Website Security Test
Banner Bodema – TOP

La lettera/Cerchi lavoro? Occhio alle truffe!

Gentilissima redazione di Latina24ore.it

vi scrivo per segnalarvi lo strano caso di un’agenzia che, almeno in teoria, dovrebbe aprire una filiale a Latina e che, in controtendenza con quanto sta accadendo per altre aziende costrette a chiudere i battenti a causa della crisi, promette allettanti posti di lavoro a giovani e non, anche alla prima esperienza, come commessi alla clientela, gestione risorse umane, piccola contabilità d’ufficio e gestione clienti.

L’azienda, che dice di vantare 60 filiali in tutta Italia, si presenta come una ditta specializzata nella distribuzione per conto di noti marchi italiani ed esteri. Qualche mese fa ho trovato per caso il loro annuncio su un portale di lavoro. Essendo disoccupato ho deciso di telefonare per avere maggiori informazioni. Subito mi hanno fissato un colloquio.

Il pomeriggio seguente li raggiungo nella loro sede, nuova di zecca e per la verità ancora piuttosto spoglia, e vengo ricevuto dal sedicente e giovanissimo, forse troppo, manager che mi ha invita a fare un “giorno di prova”, o meglio una selezione, per farmi vedere “da vicino” il lavoro. Se la memoria non mi inganna, l’appuntamento era per le 8.30 del giorno successivo.

L’indomani arrivo in sede. Nonostante avessi qualche minuto di anticipo, decido di citofonare, mi presento e… prima stranezza: la segretaria, tra l’altro molto scortese, mi dice di aspettare giù e di non citofonare se non all’orario che mi era stato comunicato il giorno precedente dal manager. Puntuale come un orologio svizzero alle 8,30 salgo.

Uno, due alla volta al massimo, veniamo ricevuti dal manager. Io, che non ero stato il primo ad essere chiamato, vedo gli altri ragazzi entrare nell’ufficio, uscire un secondo dopo ed andare via dalla sede accompagnati da un tutor, il quale ci avrebbe mostrato la mansione esterna, quella di promoter. Al rientro, nel tardo pomeriggio, sarebbe stato lo stesso manager, prima del test e del colloquio finale, a mostrarci il lavoro d’ufficio, quello per cui dovevamo essere selezionati. Su tutti i candidati, non ricordo in quanti eravamo, ne avrebbero assunti solo due o tre!

Mi dicono che saremmo dovuti andare fuori città da alcuni clienti per una ricerca di mercato. Durante il tragitto mi elencano tutte le aziende per cui l’agenzia ha lavorato…sono davvero tante, e pure famose…hanno curato addirittura la campagna abbonamenti di una squadra di serie A! Arriviamo a destinazione e cominciamo a girare casa per casa visto che allora l’agenzia stava lavorando per uno dei principali player mondiali di energia non nucleare e gas naturale. Abbiamo camminato per ore!

Durante il tragitto il tutor mi spiegato, in maniera molto blanda, che, visto i continui aumenti delle bollette di gas ed energia elettrica, l’azienda per la quale stavano lavorando aveva deciso di garantire ai clienti il blocco della fornitura, abbattendo così i costi per qualche anno. Fornitura che, con la stipula del contratto, sarebbe avvenuta in maniera diretta e senza cambio di gestore. A me sapeva tanto di truffa, ma ho continuato a seguirlo casa per casa.

Alle 19 circa torniamo a Latina, tutti insieme. Con nostro immenso stupore durante la nostra assenza la sede si era, però, trasformata in una piccola discoteca con musica ad altissimo volume per il “risveglio” dei tutor dopo una lunga giornata di lavoro, ci spiegano. Il tutto mentre sostenevamo il test finale…ennesima stranezza della giornata, penso io! Uno alla volta venivamo, infine, ricevuti dal manager. Io personalmente sono stato selezionato. Mi hanno detto che sarei dovuto tornare per la firma del contratto. Lo stipendio: mille euro al mese con l’obbligo di chiudere almeno un contratto al giorno. Per il momento avrei affiancato il tutor nella promozione porta a porta; capito il meccanismo avrei cominciato a svolgere le mansioni interne (per cui ero stato selezionato, ma che il manager non mi aveva più mostrato). Fatto sta che ognuno di noi usciva dall’ufficio, salutava i candidati ancora in attesa e scendeva accompagnato dal suo tutor. Che non siano stati tutti assunti?!

