero in carcere con i sei… … doveva denunciare tutto alle forze dell’ordine e non cercare di farsi giustizia da se con una pistola finta(!), oltretutto lui sapeva che il gruppetto era pericoloso tanto da spostare più volte più volto l’incontro in un luogo a suo giudizio sicuro….

  • slatan

    io non ero presente la sera del delitto e immagino sia lo stesso per voi. nessuno di quelli che commentano sa come sono andate le cose, compreso il sottoscritto. lo sanno solo i signori qui sopra ritratti e il fratello della vittima, quindi asteniamoci dal dare giudizi.. a quello ci stanno pensando i giudici ( speriamo abbiano ragione…). di certo c’è solo che è morto un ragazzo e su quello dovremmo riflettere tutti. questa storia è il simbolo di questo paesone di merda del meridione che si atteggia a provincia di elite. ragazzi allo sbando, abbandonati dalle istituzioni….quelle stesse istituzioni che si accompagnano con la peggiore feccia di latina., da sempre. basti pensare alle recenti elezioni politiche… . quando cresci in questo clima, è normale scartare dall ‘ inizio la via legale, della denuncia, perchè si sa già che non ne varrà la pena, anzi, che sarà peggio…o si diventa saggi presto, grazie a tanta fortuna e a famiglie che sanno comunicare coi figli, oppure ragazzi, si è destinati ancora per tanto tempo a leggere tragedie del genere. REST IN PEACE MATTEO. Che Dio ti benedica.

  • foffo

    Sono d’accordo con ID. So bene chi sono quei 6 ragazzi e le mazzate che davano a destra e sinistra. Bastava frequentare la via dei pub per rendersene conto. Spero che anche nel 3° grado di giudizio venga mantenuta una pena seria, cosi ci togliamo dalle scatole 6 persone semplicemente pericolose.

  • mauro

    che faccie di c….
    lavori forzati a spaccare le pietre per tutta la vita

  • Gianluca Mattioli

    ma le analisi sui vestiti di Matteo Vaccaro che dicevano?…… non mi ricordo……….

  • Silvia

    Gianluca Mattioli se la vittima era tuo figlio volevo vedere se facevi tanto il sarcastico.Forse è vero che ci sono molti buchi neri in questo processo ma ti ricordo che comunque questi sei ragazzi hanno ucciso un 29enne che aveva una vita davanti.Quindi è giusto che paghino.Un pò di rispetto per una persona che non c è più

  • Monica

    @Silvia! Ma tu chi sei Dio?!?! Lo hanno ucciso tutti e sei?!?!? Se non sei informata, anziché leggere i giornali dei giornalai perché non ti fai dare il fascicolo depositato in tribunale e studi?!? Ti ci vorrei far trovare in quella situazione, così ti passa la voglia di offendere le persone e parlare a sproposito!

MandarinoAdv Post.