Website Security Test
Banner Bodema – TOP

Video/Manifesti abusivi, protesta in piazza e appello del sindaco

II sindaco Giovanni Di Giorgi lancia un appello contro le affissioni abusive elettorali: “In prossimità dell’ultima settimana di campagna elettorale in vista delle elezioni del 24 e 25 febbraio, desidero rivolgere un appello a tutti i candidati e alle forze politiche impegnate rispetto alla propaganda elettorale. Mi preme, in particolare, richiamare tutti al senso civico e al rispetto della nostra città evitando le consuete e deprecabili attività di affissione abusiva di manifesti elettorali e volantinaggio. Evidenzio che il Comune di Latina ha predisposto, in base alla normativa di settore, appositi spazi per le affissioni mentre i pubblici comizi sono appositamente disciplinati. Invito, quindi, tutti ad attenersi alle disposizioni in materia, evitando affissioni abusive che deturpano la nostra città e rappresentano una inaccettabile mancanza di rispetto nei riguardi di tutti i cittadini. L’amministrazione comunale, per quanto di sua competenza, vigilerà con la massima attenzione anche attraverso la Polizia locale. Ringrazio il comitato spontaneo, formato da associazioni e singoli cittadini, che si sta adoperando per sensibilizzare tutti contro l’odiosa pratica delle affissioni abusive”.

LA PROTESTA CIVILE. Intanto alcune associazioni hanno presentato denunce in Procura avviando anche le operazioni di “stacchinaggio” contro gli abusivi.  La sollecitazione al sindaco ad intervenire viene da un gruppo di associazioni di Latina: Rinascita Civile, Latina in Bicicletta, Legambiente, Casa dell’Architettura, Cittadinanzattiva, Quartieri Connessi, Italia Nostra, Villaggio Fogliano, Fiume Cavata, Latina Ciclabile, PrimaVera Latina, Valore Donna che si sono unite in un comitato spontaneo presentando anche un esposto agli organi competenti.

Oggi le associazioni hanno raccolto alcuni manifesti abusivi costruendo una piramide sotto al Comune, in piazza del Popolo per protestare contro lo scempio definito uno “stupro” alla città.

IL BLITZ. Questa mattina, il comitato spontaneo “Stacchinaggio Civile” formato da varie associazioni e singoli cittadini, tra cui Rinascita Civile, Quartieri Connessi, Legambiente, Italia Nostra, Casa dell’Architettura, Villaggio Fogliano, Fiume Cavata, Latina Ciclabile, Codacons, MAD Arte, Valore Donna, Latina in Bicicletta e PrimaVeraLatina, ha dato vita ad una manifestazione di protesta contro la pratica incivile dei manifesti elettorali affissi illegalmente al di fuori dagli spazi consentiti. I manifestanti hanno percorso alcune vie del centro, lungo un percorso prestabilito di circa un chilometro e mezzo, e hanno censito i manifesti illegali. Inoltre, i partecipanti hanno esposto, accanto ai poster illegali, un manifesto che definisce provocatoriamente “stupro” la pratica di deturpare la città con facce e slogan di ogni colore, scattando delle fotografie. Sotto il Comune è stata realizzata una piramide con manifesti abusivi raccolti per strada perché caduti o staccati da altri.

“Non è violata solo la normativa in materia di propaganda elettorale – precisano i promotori – ma anche gli articoli 663, 635 e 639 del Codice Penale (deturpamento) e l’art. 23 del Codice della strada che vieta qualsiasi installazione che possa provocare distrazione ai guidatori e conseguente pericolo. Inoltre, per le strutture in metallo poste in proprietà privata o in luoghi pubblici, si contrasta la normativa ed i regolamenti urbanistici, sia perché si tratta di veri e propri abusi edilizi sia perché costituiscono un pericolo per l’incolumità pubblica essendo privi di autorizzazione e di attestato di staticità”.