Tornato a casa, pieno di dubbi mi collego ad internet e mi imbatto in un forum dove altri ragazzi raccontano di aver vissuto la mia stessa esperienza, che questa agenzia “truffaldina”, sotto un altro nome, era già stata segnalata da un servizio tv de Le Iene. Alcuni dicevano anche di non essere stati pagati, di aver lavorato in nero per diverso tempo o di aver ricevuto una paga più bassa di quella pattuita!Ora, io non posso sapere se l’azienda truffi davvero le famiglie che sottoscrivono i contratti…non so se mi avrebbero dato davvero i mille euro promessi a fine mese o se avrei mai lavorato in ufficio, sempre ammesso e non concesso che questa filiale apra davvero a Latina visto che dal mio colloquio sono trascorsi mesi. Ciò che è certo è che questa agenzia, con modi truffaldini, si prende gioco di ragazzi che come me hanno bisogno di lavorare.

Se ho deciso di scrivervi solo ora a distanza di tempo dal mio fantomatico colloquio è perché proprio in questi giorni ho avuto modo di leggere lo stesso identico annuncio, credo a questo punto della stessa agenzia, su un giornale di Latina a distribuzione gratuita. L’invito che rivolgo a  chi come me è alla ricerca di un posto di lavoro è di diffidare da annunci del genere e di denunciare situazioni di questo tipo, se non altro per il fatto di essere vittima di una farsa autorizzata.

Un lettore

Comments

comments

  • pasquino

    mandiamoci le jene

  • vinxlt

    nei periodi di crisi schifezze del genere proliferano alla grande..purtroppo

  • twocents

    Sei stato fortunato che dopo il “tour” sei stato riaccompagnato a casa… Altri, che avevano avuto la “spudoratezza” di aprire bocca, sono stati lasciati a piedi alle 19 nelle vie di paesini della provincia di Latina o Frosinone… Alle rimostranze del giorno successivo dei genitori, hanno avuto l’arroganza di minacciarli (loro…) ed ingiuriarli… Che dire… E’ brutto dirlo, ma dobbiamo cominciare ad acquisire definitivamente la coscienza del sospetto del prossimo, sempre, per ogni cosa. E denunciare, sempre, perché la Giustizia in Italia è lenta, lentissima, ma arriva sempre…

  • Aurelio da Terracina

    Questa è gentaglia raffinata che si sa muovere nel campo lavorativo. Sanno che male che va, non gli fanno niente. E loro ci sguazzano dentro. Tutto a discapito di giovani alla ricerca di un lavoro. Sanno benissimo che se un giovane rinuncia, fuori la porta c’è ne sono cento pronti ad entrare. La colpa è anche di chi questi 20anni, con la sua politica fallimentare, padrone di televisioni e giornali, ha favorito questa forma di lavoro. Producendo il fallimento di una intera generazione.

  • Angela B.

    Hai perfettamente ragione. Oggi questo piccoletto, frequentatore di minorenne, inventore del “mercato del lavoro” Doveva agevolare i giovani alla ricerca di una prima occupazione. Si è rilevato solo e soltanto uno strumento a vantaggio dei suoi amici industriali. Dopo che ci ha riempito di tasse, si ripresenta per l’ennesima volta come il nuovo. Vuole togliere le tasse che lui stesso ha messo.

  • Samantha

    Avanti boccaloni, aiutate con il vostro voto, questo ciarlatano a farsi i ca*zi suoi. Pur di farsi rieleggere è giunto al voto di scambio (Reato) “Votatemi che vi restituisco i soldi dell’IMU e per di più in contanti” Guarda caso lui sarebbe il maggior beneficiario di questo. Mi rivolgo a chi gli sta vicino, per favore, portatelo da un psicologo. Diagnosi facile: Arteriosclerosi

  • /associazione ex politici/

    non dovrebbe essere difficile individuare ed assicurare alla giustizia questa banda di idioti, soprattutto perchè non facciano più male in futuro

  • Luca

    Troppe somiglianze con una mia esperienza (per fortuna non andata oltre alla “giornata esplorativa”) nel luglio 2006. Anche io risposi ad un annuncio pubblicato pero’ su un quotidiano locale. Mi fissarono subito l’appuntamento e anche nel mio caso l’ufficio era MOLTO SPOGLIO, i colloqui duravano pochi minuti ed erano sostenuti da un giovane “manager”. Mi spiegarono che il mio doveva essere un lavoro di ufficio e “anche esterno”. Il giorno dopo scoprri volevano mandarmi a fare il promoter per una nota compagnia di fonia mobile. Alla fine della giornata esplorativa ho sperato di non essere ricontattato. Per fortuna non mi hanno ricontattato perché dopo qualche mese finirono tutti in galera

