Website Security Test
Banner Bodema – TOP

Velletri, 99 Posse aggrediti da estremisti di destra

Aggrediti con cinture e altri oggetti contundenti da una ventina di persone che esponevano simboli di estrema destra: a denunciare l’episodio sono i 99 Posse, storica band nata nel centro sociale napoletano, che ieri sera doveva esibirsi a Velletri. Tutto saltato però.

Secondo quanto denunciano, il cantante Luca Zulu Persico e un fonico della band, attorno alle 22.30, sono stati aggrediti da una ventina di persone e se la sarebbero cavata solo grazie all’intervento della sicurezza del locale che ha messo in fuga gli aggressori. I due avrebbero riportato contusioni, tagli e abrasioni superficiali, ma hanno rifiutato di essere portati in ospedale e non hanno sporto denuncia.

Sul profilo ufficiale la band si scusa con il pubblico per non aver potuto suonare e sottolinea che si tratta di “un fatto grave che si inserisce in una sempre più preoccupante recrudescenza dell’estremismo fascista in Europa e in Italia. Nella notte dello stesso 5 giugno – si legge nella nota – una molotov è stata lanciata contro il portone del centro sociale Astra 19 nel cuore del Tufello a Roma, al piano terra di una casa popolare abitata da decine di persone. Anche in questo caso, chiara la matrice fascista, nel clima avvelenato della campagna elettorale per le Comunali a Roma”.

Comments

comments

  • homer

    Questo succede quando ti schieri, devi mettere in conto che qualcuno potrebbe stare dalla parte opposta…le prendi, stai zitto e canti!

  • willi

    certo, se ti schieri è giusto essere pestati da 20 persone. onore al solito coraggio dei topi di fogna.

  • pazzatoio

    non chiamateli estremisti… teppistelli ignoranti è la definizione corretta…..

  • Paolo
  • Em

    Ma i 99 posse non si rendono conto che con i loro atteggiamenti di sinistra potrebbero risultare fastidiosi per qualcuno?

  • Gianni C.

    Ma per piacere!!! Sta gente fa sempre un gran parlare di recrudescenze del fascismo. Ma fatela finita! E allora, quando sono quelli dei famigerati centri sociali (che in termini di violenza e numero di aggressioni sono di gran lunga i primi in classifica) cosa dicono questi “signori”? Scommetto che per loro quella è una “libera manifestazione del pensiero democratico e sociale”. Ma statevene a casa vostra che è meglio!!!

  • twocents

    Ma chi caxxo ve lo fa fà a menarve per questo…? Boh.

  • cetto lachiunque

    destra sinistra fascisti comunisti …..RIDICOLI !!!!
    Ci stanno mangiando vivi…e voi
    che litigateancora per la politica!!!!
    comunque La violenza va condannata come l’istigazione all’odio !!!
    il vs cetto la chiunque

  • io

    certo uno che canta “se vedo un punto nero gli sparo a vista” nn inneggia alla violenza ????

  • Pontino

    Aggrediti a Velletri…pensa quando vengono a Littoria….

  • NO alla violenza!

    Da Wikipedia (anche se la fonte non si può dire del tutto attendibile credo che comunque sia tutto vero):
    I 99 Posse sono stati oggetto di numerose accuse sia per la violenza di alcuni testi sia per il loro rapporto con la droga.
    Nella canzone Rigurgito Antifascista si afferma che l’unico fascista buono è quello morto ed il ritornello dice se vedo un punto nero ci sparo a vista. Il cd Corto Circuito pubblicato nel 1998 conteneva un videogame nel quale si dovevano lanciare bottiglie molotov contro gli agenti di Polizia.
    Nel 2001 viene vietato al gruppo di esibirsi a Palermo per motivi di ordine pubblico in quanto ritenuti dall’amministrazione comunale “socialmente pericolosi”[8]. Nel corso degli anni altri concerti della band sono stati occasione di forti polemiche politiche.
    Tutti i componenti del gruppo furono rinviati a giudizio dal Giudice per le indagini preliminari con l’accusa di “istigazione all’uso di stupefacenti ai danni di minorenni” per aver fumato hashish sul palco durante un concerto a Fabriano.
    Il cantante Luca Persico (in arte ‘O Zulù) nel 2010 ha dichiarato di aver lottato per 4 anni contro la dipendenza da crack che l’aveva quasi ucciso.
    Sempre nel 2010 il bassista del gruppo Massimo Jovine viene arrestato a Scampia per possesso di eroina e condannato ad 1 anno e 4 mesi con sospensione della pena perché incensurato. Il bassista ha reso nota la sua versione dell’accaduto in una lettera di denuncia contro la legislazione italiana sulle droghe che ha eliminato il confine tra spacciatori e consumatori.

  • Siamo seri

    Mai fare violenza, questo è un principio inderogabile, ma chi semina vento raccoglie tempesta.
    Bisogna ricordarsi e dire che questo gruppo incita alla violenza fisica estrema (fino all’uccisione) degli avversari politici.
    L’episodio è da condannare sicuramente, ma i 99posse sono un gruppo da bandire, sciogliere e condannare per istigazione alla violenza, come lo sono tutti i gruppi estremisti di qualsiasi colore politico che incitano alla violenza.

MandarinoAdv Post.