“L’intenzione delle associazioni è di andare fino in fondo – precisano i responsabili delle associazioni – se del caso anche denunciando i soggetti e gli Enti qualora non dovessero intervenire immediatamente, perché si tratterebbe di un’omissione di atti di ufficio, comportamento penalmente rilevante”. Questa mattina, infatti, è stato anche depositato alle Autorità Competenti un esposto per denunciare la pratica incivile ed illegale dell’affissioni di manifesti elettorali al di fuori degli spazi consentiti.

Comments

comments

  • paoletto

    Per fortuna che il più grande imbrattatore è Calandrini, presidente del consiglio comunale e fratello d’ Italia come il Pelato.

  • Anni70

    Giorgino sindachino, ma tu ed il tuo partito non avete chiesto la sanatoria per i TUOI mega manifesti selvaggi? Ma non era tuo il faccione che imperversava ovunque a Latina solo qualche decina di mesi addietro?
    Sei indecete, hai la faccia come il didietro e la lingua biforcuta!

  • Sasa

    Basta non votarli e vedrete che la prossima volta non metteranno più un manifesto. Personalmente voterò il ms5

  • silvano

    Li mortacci sua e di chi l’ha votato…fa la finta morale e ci va a braccetto con maietta & co !

  • Cittadino di Latina

    Tanto per cambiare, credo che la legge sia carente. I manifesti sono praticamente firmati, basterebbe multare i candidati. Questo ad oggi non avviene.
    PS: nelle associazioni citate ci sono persone valide. Spero che alle prossime elezioni comunali ne esca qualcosa di buono per Latina.

  • VOTATE ICOLARO

    IPOCRISIA ALLO STATO PURO!!! MACCHè BELLE FACCE DI BRONZO.
    DI GIORGI: SINDACO DELLA PROPRIA PARTE POLITICA, SPERO SIA COSTRETTO ALLE DIMISSIONI PRIMA POSSIBILE, DOVRA ESSERE SOLO UN BRUTTO RICORDO DA DIMENTICARE PER QUESTA CITTA’.

  • ale

    tutta gente pagata da noi,incapaci di tutto che schifo

  • giovanni ciattaglia

    Di Giorgi tuona contro i manifesti abusivi….. ahahahahaha ohohohohahahahaaiahaiahaiaha muoio !

  • homer

    i manifesti abusivi sono solo quelli di fratelli d’italia, basta osservare chi li mette, pregiudicati che vanno in giro con i loro biglietti a fare propaganda…la meloni dovrebbe chiedere ai cittadini normali chi la sta rappresentando a latina…

  • Inganno Continuo

    DiGGIORGI il sindaco di Latina, ignora che ha insudiciato tutta LATINA e il suo territorio sia quando era candidato in regione sia quando era candidato a sindaco.
    IGNORA il sudiciume di cui era il diretto responsabile ….ed ora fa’ il moralista.
    Ignorando i suoi compari come i FRATELLI DI TAGLIA.

  • lupino buzzo

    io no, voi neppure, ma alla fine, chi li vota questi cialtroni ??? possibile che ci si venda un voto per poche lenticchie ? possibile che un tiero qualsiasi abbia tutti questi seguaci ? ma non vi sembra un’offesa alla propria dignità ? non è questione di intelligenza, cultura, rango sociale….ma daiiiiiiii……..

  • GUTTA SCABANT PETRA

    LA TRIADE DER MOLAZZA eheheheheheheheh, SI FANNO TROVARE COI LORO ACCOLITI A FARE INAUGURAZIONI IMPROBABILI, A PUBBLICA ILLUMINAZIONE MESSA LI DA ANNI, DONANO DECINE DI MIGLIAIA DI EURO (???) A CHIESE E COMUNITà VARIE…… MI RINNOVANO UN PERMESSO. E ALTRE CRETINERIE… LA GENTE BATTE LA FACCIA NEL DERE TANO DI CHIUNQUE PROMETTE DI FAR VOLARE I SOMARI, E LA TRIADE DER MOLAZZA APPARTIENE A QUESTA CATEGORIA…

  • Cinico

    sono i POLITICI ad essere ABUSIVI !!!
    PULIAMO LATINA e L’ITALIA DA QUESTA SCHIFEZZA.

MandarinoAdv Post.