  • Luca

    il reato contestato era quello di truffa ai danni di quella nota compagnia telefonica. Io non ho firmato nulla, NON ho firmato contratti. Ho solo osservato i tizi mentre lavoravano (tutto il giorno su e giu’ tra Terracina, Sabaudia e Pontinia) e mi sono accorto di molte cose che non andavano.

  • Davide

    Dopo le elezioni che saranno vinte dal Partito Democratico,tutti e dico tutti avranno un lavoro senza ricorrere a nessuna agenzia interinale.Votate PD

  • Andrea

    Oh, si che la gente viene lasciata a piedi… Sono di Latina, la mia compagna ha “provato” a contattarli e dato un appuntamento rapidissimo per il giorno seguente, è stata lasciata a piedi a FONDI. Senza neanche premunirsi che salisse sul treno o che almeno avesse i soldi per il biglietto…

  • Luca

    Hanno lasciato una donna a piedi a 60km (almeno) da casa? Ma so’ proprio bestie

  • Davideeeeee

    Ragazzi lasciate perdere questi “cambio gestore” e trovatevi un lavoro serio… Se potete squagliarvela dall’Italia e’ molto meglio…

  • POTERE.AL.POPOLO

    Scappare dall’italia i tempo di crisi e’ come il comandante che abbandona la sua nave mentre sta’ affondando.
    Un atto di codardia fare cio’.
    Mai come ora gli ITALIANI hanno avuto un’opportunita’ di scegliere dei parlamentari che rappresentano il popolo in parlamento.
    Quindi quando vi recherete ad esprimere il vostro voto ,ricordatevi che il MOVIMENTO A 5 STELLE vi rappresenta ….

  • Antonello

    POTERE.AL.POPOLO ognuno di noi deve preoccuparsi del suo futuro, altro che codardia… Un mio cugino che lavorava in Italia come ricercatore e percepiva 900 euro al mese e’ andato a Boston e grazie alle sue capacità é riuscito a raddrizzare la sua vita… Perchè avrebbe dovuto restare qui’ a fare la fame in un paese che sviliva le sue doti? La codardia c’è l’ha chi pur non lavorando preferisce starsene a casa da mammina e papino, che un piatto caldo e un tetto sopra la testa te lo assicureranno sempre, anziché crearsi una vita propria… Comunque anche io voto 5 Stelle

  • Luca

    Non penso di avere il coraggio di mollare il mio lavoro a t. indeterminato per emigrare altrove, dove certamente si guadagna meglio ma dove proprio non ho appoggi. Tanto di cappello per chi, invece, quel coraggio ce l’ha!

  • Cap

    Io anche ho fatto il colloquio con questi pezzi di m….a hanno provato a lasciarmi a piedi a Nettuno, ma dopo avergli preso letteralmente a scarpate la macchina mi hanno riportato a latina, alla mia richiesta di ridarmi il foglio che avevo firmato hanno iniziato ad insultarmi, sia il manager che la segretaria ma purtroppo per loro con l’aiuto di altri ragazzi trattatati come me, gli abbiamo devastato l’ufficio… So che è sbagliato …… NON ANDATE ASSOLUTAMENTE

  • Eh già siamo in tanti a cadere tra le loro mani anche perché dove ti giri e giri c’è un loro annuncio. il mio toutor è stato Giuseppe M.. Anche io dopo il primo giorno, tornata a casa ho cercato notizie e la prima cosa che ho fatto è stata, andare su pagine bianche e inserire il numuro della sede legale della … ( nome della società che il M. ha ripetuto miliardi di volte e che è l’azienda madre) ed uscito fuori GRUPPO RAD quello del servizio delle iene. Poi sono andata a cadere la nota società che gli avrebbe dato questi mandati a vendere i loro contratti di energia, faccio anche il nome ACEA, bhe se avessi avuto una partita Iva avrei potuto fare da sola, perché sul sito ci si può registrare come venditore eaterno insomma. Qui non si sente solo la puzza di bruciato ma si vedono le fiamme!

MandarinoAdv Post.